Apri il menu principale

Pancrazio Amoretti

incisore italiano

Pancrazio Amoretti (San Pancrazio Parmense, 16 settembre 173231 marzo 1816) è stato un incisore e fabbro del Ducato di Parma e Piacenza.

Pancrazio e il fratello Giacomo furono per molti anni i migliori collaboratori e amici di Giambattista Bodoni, come testimonia il suo carteggio: nel 1783 Giuseppe Bodoni chiede al fratello Giambattista di salutare la famiglia Amoretti, in particolare Giacomo e Pancrazio, ricordando i momenti conviviali trascorsi insieme a San Pancrazio Parmense.

Quando nel settembre del 1791 l'abate spagnolo Juan Andrès fece visita alla tipografia Bodoniana a Parma, riconobbe in Pancrazio l'artefice di tutti i punzoni e gli attrezzi necessari all'attività dell'officina, proprio mentre si consumava il cosiddetto dissidio tra gli Amoretti e Bodoni e i fratelli di Pancrazio (Giacomo e Francesco) e i suoi figli (don Andrea, Giovanni, Pietro e Vittorino) lavoravano in segreto a San Pancrazio per fondare la tipografia dei Fratelli Amoretti.

Il testo dell'Andrès riporta: «Un'arte merece en Parma la atencion de todos los forasteros, y esta sola supone la perfecion de otras muchas. La imprenta de Parma es conocida en toda Europa, y se puede decir que aun fuera de ella en los paeses cultos de otras partes del mundo. El mérito de esta celebridad se debe al famoso Bodoni; però quantos otros no contribuyen à su mayor perfeccion, y merecen tambien su particular alabanza? Pancracio Moretti [sic, per Amoretti] es el executor de los punzones y de todos los hierros que sirven à la imprenta bodoniana».

La traduzione letterale è: «Un'arte merita a Parma l'attenzione di tutti gli stranieri, e questa sola suppone la perfezione di molte altre. La stamperia di Parma è famosa in tutta l'Europa, e si può dire anche al di fuori di essa nei paesi colti di altre parti del mondo. Il merito di questa celebrità si deve al famoso Bodoni; però quanti altri contribuiscono alla sua maggiore perfezione, e meritano pur essi la sua particolare lode? Pancrazio Amoretti è l'esecutore dei punzoni e di tutti gli attrezzi che servono alla stamperia Bodoniana».

La traduzione del Passerini, contro la quale Bodoni si scagliò furiosamente, è più edulcorata e recita: «La stamperia di Parma è famosa in tutta l'Europa, e si può dire anche al di fuori di essa nei paesi colti di altre parti del mondo. Il merito di questa celebrità si deve al famoso Bodoni; nulladimeno altri contribuiscono alla sua maggiore perfezione, e meritano pur essi una particolar lode. I fratelli Amoretti di S. Pancrazio sono gli esecutori dei ponzoni e di tutti i ferri che servono alla stamperia Bodoniana».

BibliografiaModifica

  • A. De Pasquale, Allievi e antagonisti di Giambattista Bodoni: gli Amoretti di San Pancrazio, Parma: Artegrafica Silva, 2009.
  • U. Benassi, Commemorazione di G. B. Bodoni e dei fratelli Amoretti, Parma: Federale, 1913.
  • V. Passerini, Memorie aneddote per servire un giorno alla vita del Signor Giovanbattista Bodoni tipografo di Sua Maestà Cattolica e direttore del Parmense Tipografeo, Parma: dalla stamperia Carmignani, 1804.
  • J. Andrès, Cartas familiares del abate D. Juan Andres a su hermano D. Carlos Andres, dandole noticia del viaje que hizo a varias ciudades de Italia en el ano 1791 [...], tomo IV, Madrid: imprenta de Sancha, 1793.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie