Apri il menu principale

Paolo Racagni

militare italiano
Paolo Racagni
Paolo Racagni.jpg
NascitaParma, 5 dicembre 1888
MorteCorno di Rosazzo, 26 maggio 1917
Cause della morteFerite ricevute in combattimento
Luogo di sepolturaCappella "Cristo Re" del cimitero di Corno di Rosazzo
Dati militari
Paese servitoItalia Italia
Forza armataFlag of Italy (1860).svg Regio Esercito
ArmaFanteria
CorpoAlpini
Unità3º Reggimento Alpini
RepartoBattaglione Moncenisio - 186ª sezione mitragliatrici
Anni di servizio1915 - 1917
GradoTenente
GuerrePrima guerra mondiale
DecorazioniMedaglia d'oro al valor militare alla memoria
voci di militari presenti su Wikipedia

Paolo Racagni (Parma, 5 dicembre 1888Corno di Rosazzo, 26 maggio 1917) è stato un militare italiano. Tenente degli Alpini durante la prima guerra mondiale, fu decorato della medaglia d'oro al valor militare alla memoria.

BiografiaModifica

Nacque a Parma dal Generale Camillo Racagni e Maria Luisa De Luchi.[1][2]

Si laureò ingegnere e architetto al Regio Politecnico di Torino.[1][2]

Si arruolò nel 1915 e come ufficiale di complemento degli Alpini, prima con il grado di Sottotenente, poi con quello di Tenente,[3] fu comandante della 186ª sezione mitragliatrici,[3] inquadrato nel 3º Reggimento, prima nel Battaglione "Pinerolo" e poi nel neo costituito Battaglione "Moncenisio".[1][2][4] Morì il 19 maggio 1917 nell'ospedale da campo numero 36 a Corno di Rosazzo in seguito alle ferite ricevute sul Monte Vòdice durante il combattimento nella Decima battaglia dell'Isonzo.[1][2]

Il 15 giugno 1918 venne decorato della medaglia d’oro al valor militare alla memoria.[1][2][3]

OnorificenzeModifica

  Medaglia d'oro al valor militare
«Fulgido esempio di fermezza, di coraggio e di ogni più eletta virtù militare, quale comandante di una sezione mitragliatrici, operando di propria iniziativa, seppe tener testa a forze nemiche di gran lunga superiori. Ferito ben tre volte in breve tempo, rimase al proprio posto, rinunziando a farsi medicare. Ferito una quarta volta alla gola e portato al posto di soccorso, non appena medicato tornò sulla linea del combattimento, ove, con mirabile eroismo manovrando egli stesso un’arma, inflisse ingenti perdite all’incalzante avversario. Mentre in tal guisa eroicamente combatteva, venne nuovamente e mortalmente colpito. Spirò serenamente poco dopo. Selletta Vodice, 19 maggio 1917»
— 15 giugno 1918[3]

NoteModifica

  1. ^ a b c d e f Roberto Lasagni, Rabacli - Ricorda, in Dizionario biografico dei Parmigiani, Vol. IV: Porta – Zurti, Parma, PPS, 1999 (archiviato dall'url originale il 26 aprile 2013).
  2. ^ a b c d e f Le nostre medaglie d'oro Paolo Racagni sul sito anaparma.it, su anaparma.it. URL consultato il 28 maggio 2014 (archiviato dall'url originale il 29 maggio 2014).
  3. ^ a b c d Dettaglio decorato RACAGNI Paolo sul sito della Presidenza della Repubblica italiana, su quirinale.it. URL consultato il 24 maggio 2014.
  4. ^ MEDAGLIE D'ORO AL VALORE MILITARE DELLA GRANDE GUERRA su montegrappa.org, su montegrappa.org. URL consultato il 28 maggio 2014 (archiviato dall'url originale il 29 maggio 2014).

BibliografiaModifica

  • Giuseppe Sitti, Caduti e decorati parmigiani nella guerra 1915-1918, Parma, Officine grafiche Fresching, 1919.
  • Le Medaglie d’Oro al valor militare, Torino, Gruppo Medaglie d'Oro al valor militare d'Italia, 1925.
  • AA.VV., Enciclopedia militare, arte, biografia, geografia, storia e tecnica militare, volume VI, Milano, Il popolo d'Italia - Istituto editoriale scientifico, 1927-1933, p. 373.
  • Decorati al valore, 1946, pp. 95-96.
  • Baldassarre Molossi, Dizionario biografico dei Parmigiani grandi e piccini, Parma, 1957, p. 126.
  • Gazzetta di Parma, 23 febbraio 1987, p. 10.
  • Tiziano Marcheselli, Strade di Parma, volume II, Parma, Tipolitografia Benedettina, 1988-1990, p. 240.

Collegamenti esterniModifica