Panzerschreck

lanciarazzi anticarro portatile
Panzerschreck
Bundesarchiv Bild 101I-671-7483-29, Reichsgebiet, Soldat mit Panzerabwehrwaffe.jpg
Un Panzerschreck con annesso uno scudo anti-esplosione
TipoLanciarazzi anticarro portatile
OrigineGermania Germania
Impiego
UtilizzatoriGermania Germania nazista
Finlandia Finlandia
Flag of Hungary (1867-1918).svg Regno d'Ungheria
ConflittiSeconda guerra mondiale
Produzione
Numero prodotto289 151
VariantiRPzB 43, RPzB 54, RPzB 54/1
Descrizione
Peso9,5 kg o 11 kg con scudo
Lunghezza1,67 m
Calibro88 mm
Velocità alla volata110m/s
Tiro utile150 m
World Guns.ru[1]
voci di armi da fuoco presenti su Wikipedia

Il Panzerschreck (letteralmente "spaventa-carri" in tedesco), la cui denominazione ufficiale era Raketepanzerbüchse 43 (RPzB 43), è un lanciarazzi anticarro portatile usato dall'esercito tedesco durante la seconda guerra mondiale.

Il principio di funzionamento del Panzerschreck era lo stesso del bazooka statunitense: un tubo cilindrico in cui veniva inserito da una delle due estremità un proiettile a razzo dotato di una carica cava. Tale proiettile veniva sparato uscendo dall'altra estremità del tubo senza produrre un rinculo rilevante, rendendolo perfetto anche per l'uso da parte di un semplice fante in ruolo anticarro[2].

Nel 1942, in Tunisia, si ebbe il primo scontro della 2ª guerra mondiale fra truppe terrestri statunitensi e tedesche. In questa occasione, i tedeschi rimasero impressionati dalle caratteristiche dell'arma controcarro portatile che le truppe statunitensi impiegavano: il lanciarazzi Bazooka[3]. Questo era una grave minaccia per i carri tedeschi, in quanto la carica cava di cui era dotato il razzo sparato poteva perforare la corazza di quasi tutti i carri in dotazione alle Panzerdivisionen ed inoltre, considerando che era un'arma portatile e che era di costruzione particolarmente semplice ed economica, quindi largamente distribuibile tra le truppe di fanteria, ne venne presa in considerazione la riproduzione da parte tedesca, che venne ordinata alla HASAG di Meuselwitz nel 1943[4].

CaratteristicheModifica

 
Fronte orientale, marzo 1944: operatore di un Panzerschreck, con la maschera in cuoio per proteggersi dalla fiamma prodotta dall'arma

Il Panzerschreck nacque come riproduzione del bazooka con piccoli aggiustamenti: il calibro era di 88 mm anziché di 60 mm, e il sistema utilizzato per l'accensione del razzo al momento della pressione del grilletto nel sistema tedesco era basato su un generatore magnetico di elettricità, anziché su un pacco batteria come nel sistema statunitense. Anche la presenza di uno scudo di protezione per il tiratore posto sul lato sinistro del tubo di lancio, necessario in quanto il motore del razzo era ancora in funzione dopo l'uscita dal tubo lanciatore, differenziava l'arma tedesca da quella statunitense.

Come tutte le armi di questa categoria, anche il RPzB 43 al momento dello sparo del proprio razzo, generava una violenta vampata di gas di scarico che usciva dal retro del tubo di lancio, con grande pericolo nei confronti del personale che si fosse trovato nelle vicinanze e posteriormente all'arma. Sempre per tale vampata posteriore, era improponibile l'uso di questo lanciarazzi anticarro portatile dall'interno di luoghi chiusi (stanze o veicoli), pena la perdita degli stessi operatori dell'arma[5].

RuoloModifica

All'epoca, nell'esercito tedesco era presente un'altra arma anticarro portatile: il lanciagranate Panzerfaust.

Quest'ultimo era dotato di un tubo di lancio di dimensioni estremamente ridotte, in quanto tutta la parte anteriore della testata anticarro sporgeva anteriormente dal tubo di lancio su cui era montata direttamente in fabbrica e pronta all'uso. Le dimensioni inferiori di quest'arma e la sua semplicità di utilizzo, la rendevano perfetta per una distribuzione in larga scala per uso individuale, mentre il Panzerschreck, più preciso e con maggiore gittata (oltre 150 m contro meno di 100 m) ma anche leggermente più ingombrante (era lungo 1,67 m) e pesante (9,5 kg senza il razzo contro i 6,5 kg del Panzerfaust armato), era più adatto ad un uso con due operatori (tiratore e servente) in ambito di reparto. La sua funzione era di sopprimere i mezzi corazzati con una corazzatura fino a 13 cm di spessore[6].

UtilizzatoriModifica

NoteModifica

  1. ^ RPzB.43 Ofenrohr / RPzB.54 Panzerschreck antitank rocket launcher (Germany), su world.guns.ru. URL consultato il 27 gennaio 2013.
  2. ^ Panzerschreck, su britannica.com. URL consultato il 15 agosto 2013.
  3. ^ (EN) Steven Zaloga, Armored Thunderbolt: The U.S. Army Sherman in World War II, Stackpole Books, 22 settembre 2008, ISBN 978-0-8117-4244-3. URL consultato il 12 agosto 2020.
  4. ^ The Panzerschreck-Directory, su bergflak.com. URL consultato il 27 gennaio 2013.
  5. ^ German 88 mm "Panzerschreck", su inert-ord.net. URL consultato il 27 gennaio 2013.
  6. ^ Panzerschreck, su homepage.tinet.ie. URL consultato il 15 agosto 2013.
  7. ^ a b c d e f Gordon L. Rottman, The Panzerfaust and Panzerschreck in other hands, in Panzerfaust and Panzerschreck, Osprey Publishing, 2014, pp. 68–69, ISBN 978-1-78200-788-3.
  8. ^ (HU) Rada Tibor, Német gyalogsági fegyverek magyar kézben [German infantry weapons in Hungarian hands], in A Magyar Királyi Honvéd Ludovika Akadémia és a Testvérintézetek Összefoglalt Története (1830-1945), II, Budapest, Gálos Nyomdász Kft., 2001, p. 1114, ISBN 963-85764-3-X.
  9. ^ WorldWar2.ro - Soldat Traiam Giurgelea - amintiri din Moldova, su worldwar2.ro.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàLCCN (ENsh2014100297 · J9U (ENHE987007407561605171
  Portale Guerra: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di guerra