Paolo di Grecia (1967)

nobile e imprenditore greco

Paolo di Grecia (Paolo di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Glücksburg; Tatoi, 20 maggio 1967) è il pretendente al trono di Grecia dal 10 gennaio 2023, in seguito alla morte del padre, Costantino II, re degli Elleni dal 1964 al 1973.

Paolo di Grecia
Pavlos, Crown Prince of Greece.jpg
Paolo di Grecia nel 2010
Capo della Casa di Grecia
Stemma
Stemma
In carica10 gennaio 2023 –
in carica
PredecessoreCostantino II di Grecia
EredeConstantino Alessio di Grecia
Principe della Corona di Grecia
In carica20 maggio 1967 –
1 giugno 1973
titolare fino al 10 gennaio 2023
PredecessoreAlessia di Grecia
SuccessoreConstantino Alessio di Grecia
Altri titoliDuca di Sparta
Principe di Danimarca
NascitaTatoi, Grecia, 20 maggio 1967 (55 anni)
DinastiaSchleswig-Holstein-Sonderburg-Glücksburg
PadreCostantino II di Grecia
MadreAnna Maria di Danimarca
ConsorteMarie-Chantal Miller
FigliMaria Olimpia
Constantino Alessio
Achille Andrea
Odisseo Kimon
Aristide Stavro
ReligioneGreco-ortodossa

Per discendenza reale, egli è un membro della linea greca degli Schleswig-Holstein-Sonderburg-Glücksburg del Casato degli Oldenburg. Da adulto ha vissuto a New York e Londra ed ha lavorato come consulente d'investimenti.

BiografiaModifica

InfanziaModifica

 
Paolo di Grecia e Felipe di Spagna in tenera età insieme ai genitori Costantino II e Juan Carlos

Il principe della corona Paolo di Grecia è nato il 20 maggio 1967 ad Atene dal re Costantino II di Grecia e dalla regina Anna Maria, per nascita principessa di Danimarca; sua madre è una sorella di Margherita II di Danimarca. I nonni materni erano Federico IX di Danimarca e Ingrid di Svezia.

Secondo la tradizione greca, egli venne battezzato con il nome del nonno paterno, Paolo, re dei greci. La sorella maggiore, Alessia, era stata partorita due anni prima, nel 1965. Paolo di Grecia è stato battezzato nella religione greco ortodossa: suo padrino, tra gli altri, è stato Carlo III del Regno Unito, secondo cugino di re Costantino II.

EducazioneModifica

Paolo di Grecia ha ricevuto la sua educazione a Londra, all'Hellenic College. In seguito si è sottoposto ad un periodo di addestramento come ufficiale dell'esercito britannico presso la Royal Military Academy Sandhurst; per tre anni ha prestato servizio nel corpo dei Royal Scots Dragoon Guards.

Ha frequentato poi la Georgetown University, a Washington, laureandosi nel 1993 in "Relazioni industriali, giurisprudenza e organizzazione". Nel 1995 ha conseguito un master in "Scienze dei servizi esteri", specializzandosi nell'area dell'Est Europa e dei Balcani, sempre a Georgetown, dove aveva come compagno di stanza il cugino Felipe di Spagna, principe delle Asturie. Paolo parla fluentemente greco, tedesco, inglese, italiano, francese e spagnolo.

Colpo di Stato militare del 1967Modifica

Paolo è nato in un periodo turbolento della storia politica della Grecia; suo padre, re Costantino II, era salito al trono il 6 marzo 1964, all'età di ventitré anni, alla morte del padre, Paolo.

Sul finire del 1967, il Regime dei Colonnelli, guidato dal colonnello Georgios Papadopoulos, si andava a caratterizzare per una sempre più marcata soppressione delle libertà civili, accompagnata dall'incarcerazione e dall'esilio degli oppositori. In dicembre Costantino II aveva tentato un contro-colpo di Stato, ma non era riuscito a raccogliere un supporto sufficiente negli ambienti militari. Il Re era quindi fuggito con la moglie e i figli a Roma; il fratello minore di Paolo, il principe Nicola, è nato infatti a Roma nel 1969.

Abolizione della monarchiaModifica

Nel periodo che andò dal 1967 al 1973, la Grecia rimase ufficialmente una monarchia, con una reggenza in assenza del re. Nel 1973, quando Paolo aveva sei anni, avvennero però una serie di rapidi cambiamenti nel governo della Grecia: il 1º giugno Costantino II venne dichiarato deposto e Papadopoulos si autonominò presidente della Grecia. Il 29 luglio 1973 un referendum confermò il cambio di forma di Stato.

