Apri il menu principale
Palazzo Civran
Palazzo Civran.jpg
Palazzo Civran
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneVeneto Veneto
LocalitàVenezia
Indirizzosestiere di Cannaregio
Coordinate45°26′19.68″N 12°20′11.04″E / 45.4388°N 12.3364°E45.4388; 12.3364Coordinate: 45°26′19.68″N 12°20′11.04″E / 45.4388°N 12.3364°E45.4388; 12.3364
Informazioni generali
CondizioniIn uso
CostruzioneXIV secolo
Usosede della Guardia di Finanza
Realizzazione
ArchitettoGiorgio Massari
ProprietarioStato italiano

Palazzo Civran è un palazzo di Venezia, ubicato nel sestiere di Cannaregio, affacciato sul lato sinistro del Canal Grande, poco prima del Fontego dei Tedeschi, tra il Campiello del Remer e Palazzo Perducci.

Indice

StoriaModifica

La famiglia Civran ebbe la proprietà di questo palazzo fin dal XIV secolo al quale diede forme stilistiche diverse nei rimaneggiamenti avvenuti nel corso degli anni. Attualmente il palazzo è di proprietà statale ed è sede della Guardia di Finanza[1], come si può notare anche dai colori del Corpo applicati alle paline d'ormeggio.

ArchitetturaModifica

Costruito nel XIV secolo, le forme della struttura attuale sono frutto dell'ultimo grande restauro avvenuto verso la prima metà del XVII secolo, quando il palazzo ha assunto lo stile architettonico del Tardo Rinascimento. Il pianterreno è in bugnato con portale d'acqua centrale ad arco a tutto sesto con chiave di volta in forma di testa umana; il mezzanino è formato da quattro aperture molto più elevate rispetto alla norma e fornite di una ringhiera in metallo.

Il piano nobile presente una monofora centrale quasi uguale al portale d'acqua sottostante e due coppie di monofore laterali, tutte quante unite da un unico balconcino aggettante. Il secondo piano, di elevazione più ridotta, è formata da cinque uguali monofore allineate alle cinque del piano nobile e con balconcini singoli. Tutte le aperture del primo e secondo piano, tranne la centrale del piano nobile, sono sormontate da timpani triangolari.[2]

NoteModifica

  1. ^ Brusegan, p. 61.
  2. ^ Brusegan, p. 62.

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica