Apri il menu principale

Paolo Panerai (Milano, 12 febbraio 1946) è un giornalista e dirigente italiano.

Indice

BiografiaModifica

Dopo gli studi in Giurisprudenza all'Università di Genova scrive per Il Secolo XIX. Nel 1969 passa al settimanale Panorama, rivista del gruppo Mondadori.
Nel 1976 assume la direzione de Il Mondo, edito da Rizzoli; nel 1979 lo trasforma da settimanale di attualità a settimanale economico e politico.
Nel 1980 fonda Capital. Fonda altre due nuove testate, Auto Capital e Linea Capital, di cui detiene il 10% del capitale.

Nel 1986 lascia il gruppo Rizzoli, cede le sue quote e si mette in proprio[1]. Fonda Class Editori. Da allora è amministratore delegato della casa editrice[1]. Nello stesso anno nascono «Class», mensile concorrente di «Capital», il settimanale «Milano Finanza» e l'agenzia giornalistica «MF Dow Jones».

Dalla stagione 2009/2010 è uno dei dirigenti della Fiorentina. Dalla stagione 2011/2012 viene nominato vicepresidente della Fiorentina.[2]

RiconoscimentiModifica

Il 31 maggio 2003 è insignito del titolo di Cavaliere del lavoro.

Opere principaliModifica

  • Il crack: Sindona, la DC, il Vaticano e gli altri amici (con Maurizio De Luca), Milano, Mondadori, 1977
  • Come guadagnare in tempi d'inflazione (con Enrico Morelli), Milano, Sperling & Kupfer, 1982
  • Orsi & tori: venti anni di finanza (e malafinanza) italiana, Milano, Milano finanza, 2006
  • Lampi nel buio: i retroscena della finanza e dell'economia italiana dal dopoguerra a oggi, Milano, Mondadori, 2010

NoteModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN16197633 · ISNI (EN0000 0000 2826 3217 · SBN IT\ICCU\CFIV\065254 · LCCN (ENn85094724 · WorldCat Identities (ENn85-094724