Il 17 novembre 1974 si tennero le elezioni legislative, che portarono alla vittoria di Karamanlis e del suo partito neo-democratico. L'8 dicembre di quell'anno un nuovo referendum si pronunciò a favore di una costituzione repubblicana (69%), contro il 31% a favore della restaurazione della monarchia.

Re Costantino accettò il fatto che il suo regno era ormai giunto al termine. Egli e la moglie Anna Maria si erano stabiliti con la famiglia a Londra per un certo periodo; i loro figli minori, Teodora nel 1983 e Filippo nel 1986, sono nati a Londra.

MatrimonioModifica

 
Paolo di Grecia e Marie-Chantal Miller nel 2013

Il principe della corona Paolo, il 1º luglio 1995 ha sposato a Londra l'ereditiera americana Marie-Chantal Miller. Dopo il matrimonio si sono trasferiti a New York, dove Paolo lavora.

Attività imprenditorialeModifica

Nel 1997 ha contribuito a fondare il Griphon Asset Management, importante gruppo d'investimenti, mentre nel 1998 ha costituito insieme ad altri soci le società Ivory Capital Group LLC e Ivory Fund Investors LLC, gruppi privati d'investimento azionari.

Successivamente, nel 2002 è stato tra i co-fondatori di Ortelius Capital Partners LLC, un gruppo di gestione di immobilizzazioni specializzato in hedge funds e l'anno successivo ha creato con l'aiuto di altri imprenditori il fondo azionario Brigantine.

Egli fa inoltre parte del consiglio d'amministrazione della fondazione Anna-Maria e del United World College, negli Stati Uniti d'America.

DiscendenzaModifica

Paolo di Grecia e Marie-Chantal Miller hanno avuto cinque figli:

  • Maria Olimpia (n. New York, 25 luglio 1996);
  • Constantino Alessio (n. New York, 29 ottobre 1998);
  • Achille Andrea (n. New York, 12 agosto 2000);
  • Odisseo Kimon (n. Londra, 17 settembre 2004);
  • Aristide Stavro (n. Los Angeles, 29 giugno 2008).[1][2]

Titoli e trattamentoModifica

  • 1967 – 1973: Sua Altezza Reale, il Principe della Corona di Grecia, Principe di Danimarca, Duca di Sparta
  • 1973 – 10 gennaio 2023: Sua Altezza Reale, il Principe della Corona di Grecia, Principe di Danimarca (titolo in pretesa, utilizzato fuori dalla Grecia)
  • 10 gennaio 2023 – attuale: Sua Altezza Reale, il principe Paolo di Grecia, Pretendente al trono di Grecia, Capo della casa di Grecia, Principe di Danimarca (titolo in pretesa, utilizzato fuori dalla Grecia)


Il nome "borghese" che utilizza dal 1973 è quello di Pavlos zu Schleswig-Holstein-Sonderburg-Glücksburg.

AscendenzaModifica


Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Costantino I di Grecia Giorgio I di Grecia  
 
Ol'ga Konstantinovna Romanova  
Paolo di Grecia  
Sofia di Prussia Federico III di Germania  
 
Vittoria di Sassonia-Coburgo-Gotha  
Costantino II di Grecia  
Ernesto Augusto III di Brunswick Ernesto Augusto, duca di Cumberland  
 
Thyra di Danimarca  
Federica di Hannover  
Vittoria Luisa di Prussia Guglielmo II di Germania  
 
Augusta di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Augustenburg  
Paolo di Grecia  
Cristiano X di Danimarca Federico VIII di Danimarca  
 
Luisa di Svezia  
Federico IX di Danimarca  
Alessandrina di Meclemburgo Federico III di Meclemburgo  
 
Anastasija Michajlovna Romanova  
Anna Maria di Danimarca  
Gustavo VI Adolfo di Svezia Gustavo V di Svezia  
 
Vittoria di Baden  
Ingrid di Svezia  
Margherita di Connaught Arturo di Connaught  
 
