Apri il menu principale
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Paolo Veneto" rimanda qui. Se stai cercando lo scrittore e vescovo nato a Venezia intorno al 1270, vedi Paolino Minorita.
Paolo da Venezia in una stampa del XV secolo

Paolo da Venezia, o Paolo Veneto, vero nome Paolo Nicoletti (Udine, 1368 circa – Padova, 1428/1429), è stato un filosofo, teologo e umanista italiano.

Indice

BiografiaModifica

Eremitano[1], fu studente all'Università di Oxford e docente all'Università di Padova dal 1408[1] ove ebbe tra gli allievi Paolo Della Pergola[2]. Nel 1413 divenne ambasciatore veneto presso la corte polacca[1]. Per le sue idee teologiche, nel 1426, fu esiliato a Ravenna ma, due anni dopo, gli fu consentito di tornare a Padova[1].

Fu seguace di Guglielmo di Ockham e Sigieri di Brabante[1] e autore di vari trattati, tra cui alcuni commenti ad Aristotele [1]. Il suo trattato Logica magna fu utilizzato come testo di insegnamento della logica all'Università di Padova[1] e può essere considerato la maggiore opera di logica formale prodotta dal Medioevo[3].

OpereModifica

 
Logica, 1546
  • Commenti alle opere di Aristotele:
    • Expositio in libros Posteriorum Aristotelis.
    • Expositio super VIII libros Physicorum necnon super Commento Averrois (1409).
    • Expositio super libros De generatione et corruptione.
    • Lectura super librum De Anima.
    • Conclusiones Ethicorum.
    • Conclusiones Politicorum.
    • Expositio super Praedicabilia et Praedicamenta (1428).
  • Scritti sulla logica:
    • Logica Parva or Tractatus Summularum (1395-96).
    • Logica Magna (1397-98).
    • Quadratura.
    • Sophismata Aurea.
  • Altre opere:
    • Super Primum Sententiarum Johannis de Ripa Lecturae Abbreviatio (1401).
    • Summa philosophiae naturalis (1408).
    • De compositione mundi.
    • Quaestiones adversus Judaeos.
    • Sermones.

NoteModifica

  1. ^ a b c d e f g Fonte: Dizionario di Filosofia Treccani, riferimenti in bibliografia.
  2. ^ Vedi «Paolo Della Pergola» in Dizionario di Filosofia Treccani.
  3. ^ Eugenio Garin, Storia della filosofia italiana, terza ed., Edizione CDE su licenza della Giulio Einaudi editore, Milano, 1989, vol. 1, p. 441.

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN19672889 · ISNI (EN0000 0001 0876 0782 · SBN IT\ICCU\BVEV\021816 · LCCN (ENn83056270 · GND (DE118739646 · BNF (FRcb118872179 (data) · NLA (EN35693384 · BAV ADV11368557 · CERL cnp00399282