Apri il menu principale
Palazzo dei Celestini
Lecce Palazzo dei Celestini.JPG
Facciata
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegionePuglia Puglia
LocalitàLecce
Coordinate40°21′18″N 18°10′23.88″E / 40.355°N 18.1733°E40.355; 18.1733Coordinate: 40°21′18″N 18°10′23.88″E / 40.355°N 18.1733°E40.355; 18.1733
Informazioni generali
CondizioniIn uso
Costruzione1549 - 1695
Stilebarocco
Usosede della Provincia di Lecce
Il cortile

Il palazzo dei Celestini, per tre secoli sede del convento dei padri celestini, è un monumento barocco di Lecce. Il palazzo e la basilica di Santa Croce costituiscono un unico complesso.

StoriaModifica

Il monastero venne istituito già nel 1352 dal conte di Lecce e duca di Atene, Gualtieri VI di Brienne. Tale complesso, affidato fin dall'inizio ai celestini, era situato sull'area occupata oggi dal castello. Nel 1549, infatti, in seguito alla volontà di Carlo V di ampliare le mura e di costruire una nuova fortezza, il convento fu abbattuto e i celestini si stabilirono nell'attuale sito.

DescrizioneModifica

Il nuovo complesso venne costruito a partire dal 1549, su progetto del Riccardi, al quale si deve l'originario chiostro e il portale dell'annessa Basilica di Santa Croce.

I maggiori lavori furono realizzati nel '600. Il lungo prospetto (1659-1695) fu opera di due architetti leccesi; Giuseppe Zimbalo e Giuseppe Cino, i quali edificarono rispettivamente il primo e il secondo ordine.

Gli ordini della facciata risultano spartiti verticalmente da lesene. Il prospetto è arricchito da due loggette poste sui lati, da numerose finestre decorate da elaborate cornici e da un fregio ornato con scudi araldici. Il portale d'ingresso , posto al centro, presenta una decorazione di putti e grappoli di frutta.

Dopo la soppressione degli ordini, avvenuta nel 1807, il monastero divenne palazzo del Governo. Attualmente ospita gli uffici della Prefettura e della Provincia.

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica