Paramount Comedy (Italia)

rete televisiva italiana nazionale
Paramount Comedy
Logo dell'emittente
Stato Italia Italia
Lingua italiano
Tipo tematico
Target giovani, adulti
Slogan Paramount diventa Comedy. Ed è tutta un'altra storia
Versioni Paramount Comedy
(data di lancio: 1º dicembre 2004)
Data chiusura 30 aprile 2007
Sostituito da Comedy Central
Editore MTV Italia S.r.l.

Paramount Comedy è stata un'emittente televisiva italiana.

StoriaModifica

Paramount Comedy nasce il 1º dicembre 2004 su iniziativa di MTV Italia S.r.l., di proprietà di Viacom, in collaborazione con la Paramount Pictures.[1][2] La rete ha trasmesso una programmazione dedicata all'intrattenimento comico basato su telefilm, cartoni animati, programmi originali e cabaret.[1] Era sintonizato sul canale 115 del bouquet digitale di Sky Italia.[3][4]

Mentre le attività di comunicazioni di Paramount Comedy si concentrarono sul lancio del canale stesso, verso fine 2006, con un investimento annuale di 2 milioni di euro, queste si concentrarono sul suo contenuto.[3] Il canale era associato all'agenzia creativa This is a Thing e al centro di pianificazione media Maxus BBS.[3] Il lancio pubblicitario del canale avvenne tra dicembre 2006 e gennaio 2007, con la promozione dei propri contenuti in modo similmente al suo modello di riferimento Comedy Central.[3] Nello stesso periodo, Paramount Comedy raggiunse due accordi con Warner Bros. e CBS Paramount. Con il nuovo palinsesto, l'investimento nelle produzione originali (riguardanti per la maggior parte cabaret) era del 30% del budget del canale.[3]

Originariamente trasmetteva solo dalle 20:00 fino alle 6:00, dividendo la propria programmazione con Nickelodeon, che trasmetteva dalle 6:00 alle 20:00. Dal 12 giugno 2006, Paramount Comedy trasmetteva 24 ore su 24.[3] Il 30 aprile 2007, il canale diventa Comedy Central, riprendendo di fatto il nome dell'omonima rete statunitense.[2][5] La voce ufficiale dei promo del canale era quella del doppiatore Paolo De Santis, attuale speaker di Comedy Central.[6]

Programmi trasmessiModifica

Alcune delle serie televisive e dei programmi del canale:

Serie animateModifica

LoghiModifica

1º dicembre 2004 - 30 aprile 2007 Logo alternativo usato fino al 30 aprile 2007

NoteModifica

  1. ^ a b Mara D, Paramount Comedy: un canale per la commedia, su Telefilm Central, 1º dicembre 2004. URL consultato il 5 maggio 2020.
  2. ^ a b Editoriale Duesse S.p.A, Mtv Italia: Paramount Comedy diventa Comedy Central, su E2S. URL consultato il 5 maggio 2020.
  3. ^ a b c d e f Paramount Comedy: 24 ore all'insegna del divertimento. Raccolta in crescita - ADC Group, su adcgroup.it. URL consultato il 5 maggio 2020.
  4. ^ Canaly SKY, su digilander.libero.it. URL consultato il 5 maggio 2020.
  5. ^ I programmi di maggio e giugno di Comedy Central (ex Paramount Comedy) e Nickelodeon., su telesimo.it. URL consultato il 5 maggio 2020.
  6. ^ IL MONDO DEI DOPPIATORI - La pagina di PAOLO DE SANTIS, su antoniogenna.net. URL consultato il 5 maggio 2020.
Controllo di autoritàVIAF (EN169091053 · WorldCat Identities (ENviaf-169091053