Apri il menu principale
Paolo Pestrin
Paolo Pestrin.jpg
Nazionalità Italia Italia
Altezza 175 cm
Peso 71 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Centrocampista
Ritirato 1972
Carriera
Giovanili
Sangiorgina
Squadre di club1
1953-1956 Genoa 62 (7)
1956-1963 Roma 196 (17)
1963-1965 Padova 59 (1)
1965-1967 Torino 10 (0)
1967-1970 Piacenza 104 (10)
1970-1971 Omegna 32 (6)
1971-1972 Sestri Levante 28 (9)
Nazionale
1956 Italia Italia U-21 3 (0)
1956-1957 Italia Italia B 4 (0)
Carriera da allenatore
1970-1971OmegnaVice
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Paolo Pestrin (San Giorgio di Nogaro, 9 luglio 193627 luglio 2009[1]) è stato un calciatore italiano, di ruolo centrocampista.

Dotato di carattere schivo tanto da chiedere ai giornalisti di parlare il meno possibile di lui[2], Luis Suarez lo riteneva uno dei migliori mediani che avesse incontrato, degno di giocare in Nazionale[2].

Indice

Caratteristiche tecnicheModifica

Dopo gli esordi come ala destra[3], ha giocato come interno di centrocampo, con compiti prevalentemente di copertura[4]. Dotato di notevole senso tattico[4], sul finire di carriera assunse compiti di regista arretrato[5]. Era in possesso di un buon tiro dalla distanza[2][4].

CarrieraModifica

ClubModifica

Cresciuto nella Sangiorgina[6], viene ingaggiato giovanissimo dal Genoa, con cui esordì in Serie A il 16 maggio 1954 nella partita Udinese-Genoa 3-1[7]. Nella prima stagione disputa due partite, ma nelle due annate successive diventa titolare nel centrocampo ligure[7], collezionando 60 presenze e 7 reti.

Nel 1956 viene ceduto alla Roma[8], dove rimane per sette stagioni consecutive. Nella capitale si ritaglia un posto da titolare ed esordisce nelle coppe europee: realizza una doppietta contro lo Young Boys nella Coppa delle Alpi 1960[9] e soprattutto la rete del 2-0 contro il Birmingham, nella finale di ritorno della Coppa delle Fiere 1960-1961[10].

Nel 1963, dopo 195 presenze complessive in giallorosso[11] (di cui 119 in campionato), viene ceduto al Padova, con cui disputa due stagioni in Serie B. Acquistato dal Torino nel 1965 (inizialmente in prestito[12]), gioca come rincalzo le sue due ultime annate in Serie A, totalizzando 10 presenze senza reti.

All'età di 31 anni accetta il trasferimento in Serie C al Piacenza[5]. Qui ritorna titolare, proponendosi come regista e punto di riferimento della squadra[13]. Dopo il secondo posto nel campionato di Serie C 1967-1968, l'anno successivo conquista la promozione in Serie B e viene eletto miglior giocatore del campionato[14]. Rimane in biancorosso anche nel campionato cadetto, concluso con la retrocessione, e in seguito milita nell'Omegna (ricoprendo anche il ruolo di allenatore in seconda)[15] e nel Sestri Levante, dove chiude la carriera.

NazionaleModifica

Pestrin non riuscì ad esordire in Nazionale maggiore[4], ma conta 4 presenze in Nazionale B e 3 in Nazionale Under 21, ottenute durante la sua militanza nel Genoa[6][16].

PalmarèsModifica

Competizioni nazionaliModifica

Piacenza: 1968-1969

Competizioni internazionaliModifica

Roma: 1960-1961

NoteModifica

  1. ^ Addio a Gatto, il medico che salvò Antognoni, La Repubblica, 27 luglio 2009, pag.4 - sez. Genova
  2. ^ a b c Parlate di me il meno possibile Archiviato il 21 maggio 2010 in Internet Archive., Il Corriere dello Sport, 5 settembre 1961, pag.3
  3. ^ Pestrin è entusiasta di giocare nel Torino, La Stampa, 21 luglio 1965, pag.8
  4. ^ a b c d Profilo e statistiche su Enciclopediadelcalcio.it
  5. ^ a b Rosa 1967-1968 Storiapiacenza1919.it
  6. ^ a b M.Sappino, Dizionario biografico enciclopedico di un secolo del calcio italiano, vol.2, pag.416 Archiviato il 7 dicembre 2013 in Internet Archive.
  7. ^ a b Nel 1936 nasce il centrocampista Paolo Pestrin Tuttomercatoweb.com
  8. ^ Stagione 1956-1957 Asrtalenti.altervista.org
  9. ^ Stagione 1959-1960 Asrtalenti.altervista.org
  10. ^ Stagione 1961-1962 Asrtalenti.altervista.org
  11. ^ I fedelissimi Asrtalenti.altervista.org
  12. ^ I granata hanno acquistato Pestrin e l'attaccante Schütz, La Stampa, 16 luglio 1965, pag.8
  13. ^ Stagione 1967-1968 Storiapiacenza1919.it
  14. ^ Stagione 1968-1969 Storiapiacenza1919.it
  15. ^ Pestrin definitivo all'Omegna. Cattai è stato ceduto al Venezia, Libertà, 4 luglio 1970, pag.9
  16. ^ I nazionali storiapiacenza1919.it

BibliografiaModifica

  • Davide Rota, Dizionario illustrato dei giocatori genoani, De Ferrari, 2008.

Collegamenti esterniModifica

  • Dario Marchetti (a cura di), Paolo Pestrin, su Enciclopediadelcalcio.it, 2011.