Apri il menu principale
Palazzo Grano
Messina Palazzo Roccafiorita22.jpg
La facciata dell'edificio
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneSicilia Sicilia
LocalitàMessina
Informazioni generali
CondizioniDemolito
CostruzioneXVI secolo
Demolizione1909 e seguenti
Distruzione1908
Pianitre
Realizzazione
ArchitettoAndrea Calamech

Palazzo Grano, già palazzo Roccafiorita, si trovava a Messina, sulla via della Pace dei Bianchi.

Indice

StoriaModifica

È un'opera cinquecentesca di Andrea Calamech, appartenenne ai principi di Roccafiorita, poi alla famiglia Grano, nobile casata originaria della Spagna. Monsignor Gaetano Grano[1] vi installò una splendida pinacoteca e una ricca collezione naturalistica. In un'ala del pianterreno ospitò la Real Scuola Tecnica Alojsio Juvara.

Subì gravissimi danni nel terremoto del 1908 con la caduta del prospetto principale, il crollo di tutto il terzo piano e la rovina degli interni. Fu in seguito demolito con il piccone e la dinamite. Molti suoi elementi decorativi si trovano oggi nel Museo Regionale di Messina.

ArchitetturaModifica

Il palazzo è stato il prototipo dei palazzi barocchi siciliani. La facciata presenta parti con bugne separate da solchi profondi. Il balcone sopra il portale centrale era sorretto da mensole, che da elementi puramente funzionali assumevano un carattere fortemente decorativo, decorate come atlanti o cariatidi, con uno sviluppo marcatamente verticale.

Galleria d'immaginiModifica

NoteModifica

  1. ^ G. Oliva, Messina prima e dopo il disastro, Messina 1914. pagina 368, Principato, 1914.
    «…Diverse vicende fecero sì che la famiglia Grano, della quale fece parte il noto Monsignore letterato e latinista,...divenisse padrona dello stabile…».

Altri progettiModifica