Pallante (gigante)

gigante della mitologia greca

Pallante (in greco antico: Πάλλας, Pallás) o Pallade o Pallas è un personaggio della mitologia greca ed un Gigante dalla pelle impenetrabile.

Pallante
Nome orig.Πάλλας
SpecieGigante
SessoMaschio

GenealogiaModifica

Nato (come tutti i giganti) dal sangue di Urano caduto su Gea[1] o dal Tartaro[2].

MitologiaModifica

Il nome di Pallante appare spesso nella mitologia ed a lui vengono associate storie confuse e che lo collegano ad altri personaggi. In genere tutte concordano che sia morto durante la Gigantomachia e sovente la sua morte avviene per causa della dea Atena, ma altre volte è la sua stessa esistenza ad essere confusa con quella di altri miti.

Athena Pallade e l'EgidaModifica

Secondo Apollodoro, durante la Gigantomachia il gigante fu da lei scorticato e con sua pelle la dea ottene l'Egida[3].
Due autori (Clemente Alessandrino e Cicerone) scrivono invece che Pallante sia stato il padre di Atena e che sia stato scorticato dopo un tentativo di violentarla[4].
Da Epicarmo provengono frammenti che aggiungono che fu da questo episodio che la dea prese l'epiteto di Pallade[5].

Euripide sembra invece considerare la presenza di una gorgone tra i giganti durante la guerra contro gli dei ed aggiunge che fu lei ad essere uccisa e scorticata e che fu dalla pelle della gorgone che sia stata fatta l'Egida[6], mentre il poema epico Meropis dice che il gigante ucciso da Athena sia Asterio (non Pallade) e che sia da quest'altra pelle che proviene l'Egida.

Nella Gigantomachia del poeta latino Claudiano (scritta nel tardo IV secolo d.C.), Pallante figura come uno dei tanti giganti trasformati in pietra da Minerva (il corrispettivo romano di Athena) che utilizza uno scudo che indica con il nome di Gorgon.

OmonimieModifica

Pallante è anche il nome di un titano[7] e negli scritti mitologici viene spesso confuso con il gigante Pallante.

NoteModifica

  1. ^ Esiodo, Teogonia 185
  2. ^ Igino, Fabulae prefazione
  3. ^ Apollodoro, Biblioteca I, 62
  4. ^ Cicerone, De natura deorum III, 23
  5. ^ Epicarmo, frammento di un'opera sconosciuta
  6. ^ Euripide Ione 987 e 997
  7. ^ (EN) Il titano Pallante su theoi.com, su theoi.com. URL consultato il 20 aprile 2019.

Voci correlateModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN316444138 · BNF (FRcb15082655x (data)
  Portale Mitologia greca: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia greca