Apri il menu principale
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'omonima santa, vedi Santa Paola Frassinetti.
Paola Frassinetti
Paola Frassinetti daticamera 2018.jpg

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature XV, XVI, XVIII
Gruppo
parlamentare
XV:
- Alleanza Nazionale

XVI:
- Il Popolo della Libertà

XVIII:
- Fratelli d'Italia

Circoscrizione Lombardia 1
Collegio XVIII:
4 (Seregno)
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico MSI (Fino al 1995)
AN (1995-2009)
PdL (2009-2012)
FdI (Dal 2012)
Titolo di studio Laurea in Giurisprudenza
Università Università Cattolica del Sacro Cuore
Professione Avvocato

Paola Frassinetti (Genova, 2 maggio 1956) è una politica e avvocato italiana.

BiografiaModifica

Nata a Genova si trasferisce presto con la famiglia a Milano, dove consegue la maturità classica al liceo Carducci e si laurea in giurisprudenza all'Università Cattolica del Sacro Cuore.

Esercita la professione di avvocato civilista.

Attività politicaModifica

Inizia giovanissima la sua carriera politica, aderendo al Fronte della Gioventù, diventandone negli anni '70 la responsabile del settore cultura, e successivamente aderisce al Movimento Sociale Italiano.

Nel 1994 aderisce al progetto politico di Alleanza Nazionale, facendo sempre riferimento alla corrente Destra sociale.

Nel 1997 è eletta consigliere provinciale di Milano per Alleanza Nazionale.

Nel 1999 è confermata consigliere provinciale di Milano e, poco dopo, viene eletta vicepresidente vicario del Consiglio.

Nel 2001 viene nominata assessore all'Istruzione e all'Edilizia Scolastica e ricopre la funzione di coordinatore degli Assessori all'Istruzione dell'Unione delle Province Lombarde.

Negli anni di governo a Palazzo Isimbardi si distingue nelle battaglie per l'istruzione libera e di qualità, per la riqualificazione e il rilancio di decine di complessi scolastici, per il diritto allo studio e la centralità di studenti e famiglie, per la valorizzazione della cultura classica e nazionale, per il recupero di pagine dimenticate della storia italiana, con l'obbiettivo ambizioso di contribuire a ricostruire una memoria storica condivisa per il popolo italiano.

Nel 2004 è rieletta consigliere provinciale di Milano, risultando la più votata nella lista di Alleanza Nazionale del suo collegio (Milano 2 - Greco, Zara, Garibaldi, Gioia).

Dopo la sconfitta del centrodestra alle Provinciali, diventa capogruppo in Consiglio Provinciale.

Elezione a deputatoModifica

Alle elezioni politiche del 2006 è candidata alla Camera dei deputati, nella circoscrizione Lombardia 1, nelle liste di Alleanza Nazionale, venendo eletta deputata della XV Legislatura, durante la quale è componente dei seguenti organi parlamentari: giunta per le autorizzazioni, comitato permanente per i procedimenti di accusa, commissione giurisdizionale per il personale e VII Commissione (cultura, scienza e istruzione).

Alle successive elezioni politiche del 2008 è rieletta, sempre nella circoscrizione Lombardia 1, alla Camera dei deputati nelle liste del Popolo della Libertà, diventando poi vicepresidente della VII Commissione (cultura, scienza e istruzione).

L'adesione a Fratelli d'ItaliaModifica

Nel dicembre 2012, assieme ad altri 18 deputati e dieci senatori, abbandona Il Popolo della Libertà e contribuisce a fondare Fratelli d'Italia.

Alle elezioni politiche del 2013 è quindi candidata al Senato della Repubblica, nella regione Veneto, con Fratelli d'Italia (in seconda posizione), tuttavia non viene eletta poiché il partito non supera la soglia di sbarramento del 3% a livello regionale.

Dal 2013 è il portavoce regionale della Lombardia per Fratelli d’Italia.

In occasione delle Elezioni Amministrative del 2016 a Milano, si candida per la carica di consigliere comunale nelle liste di Fratelli d'Italia - Alleanza Nazionale, a sostegno del candidato unico del centro-destra Stefano Parisi: nonostante i 958 voti di preferenza ottenuti, non riesce ad essere eletta a causa dei bassi consensi riscossi dal partito (2,42%) che non hanno permesso l'elezione di alcun candidato.

Torna a Montecitorio nel 2018, quando viene rieletta deputata nel collegio uninominale di Seregno.

Altri incarichiModifica

Nel 1996 fonda, insieme a Gianni Alemanno l'Associazione Culturale "Area" che si prefigge il compito di diffondere le tematiche identitarie e sociali della Destra italiana.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica