Apri il menu principale
Avvertenza
Le informazioni riportate hanno solo fine illustrativo. Wikipedia non dà garanzia di validità dei contenuti: leggi le avvertenze.
Inuit intenti a consumare del Maktaaq (tocchetti di pelle e grasso di balena)

Il paradosso inuit[1] o il paradosso degli esquimesi[2] è il mito secondo il quale gli Inuit non soffrirebbero di malattie cardiovascolari pur nutrendosi solo di cibi animali, assunto che non ha trovato conferma nei studi osservazionali condotti a partire dagli anni 2000 su tale popolazione.[3][4]

StoriaModifica

Tale paradosso parte dall'osservazione per cui le popolazioni artiche Inuit e Yup'ik[5], pur aderendo ad una dieta tradizionale basata su cibi animali e con la quasi totale assenza di frutta e verdura, non presentassero casi di malattie coronariche.[6][7]

Tale osservazione fu riportata inizialmente da alcune spedizioni di inizio XX secolo nelle zone artiche[1] ed è stata oggetto diverse pubblicazioni. Alcune esse avanzavano l'ipotesi che tale paradosso fosse dovuto ad un effetto protettivo degli acidi grassi omega-3 presenti in grande quantità nel pesce artico e nel grasso di balena.[8][6][7]

L'attribuzione alle diverse proprietà dei grassi ingeriti era stato messo in dubbio già dagli anni '30 del Novecento.[9] Con progredire degli studi si è potuto osservare che:

  1. Rispetto agli altri popoli non artici, gli Inuit tollerano quantità di acidi grassi animali molto elevate grazie ad un cluster di mutazioni nei geni che sovrintendono al metabolismo degli acidi grassi.[8][10]
  2. Gli eschimesi soffrono comunque di un elevato tasso di malattie cardiovascolari,[3][4] semmai il loro tasso è doppio rispetto alle popolazioni non artiche.

Inoltre, tale alto tasso di incidenza non può essere attribuito ai recenti cambiamenti della loro dieta; piuttosto l'occidentalizzazione della loro dieta ha abbassato il tasso di malattia coronarica.[4][6]

Già più di mille anni fa gli Eschimesi soffrivano di malattie cardiovascolari come è stato rivelato dai ritrovamenti di mummie eschimesi con aterosclerosi.[11]

NoteModifica

  1. ^ a b (EN) Patricia Gadsby e Leon Steele, The Inuit Paradox, in Discover Magazine, 1º ottobre 2004, p. 1-4. URL consultato il 25 agosto 2019 (archiviato dall'url originale il 2 giugno 2010).
  2. ^ L.R., Omega-6 e acidi grassi Omega-3, in Starbene, marzo 2015.
  3. ^ a b (EN) Fodor J.G., Helis E. e Yazdekhasti N., "Fishing" for the origins of the "Eskimos and heart disease" story: facts or wishful thinking?, in Can J Cardiology, vol. 14, nº 8, 20 agosto 2014 [13 aprile 2014], pp. 864-868, DOI:10.1016/j.cjca.2014.04.007.
  4. ^ a b c (EN) Peter Bjerregaard, T. Kue Young e Robert A. Hegele, Low incidence of cardiovascular disease among the Inuit--what is the evidence?, in Atherosclerosis, vol. 166, nº 2, 1º febbraio 2003, pp. 351–357, DOI:10.1016/s0021-9150(02)00364-7, PMID 12535749.
  5. ^ Il paradosso alimentare degli Inuit, Vita antica, 24 maggio 2019.
  6. ^ a b c (EN) Michael Greger, The Eskimo Myth, su nutritionfacts.org, 12 luglio 2018.
  7. ^ a b (EN) Dyerberg J., Coronary heart disease in Greenland Inuit: a paradox. Implications for western diet patterns, in Arctic Medical Research, vol. 48, nº 2, aprile 1989, pp. 47–54, PMID 2736000.
  8. ^ a b Elena Meli, Omega-3, la lezione degli Inuit: clima e geni «decidono» la dieta giusta, in Il Corriere della Sera, 19 settembre 2015.
  9. ^ (EN) Rabinowitch I.M., Clinical and Other Observations on Canadian Eskimos in the Eastern Arctic, in Can Med Assoc J., vol. 34, nº 5, 1936, pp. 487–501, PMID 20320248.
  10. ^ (EN) Matteo Fumagalli, Ida Moltke e Niels Grarup, Greenlandic Inuit show genetic signatures of diet and climate adaptation, in Science, vol. 349, nº 6254, 18 settembre 2015, pp. 1343-1347, DOI:10.1126/science.aab2319.
  11. ^ (EN) Zimmerman MR., The paleopathology of the cardiovascular system, in Tex Heart Inst J., vol. 20, nº 4, 1993, pp. 252-257, PMID 8298320.

Pagine correlateModifica

  Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina