Apri il menu principale
Paolo Lucchi
Paolo Lucchi 2.jpg

Sindaco di Cesena
Durata mandato 10 giugno 2009 –
10 giugno 2019
Predecessore Giordano Conti
Successore Enzo Lattuca

Dati generali
Partito politico Partito Democratico (dal 2007)
In precedenza:
PCI (1985-1991)
PDS (1991-1998)
DS (1998-2007)
Titolo di studio Diploma di liceo classico

Paolo Lucchi (Cesena, 1º ottobre 1964) è un giornalista e politico italiano, ex sindaco di Cesena dal 2009 al 2019 e Presidente dell'Unione dei Comuni Valle Savio e della Conferenza territoriale sociale e sanitaria dell'Ausl Romagna.

BiografiaModifica

Diplomatosi al Liceo Classico "Vincenzo Monti" di Cesena, fin da giovane si è dedicato alla politica. Dal 1985 al 1995 è stato consigliere del Comune di Cesena eletto nelle liste del Partito Comunista Italiano prima e del PDS poi. Dal 1992 al 2001 ha guidato la Confesercenti di Cesenatico, ed in seguito è diventato il segretario dell'intera Confesercenti Cesenate, carica che ha ricoperto fino al 2006.

Dopo essere stato dirigente della Federazione dei Democratici di Sinistra di Cesena, nel 2007 è stato eletto a fare parte dell'Assemblea Costituente del Partito Democratico dell'Emilia-Romagna. È stato Consigliere dell'Assemblea Legislativa della Regione Emilia-Romagna dal 2005 fino al 2009.

Il 23 novembre 2008 Paolo Lucchi ha vinto sulla sfidante Ines Briganti le Primarie per l'individuazione del candidato Sindaco del Pd, con il 74,51% delle preferenze.

Il 6 e 7 giugno 2009 è stato eletto Sindaco di Cesena con il 51,8% dei voti e dal 10 giugno si è insediato ufficialmente a Palazzo Albornoz[1].

Il 2 giugno 2011 è stato insignito dell'onorificenza di Ufficiale al merito della Repubblica Italiana[2].

Il 10 giugno 2011, il Comitato Italiano dell'UNICEF ha conferito al Sindaco Paolo Lucchi e all'Amministrazione Comunale di Cesena il titolo di Difensore dell'infanzia[3].

Il 21 febbraio 2013, è stato nominato "Socio benemerito" dell'Associazione Nazionale Polizia di Stato.

Il 17 novembre 2013 Paolo Lucchi ha vinto le primarie di coalizione sulla sfidante Maria Elena Baredi per Sinistra Ecologia e Libertà, con il 70,93% delle preferenze.

Alla guida di una coalizione di centrosinistra (composta da PD, SEL, Lista Civica "Semplicemente Cesena", Rifondazione Comunista, Scelta Civica e PSI) ha vinto le Elezioni amministrative del 25 maggio 2014 con il 54,79% dei voti al primo turno, battendo gli sfidanti Gilberto Zoffoli per centro-destra (16,78%) e Natascia Guiduzzi per il Movimento 5 Stelle (15,49%)[4].

Il 4 giugno 2015 è stato eletto Presidente del Cal (Consiglio delle autonomie locali) dell'Emilia-Romagna, l'organo di rappresentanza, consultazione e coordinamento tra la Regione e gli Enti locali.

Il 13 gennaio 2017 è stato insignito dell'onorificenza di Commendatore al merito della Repubblica Italiana.

NoteModifica

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica