Apri il menu principale

Papa Benedetto II

81° vescovo di Roma e papa della Chiesa cattolica
Papa Benedetto II
BenedictII.jpg
81º papa della Chiesa cattolica
Elezione26 giugno 684
Fine pontificato8 maggio 685
Predecessorepapa Leone II
Successorepapa Giovanni V
 
NascitaRoma, ?
Morte8 maggio 685
SepolturaAntica basilica di San Pietro in Vaticano
San Benedetto II

Papa

 
NascitaRoma, 635
MorteRoma, 8 maggio 685
Venerato daChiesa cattolica, Chiese ortodosse
Ricorrenza8 maggio

Benedetto II (Roma, 635Roma, 8 maggio 685) Appartenente alla nobile casa dei Savelli (famiglia), è stato l'81º papa della chiesa cattolica, dal 26 giugno 684 alla sua morte.

BiografiaModifica

Poche e di scarso rilievo le notizie sul suo breve pontificato. Eletto nel 683, fu consacrato solo il 26 giugno 684, a causa del ritardo dell'approvazione da parte dell'imperatore Costantino IV il quale, rendendosi conto che la conferma dell'elezione pontificia si risolveva in un'inutile spesa e perdita di tempo, emanò un decreto che aboliva la conferma imperiale e la rendeva ottenibile dall'esarca di Ravenna, che già in altre occasioni era stato a ciò delegato. Ma ancora per una cinquantina d'anni l'approvazione continuò a giungere a Roma con mesi di ritardo.

I rapporti fra Benedetto e Costantino IV furono improntati a sentimenti di stima e di fratellanza, tanto che l'imperatore fece adottare i suoi due figli dal papa.

Benedetto morì a Roma l'8 maggio 685, e venne sepolto all'interno dell'Antica basilica di San Pietro in Vaticano.

CultoModifica

Papa Benedetto II è venerato come santo dalla Chiesa cattolica e dalle Chiese ortodosse, e la sua memoria liturgica cade l'8 maggio.

Il Martirologio romano così lo ricorda:

« 8 maggio - Sempre a Roma, san Benedetto II, papa, che fu amante della povertà, umile e mansueto e rifulse per la pazienza e per le elemosine. »

BibliografiaModifica

  • Claudio Rendina, I Papi. Storia e segreti, Newton Compton, Roma, 1983

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN84482371 · ISNI (EN0000 0000 5614 0417 · GND (DE100937586 · CERL cnp00165592 · WorldCat Identities (EN84482371