Apri il menu principale

Palazzo Widmann

edificio progettato da Sebastian Altmann a Bolzano, Italia
Palazzo Widmann
Palais Widmann in Bozen.jpg
L'ingresso attuale di Palazzo Widmann, realizzato a seguito dell'ampliamento del 1929
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneTrentino-Alto Adige
LocalitàBolzano
Coordinate46°29′52.28″N 11°21′28.47″E / 46.497855°N 11.357908°E46.497855; 11.357908Coordinate: 46°29′52.28″N 11°21′28.47″E / 46.497855°N 11.357908°E46.497855; 11.357908
Informazioni generali
CondizioniIn uso
Costruzione1882-1885
Ricostruzione1929
Stileneorinascimentale
Usouffici
Realizzazione
ArchitettoSebastian Altmann (edificio originario)
ProprietarioProvincia Autonoma di Bolzano
Committentefamiglia von Widmann-Staffelfeld zu Ulmburg

Palazzo Widmann (in tedesco: Palais Widmann), anche noto come Palazzo provinciale 1 (in tedesco: Landhaus 1), è un palazzo nobiliare di Bolzano, dal 1955 sede della giunta della provincia autonoma di Bolzano.

StoriaModifica

Il palazzo venne originariamente realizzato in stile neorinascimentale per la famiglia von Widmann-Staffelfeld zu Ulmburg dall'architetto civico Sebastian Altmann tra il 1882 ed il 1885, con ingresso sul lato ovest, dall'attuale via Laurin.[1][2]

Nel 1899 il genero di Altmann, l'architetto Johann Bittner, curò l'aggiunta della balconata, sempre sulla facciata occidentale, e un ampliamento sul retro.[3][2]

Nel 1929 venne scelto come sede della prefettura e allo scopo fu ingrandito, prolungando l'edificio sul lato orientale.[2]

Nel settembre del 1943 palazzo Widmann venne danneggiato da un bombardamento; al termine della seconda guerra mondiale venne risanato e dal 1955 ospita gli uffici della giunta provinciale.

NoteModifica

  1. ^ Nicolò Rasmo, Altmann Sebastian, su comune.bolzano.it. URL consultato il 14 gennaio 2018.
  2. ^ a b c Palazzo Widmann, su provincia.bz.it. URL consultato il 15 gennaio 2018.
  3. ^ (DE) Spannende, kostenlose Führungen zum Europäischen Tag des Denkmals, su comune.bolzano.it, 26 settembre 2010. URL consultato il 15 gennaio 2018.

Altri progettiModifica