Luisa Margherita di Prussia  
 

Ascendenza patrilineareModifica

  1. Elimar I, conte di Oldenburg, *1040 †1112
  2. Elimar II, conte di Oldenburg, *1070 †1142
  3. Cristiano I, conte di Oldenburg, *1123 †1167
  4. Maurizio I, conte di Oldenburg, *1150 †1209
  5. Cristiano II, conte di Oldenburg, *1175 †1233
  6. Giovanni I, conte di Oldenburg, *1204 †1270
  7. Cristiano III, conte di Oldenburg,*1231 †1285
  8. Giovanni II, conte di Oldenburg, *1270 †1316
  9. Corrado I, conte di Oldenburg, *1302 †1347
  10. Cristiano V, conte di Oldenburg, *1342 †1399
  11. Dietrich, conte di Oldenburg, *1390 †1440
  12. Cristiano I, re di Danimarca, Norvegia e Svezia, *1426 †1481
  13. Federico I, re di Danimarca e Norvegia, *1471 †1533
  14. Cristiano III, re di Danimarca e Norvegia, *1503 †1559
  15. Giovanni, duca di Schleswig-Holstein-Sonderburg, *1545 †1622
  16. Alessandro, duca di Schleswig-Holstein-Sonderburg, *1573 †1627
  17. Augusto Filippo, duca di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Beck, *1612 †1675
  18. Federico Luigi, duca di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Beck, *1653 †1728
  19. Pietro Augusto, duca di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Beck, *1697 †1775
  20. Carlo Antonio Augusto, duca di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Beck, *1727 †1759
  21. Federico Carlo Ludovico, duca di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Beck, *1757 †1816
  22. Federico Guglielmo, duca di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Glücksburg, *1785 †1831
  23. Cristiano IX, re di Danimarca, *1818 †1906
  24. Giorgio I, re degli Elleni, *1845 †1913
  25. Costantino I, re degli Elleni, *1868 †1923
  26. Paolo I, re degli Elleni, *1901 †1964
  27. Costantino II, re degli Elleni, *1940 †2023
  28. Paolo II, pretendente al trono degli Elleni, *1967

ParenteleModifica

Il padre Costantino II era fratello della regina emerita di Spagna Sofia, la madre Anna Maria è sorella della regina Margherita II di Danimarca, questo rende Paolo e i suoi fratelli cugini di primo grado del re di Spagna Filippo VI, delle due infante Elena e Cristina, del principe della corona di Danimarca Federico e del principe Joachim.

OnorificenzeModifica

Regno di Grecia
Casata di Oldenburg (ramo Glücksburg)
 

Giorgio I
Costantino I
Alessandro I
Giorgio II
Paolo I
Costantino II
Figli
Stendardo di Paolo II di Grecia
 

Onorificenze grecheModifica

Come capo della Casa Reale di Grecia

  Gran Maestro dell'Ordine del Salvatore
— 10 gennaio 2023; già Cavaliere di Gran Croce, 1967
  Gran Maestro dell'Ordine Reale di Giorgio I
— 10 gennaio 2023
  Gran Maestro dell'Ordine della Fenice
— 10 gennaio 2023
  Gran Maestro dell'Ordine di Beneficenza
— 10 gennaio 2023
  Gran Maestro e Collana dell'Ordine Reale famigliare dei Santi Giorgio e Costantino
— 10 gennaio 2023
  Sovrano dell'Ordine famigliare reale delle Sante Olga e Sofia
— 10 gennaio 2023
  Medaglia del centenario della Casa Reale Greca
— 30 marzo 1963

Onorificenze straniereModifica

  Cavaliere dell'Ordine dell'Elefante (Danimarca)
— 14 gennaio 1997
  Medaglia commemorativa per il cinquantesimo genetliaco di Carlo XVI Gustavo (Svezia)
— 30 aprile 1996[3]
  Collare del Ordine Reale del Tamburo (Ruanda)
«Regio decreto da re Kigeli V del Ruanda.»
— [4]

NoteModifica

BibliografiaModifica

  • Hindley, Geoffrey, The Royal Families of Europe, Caroll & Graf, New York, 2000; ISBN 0-7867-0828-X
  • Woodhouse, C.M., Modern Greece a Short History, Faber & Faber, Londra, 1998; ISBN 0-571-19794-9
  • Γιάννης Κάτρης, Η γέννηση του νεοφασισμού στην Ελλάδα 1960-1970, Παπαζήση, Atene, 1974
  • Αλέξης Παπαχελάς, Ο βιασμός της ελληνικής δημοκρατίας, Εστία, Atene, 1997; ISBN 960-05-0748-1

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Predecessore:
Erede apparente
Linea di successione al trono di Grecia
1ª posizione
Successore:
Constantine-Alexios di Grecia
Predecessore:
Costantino II di Grecia
Linea di successione della Casa di Glücksburg
14ª posizione
Predecessore:
Anna Maria di Danimarca
Linea di successione al trono britannico
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie