Pallavolo Brescia

Pallavolo Brescia
Pallavolo Volleyball (indoor) pictogram.svg
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali 600px Bianco con V Azzurra.png Bianco e azzurro
Dati societari
Città Brescia
Paese Italia Italia
Confederazione CEV
Federazione FIPAV
Fondazione 1946
Scioglimento 2002
Palazzetto Centro Sportivo Caionvico
(2400 posti)
Palmarès
Si invita a seguire le direttive del Progetto Pallavolo

La Pallavolo Brescia è stata una società pallavolistica maschile di Brescia.

StoriaModifica

A Brescia la pallavolo si praticò sin dall'immediato dopoguerra con due società, la Lale e la CSI (prima squadra italiana a vantare l'appoggio di un vero sponsor, il Bar Torrione), che presero parte ai primi campionati di massima serie; retrocessero rispettivamente nel 1950 e nel 1955. Per oltre trent'anni i club bresciani militarono in categorie regionali.

Nel 1984 la Pallavolo Brescia, società fondata nel 1974, approdò in Serie B e, nel 1986, vincendo il proprio girone, riuscì nella conquista della Serie A2. Fu al termine della stagione 1990-91 che, giungendo prima in classifica alla pari con l'Olio Venturi Spoleto, la Siap Brescia ottenne la promozione in A1 e il diritto a disputare i play-off scudetto, persi al primo turno contro la Sisley Treviso.

Nel 1991-92 la Pallavolo Brescia, sponsorizzata dall'Aquater, ottenne il nono posto in classifica e l'accesso ai play-off, nei quali fu sconfitta nuovamente al primo turno contro la Sidis Tombolini Falconara. L'anno successivo (1992-93) concluse il campionato all'ultimo posto, ritornando in A2.

Nel 1995 il patrocinio della Colmark rilanciò il club bresciano che, ingaggiati lo schiacciatore olandese Olof Van Der Meulen e il libero Daniele Vergnaghi, ottenne la promozione in A1 nell'annata 1995-96. Da neopromossa, disputò nel 1996-97 un brillante campionato di A1, con allenatore Ljubomir Travica, concluso al quinto posto. Nei play-off, la Colmark si fermò ai quarti di finale, contro la Lube Banca Marche Macerata. Nell'estate 1997 la società rinunciò inaspettatamente all'iscrizione in A1, cedendo i diritti alla Com Cavi Multimedia Napoli.

L'ultima apparizione di un team bresciano in Serie A risale alla stagione 2001-02; l'anno precedente, per iniziativa dell'imprenditore Marcello Gabana, già sponsor della Pallavolo Montichiari, una società pallavolistica di Rodengo-Saiano fu spostata a Brescia, denominata Gabeca Pallavolo e, adottati i colori sociali giallo e nero, fu iscritta al campionato di Serie B1. Vinta la categoria, disputò un'unica stagione in Serie A2 (arrivò ai play-off promozione, persi contro la Pet Company Perugia) prima dell'abbandono del progetto da parte dello stesso Gabana, ormai diventato presidente del Montichiari. La maggiore esponente della pallavolo bresciana maschile è oggi l'Atlantide Pallavolo, che milita in Serie A2.