Paolino di Pella

poeta greco antico

Paolino di Pella (in latino: Paulinus Pellaeus; Pella, 376Marsiglia, 459) è stato un poeta romano.

BiografiaModifica

Paolino nacque nella città di Pella, nella Macedonia II Salutaris, e visse a Cartagine, a Roma e nella Gallia meridionale, in particolare a Burdigala (odierna Bordeaux), luogo d'origine tra l'altro della famiglia paterna. Difatti, suo padre, Esperto, era un funzionario gallo-romano, che al tempo della sua nascita ricopriva la carica di prefetto imperiale di Pella, figlio a sua volta del poeta e funzionario imperiale Decimo Magno Ausonio, mentre sua madre era una donna greca.

 
Dioniso, mosaico di Pella (Macedonia)

Dopo una giovanile esistenza segnata da dissipazioni, Paolino si sposò. La morte di suo padre, nel 406, fu seguita da una invasione di barbari nella Gallia meridionale e la sua vita fu attraversata da pericoli e da dissesti finanziari.[1] Nel 414 Prisco Attalo, elevato dai Visigoti alla carica di Imperatore dei Romani (ma storicamente considerato un usurpatore), lo nominò Comes rerum privatarum, esentandolo dall'ospitare i soldati Visigoti nelle sue proprietà. Per il rovesciamento della situazione militare, le sue proprietà furono tuttavia devastate e confiscate.

Fu riammesso nella comunità dei cristiani nel 421, dopo aver abbandonato idee contrarie alla fede.

Paolino di Pella scrisse a 83 anni un poemetto autobiografico, in latino, in 616 esametri - per ringraziare e lodare Dio - e lo intitolò Eucharistikos (in greco antico: Εὐχαριστικός). Nei suoi versi, introdotti da un discorso in prosa, in cui ha raccontato anche episodi cui aveva assistito, egli ha saputo esprimere schiettezza, sincerità di sentimenti religiosi e bontà dell'animo.

Incipit dell’EucharistikosModifica

«Enarrare parans annorum lapsa meorum
tempora et in seriem deducere gesta dierum
ambigua exactos vitae quos sorte cucurri,
te, deus omnipotens, placidus mihi, deprecor, adsis
adspiransque operi placita tibi coepta secundes,
effectum scriptis tribuens votisque profectum,
ut tua te merear percurrere dona iuvante.»

Edizioni e traduzioniModifica

  • (LA) Paulini Petricordiae carmina rec. M. Petschenig. Orientii carmina rec. R. Ellis. Paulini Pellaei Eucharisticos rec. G. Brandes. Claudii Marii Victoris Alethia et Probae Cento rec. C. Schenkl, Pragae-Lipsiae, F. Tempsky-Freytag, 1888, SBN IT\ICCU\PUV\0676863.
  • (ENLA) Decimus Magnus Ausonius, Ausonius with an English translation by Hugh G. Evelyn White in two volumes, vol. II with the Eucharisticus of Paulinus Pellaeus, London-New York, W. Heinemann-G.P. Putnam's sons, 1921, SBN IT\ICCU\TO0\1524452.
  • (FRLA) Paulin de Pella, Poème d'action de grâces et prière; introduction, texte critique, traduction, notes et index par Claude Moussy, Paris, Les éditions du Cerf, 1974, SBN IT\ICCU\PUV\0012478.
  • Paolino di Pella, Discorso di ringraziamento, a cura di Arnaldo Marcone, Fiesole, Nardini, 1995, SBN IT\ICCU\LO1\0367832.
  • (LA) Paulinus Pellaeus, Carmina; accedunt duo carmina ex Cod. Vat. Urb. 533, a cura di Carlo M. Lucarini, Monachii et Lipsiae, in aedibus K.G. Saur, 2006, SBN IT\ICCU\BVE\0425027.

NoteModifica

  1. ^ Paolo Brezzi,  p. 64.

BibliografiaModifica

  • Paolo Brezzi, Paolino di Pella, in Dizionario Letterario Bompiani. Autori, III, Milano, Bompiani, 1957, p. 64.
  • Dante Nardo, Un'eco terenziana in Paolino di Pella, in Atti e memorie dell'Accademia patavina di scienze lettere ed arti, Padova, Società cooperativa tipografica, 1974, pp. 121-123, SBN IT\ICCU\RMS\1314772.
  • Alessandro Fo, Tentativo di introduzione a Paolino di Pella, in Metodologie della ricerca sulla Tarda Antichità, Atti del Primo Convegno dell'Associazione di Studi Tardoantichi, a cura di Antonio Garzya, Napoli, D'Auria Editore, 1990, pp. 361-382.
  • Arnaldo Marcone, Il mondo di Paolino di Pella, in De Tertullien aux Mozarabes, Mélanges offerts a Jacques Fontaine, I, Paris, Institut d'études augustiniennes, 1992, pp. 340-348, SBN IT\ICCU\TO0\0067764.

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN365990 · ISNI (EN0000 0001 0861 9084 · BAV 495/131071 · CERL cnp01347831 · LCCN (ENn50080398 · GND (DE100968694 · BNE (ESXX1195825 (data) · BNF (FRcb12515459g (data) · J9U (ENHE987007266336205171 · CONOR.SI (SL208784227 · WorldCat Identities (ENlccn-n50080398