Apri il menu principale

Parahippus

genere estinto della famiglia Equidae
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Parahippus
Parahippus Cognatus.jpg
Profilo Cranio Parahippus
Stato di conservazione
Fossile
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Ordine Perissodactyla
Famiglia Equidi
Sottofamiglia Floridachoerus
Genere Parahippus
Nomenclatura binomiale
Parahippus
Leidy, (1858)
Specie
  • P. agrestis
  • P. atavus
  • P. coloradensis
  • P. leonensis
  • P. maxsoni
  • P. nebrascensis
  • P. pawniensis
  • P. pristinus
  • P. tyleri
  • P. wyomingensis

Il Parahippus è un parente estinto del cavallo moderno, molto simile al Miohippus, ma leggermente più grande, alto circa 1 metro (10 mani) al garrese.

La ricostruzione di un Parahippus

Circa 20 milioni di anni fa, durante il periodo miocenico, alcuni degli ambienti terrestri stavano cambiando, le foreste e le paludi si stavano ritirando man mano che venivano sviluppate altre pianure. Si ritiene che questi sviluppi abbiano influenzato molti cambiamenti negli attuali antenati dei cavalli.

Indice

DescrizioneModifica

Il Parahippus era più grande del Miohippus, con le zampe e il viso più lunghi. Le ossa nelle zampe sono state fuse e questo, insieme allo sviluppo muscolare, ha permesso al Parahippus di muoversi con passi avanti e indietro. La rotazione della gamba flessibile è stata eliminata, in modo che l'animale si adattasse meglio alla marcia veloce in avanti su terreno aperto senza spostarsi da un lato all'altro. Soprattutto, Parahippus era in grado di stare in mezzo al dito, invece di camminare su pastiglie, che gli dava la possibilità di correre più veloce; il suo peso era supportato da legamenti sotto il punto d'incontro verso la grande punta centrale. Le dita laterali erano quasi rudimentali e raramente toccavano il suolo.

Dal momento che il cibo a foglia era diventato scarso, questi animali erano costretti a sopravvivere sulle erbe appena evolute che stavano ormai rilevando le pianure, e i loro denti si adattavano di conseguenza. La cresta extra molare che era variabile in Miohippus divenne permanente in Parahippus. I molari sviluppavano corone alte e una copertura dura per la frantumazione dell'erba, che era tipicamente coperta con polvere di silice e sabbia.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica