Apri il menu principale

«Forse è la vita vera.
Il carro dipinto,
i cavalli selvatici e docili, ebbri di vento,
le belle figlie in cenci,
la mensa a bivacco furtiva sotto gli astri,
la strada bianca del mondo»

(da Aeroplani, Zingari)
Paolo Buzzi

Paolo Buzzi (Milano, 15 febbraio 1874Milano, 18 febbraio 1956) è stato un poeta e scrittore italiano di impronta futurista.

BiografiaModifica

Figlio di Angelo e Camilla Riva, donna di antichissima e nobile famiglia galbiatese (nipote del Nob. Don Ing. Cesare Riva Finoli), dopo essersi laureato in Legge ha lavorato per tutta la vita presso l'Amministrazione Provinciale di Milano occupandosi attivamente dei molti problemi sociali del momento, come quello della pellagra.

Il periodo di apprendistatoModifica

Ricco di interessi letterari iniziò presto l'attività di scrittore con una commedia nel 1886 e con un libretto d'opera (Crevalcore, per Anna Radius Zuccari, alias Neera) nel 1907. Si cimentò con una raccolta di poesie dialettali dal titolo "Cuna voeuia "(Culla vuota) e concluse con le liriche "Rapsodie leopardiane" questo suo primo periodo di noviziato.

Il periodo avanguardisticoModifica

Dopo aver conosciuto Marinetti, il giovane poeta aderì con entusiasmo al movimento futurista che era sorto da poco e nel 1905 fu tra coloro che contribuirono a fondare la rivista "Poesia". Per "Poesia" , che aveva indetto il primo concorso letterario, scrisse un lungo poema in prosa, dal titolo "L'esilio", che gli valse la vittoria. Il poema venne poi dato alla stampa nel 1906.

Nel futurismoModifica

Firmò tra i primi il Manifesto del movimento futurista, che uscì a Parigi nel 1909, sottoscrisse il ripudio di Venezia passatista nel marinettiano Uccidiamo il chiaro di luna[1]. "Aeroplani" sarà la sua prima opera di versi di stampo futurista e verrà pubblicata a Milano da Edizioni di "Poesia" nel 1909. Nel 1912, nell'antologia "I poeti futuristi", il poeta pubblicò molte sue poesie oltre ad un saggio sul verso libero. Seguirà, nel 1915, il romanzo "L'ellisse e la spirale. Film + parole in libertà", dai contenuti fantascientifici e dalle tecniche sperimentali (l'ultima sezione del testo è costituita da tavole parolibere, per la prima volta usate all'interno di un romanzo).

Negli anni successivi Buzzi compose Conflagrazione (Epopea parolibera, 1915-1918), un vero e proprio diario della prima guerra mondiale in parole in libertà, con un uso frequente di collages. L'opera rimase inedita e fu pubblicata postuma soltanto nel 1963. Accanto all'attività artistica, aderì anche al programma politico che l'avanguardia veniva elaborando: collaborò alla fondazione di "Roma futurista",[2] alla formazione dei Fasci politici futuristi, che si trasformarono ben presto nei Fasci di combattimento mussoliniano, dei quali Buzzi fu responsabile per la sezione milanese.

Tra i libri di poesia sono da ricordare il "Bel canto" del 1916, "Popolo, canta così!" del 1920, "Poema dei quarantanni" del 1922, "Canti per le chiese vuote" del 1930. Buzzi per il fascismo, scrisse la prefazione per Il volto della rivoluzione, una splendida opera composta da 4 volumi di storia e dottrina del fascismo di Alfredo Acito (Milano, G. Morreale, 1930).[3]

Il ritorno ai modelli tradizionaliModifica

Le opere che seguiranno, pur mantenendo alcune caratteristiche del modello futurista, sembrano ispirate a modelli più tradizionali e moderati. Ne Il poema di radioonde del 1941, ispirato a un viaggio nel nord, le poesie alternano motivi carducciani e dannunziani. Fu decorato della medaglia d'oro dei benemeriti della Pubblica Istruzione.

