Apri il menu principale
Battaglia di Montjuic del 1641

Pandolf Resch (Danzica, 1643Firenze, 1699) è stato un pittore polacco del periodo barocco.

Indice

Vita e opereModifica

Pandolf Resch italianizzato in Pandolfo Reschi nacque a Danzica e sin dalla più tenera età si era trasferito prima in Germania, poi a Roma. Si fece conoscere, in giovane età nei circoli pittorici della Città eterna. Fu un pittore Battaglista, sullo stile di Salvator Rosa, anche se il suo vero maestro fu il fiammingo-italianizzato Livio Mehus. Con Mehus e il Rosa affinò le sue doti di pittore di battaglie, in seguito fu preso a bottega dal Borgognone, anche se la sua occupazione principale fu quella di pittore di genere.

Seguendo il Mehus fu ingaggiato, intorno al 1670, dalla corte medicea, per la quale lavorò e fu protetto del cardinale Francesco Maria de' Medici, presso il quale visse tra il 1680 fino al giorno della sua morte. I suoi quadri furono molto apprezzati e ordinati dalle maggiori famiglie nobili toscane, in particolare i Gerini e i Corsini. Lavorò per la Galleria degli Uffizi sotto la direzione dell'erudito e architetto fiorentino Giacinto Marmi.

Il Reschi morì a Firenze, ormai sua seconda patria, nel 1699, per altre fonti invece l'anno di morte viene stabilito nel 1696.

Lo stileModifica

Pandolfo Reschi fu il maggior battaglista fra i pittori fiorentini. Oltre Salvator Rosa e il già citato Mehus, Reschi fu fortemente influenzato dalla conoscenza delle opere del suo maestro Jacques Courtois detto il Borgognone e quelle di Pieter Mulier detto il Cavalier Tempesta. Come tutta la pittura fiorentina barocca, fu presto soppiantata prima dal Rococò e in seguito dal Neoclassicismo. Reschi fu così quasi dimenticato (come altre decine di pittori del periodo). La sua rivalutazione è una cosa piuttosto recente.

 
Veduta di Palazzo Pitti

Nel suo stile si possono riconoscere i pittori citati in precedenza, anche se il suo stile si distacca per certe coloriture metalliche, al limite della freddezza. Ma questo rende la sua produzione particolarmente originale e ricercata dai collezionisti della sua epoca. Molte delle sue tele sono oggi in collezioni private, anche se nella Galleria Palatina si possono ammirare due grandi quadri:

  • Paesaggio con assalto ad un convento
  • Paesaggio con miracolo di San Giovanni Battista

Partecipò, nel 1690, alla decorazione degli specchi della Galleria di Palazzo Medici Riccardi eseguendo uccelli palustri in un canneto, una colomba e una capra, quale specialista in rappresentazioni di animali[1].

Mentre a Roma si possono ammirare il:

  • Paesaggio con la Villa medicea di Lappeggi *
  • Paesaggio con viandanti
  • Paesaggio con cascata di chiara impronta rosiana

NoteModifica

  1. ^ Mina Gregori, Gli specchi dipinti della Galleria Riccardi, in Paragone, XXIII (1972), 267, pp. 74-82

BibliografiaModifica

  • F. Zeri, G. Cavazzini, La battaglia nella pittura del XVII e XVIII secolo, 1986
  • Novella Barbolani di Montauto, Pandolfo Reschi, 1996

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN30349416 · ISNI (EN0000 0003 5431 0154 · LCCN (ENn97051241 · GND (DE119551454 · ULAN (EN500027271 · CERL cnp00559038 · WorldCat Identities (ENn97-051241