Apri il menu principale

Palazzo della Camera di commercio (Benevento)

edificio di Benevento

Coordinate: 41°07′47.53″N 14°46′56.85″E / 41.129869°N 14.782458°E41.129869; 14.782458

La facciata del palazzo

Il palazzo della Camera di commercio di Benevento si trova in piazza Castello.

Cenni storiciModifica

La costruzione della nuova sede del Consiglio provinciale dell'economia di Benevento fu decisa nel 1930. La progettazione dell'opera venne affidata all'ingegnere Giovanni Boccaccino, che ne curò la realizzazione con la collaborazione dell'architetto Mario Gioia.

L'opera, iniziata agli inizi del 1932 fu portata a termine nel 1935. Subì molti danni dagli eventi bellici del 1943; alla fine del XX secolo è stata ristrutturata e abbellita.

DescrizioneModifica

Il palazzo ha una pianta a L, il cui braccio più lungo è però piegato per assecondare l'andamento di corso Garibaldi. Si eleva su 3 piani, ciascuno con 22 ambienti.

Gioia curò il palazzo nei minimi dettagli, facendone un'opera d'arte. La facciata in marmi bianchi e mattoni, ispirata all'architettura romanica, presenta bifore e trifore ai piani sopraelevati; un cornicione di ceramiche decorate con i simboli dei mestieri, opera dell'artigiano Lorenzo Zoppoli, si estende sotto le finestre dell'ultimo piano.

L'arredamento delle sale più importanti fu realizzato da Luigi Tresca, anch'egli artigiano locale; vi sono inoltre due quadri di noti artisti locali del XIX secolo: Campagna beneventana del pittore Attilio Zanchelli e Pane e terra di Nicola Ciletti.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Benevento: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Benevento