PoeticaModifica

La posizione di Buzzi tra i poeti della prima fase futurista è, come ha sottolineato Flora, più letteraria ed eclettica priva pertanto di esagerazione e contaminazione.

Le capacità formali e costruttiveModifica

Formatosi sui classici si dimostra presto poeta di notevoli capacità formali e costruttive consolidate senza dubbio dalla assidua frequentazione della musica.

Il retroterra della scapigliaturaModifica

Estremamente legato alla tradizione culturale milanese, sensibile ai problemi civili e democratici, Buzzi si aggancia alla scapigliatura come si rileva dalla lettura del testo tardo-scapigliato contenuto nei "Poeti futuristi" dal titolo "La donna della corazza d'acciaio".

Il verso liberoModifica

Aderendo al futurismo e accogliendo come preferito il verso libero, Buzzi poté esprimere senza limitazioni quella "incontinenza verbale", come dice il Mengaldo, che appartiene ai bravi narratori e ai cantastorie di fatti popolari. L'ampissima produzione letteraria di Buzzi comprende, oltre alle poesie, opere di teatro e di narrativa, saggi e traduzioni.

OpereModifica

Una cospicua parte dell'opera di Paolo Buzzi è ancora inedita e mancano studi di critica approfonditi.

PoesiaModifica

  • Poesie leopardiane, Galli e Raimondi, Milano 1898
  • Aeroplani, Edizioni di "Poesia", Milano 1909
  • Versi liberi, Treves, Milano 1913
  • Bel canto" , Studio Editoriale Lombardo 1916
  • Popolo, canta così!,Facchi, Milano 1920
  • Poema dei quarantanni, Edizioni di "Poesia", Milano 1922
  • Canti per le chiese vuote, Campitelli, Foligno 1930.
  • Poema di radioonde, 1940
  • Atomiche, 1950
  • Aeroplani, Canti alati col II Proclama futurista di F.T.Marinetti, prefazione di Giampaolo Pignatari, Milano, Lampi di Stampa, 2009.

NarrativaModifica

  • L'esilio, Galli e Raimondi, Milano 1906
  • L'Ellisse e la spirale, Edizioni di "Poesia", Milano 1915

TeatroModifica

  • Sintesi sceniche, 1917

TraduzioniModifica

  • Charles Baudelaire, I fiori del male, Traduzione in versi liberi di Paolo Buzzi, Milano, Istituto Editoriale Italiano, [1917].
  • Apicio, Manuale di gastronomia, Versione di Paolo Buzzi, Milano, Notari, 1930.
  • Maurice Nadeau, Antologia del surrealismo, Traduzione di Paolo Buzzi, Roma, Macchia, 1948.

NoteModifica

  1. ^ Dizionario biografico Treccani
  2. ^ comune.milano.it
  3. ^ Buzzi, Paolo (1874-1956) nella banca di dati francese IdRef, visitato oggi 2017-08-07.

BibliografiaModifica

  • Bibliografia generale di Paolo Buzzi, [a cura di] Maria Buzzi, Torino, L'impronta, 1959.
  • Paolo Buzzi, Futurismo. Scritti carteggi testimonianze, a cura di Mario Morini e Giampaolo Pignatari, Milano, Comune di Milano, 1982-83.
  • Andrea Gallo, Neera e Paolo Buzzi: un carteggio e il libretto «Crevalcore», in «Otto/Novecento», XXIX, 3, 2005
  • Ada Negri, Paolo Buzzi, Diorami lombardi: carteggio, 1896-1944, a cura di Barbara Stagnitti, Padova, Il Poligrafo, 2008, ISBN 978-88-7115-495-4
  • R. Salsano, Trittico futurista. Buzzi, Marinetti, Settimelli, Roma, Bulzoni, 2006.
  • G. Venturi, in Dizionario Biografico degli italiani, XV, pp. 662-664, s.v., Roma, 1972.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN44407518 · ISNI (EN0000 0001 0893 2505 · SBN IT\ICCU\CFIV\102401 · LCCN (ENn85260280 · GND (DE119348470 · BNF (FRcb12522022h (data) · NLA (EN36019332 · BAV ADV10061623 · WorldCat Identities (ENn85-260280