Paris Saint-Germain Football Club

società calcistica francese
Paris Saint Germain
Calcio Football pictogram.svg
Campione di Francia in carica
Detentore della Supercoppa di Francia Detentore della Supercoppa di Francia
Paris Saint-Germain 2013.svg
PSG,[1][2] Les Parisiens (I Parigini),[1] Les Rouge-et-Bleu (I Rossoblu)[1]
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Trasferta
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Terza divisa
Colori sociali 600px Blue HEX-0E1B4F with vertical White and Red HEX-C70000 stripe.svg Blu, rosso
Simboli Torre Eiffel, giglio
Dati societari
Città Parigi
Nazione Francia Francia
Confederazione UEFA
Federazione Flag of France.svg FFF
Campionato Ligue 1
Fondazione 1970
Proprietario Qatar Qatar Investment Authority
Presidente Qatar Nasser Al-Khelaïfi
Allenatore Francia Christophe Galtier
Stadio Parco dei Principi
(47 929 posti)
Sito web www.psg.fr
Palmarès
10 campionati francesi 10 Coppe di FranciaCoppe di FranciaCoppe di FranciaCoppe di FranciaCoppe di Francia Coppe di Lega franceseCoppe di Lega franceseCoppe di Lega franceseCoppe di Lega franceseCoppe di Lega franceseCoppe di Lega franceseCoppe di Lega franceseCoppe di Lega franceseCoppe di Lega francese 10 Supercoppe di FranciaSupercoppe di Francia Coppa delle Coppe Coppa Intertoto
Titoli di Francia 10
Trofei nazionali 14 Coppe di Francia
9 Coppe di Lega francese
11 Supercoppe di Francia
Trofei internazionali 1 Coppe delle Coppe
1 Coppe Intertoto
Soccerball current event.svg Stagione in corso
Si invita a seguire il modello di voce

Il Paris Saint-Germain Football Club (pronuncia francese: /paʁi sɛ̃ ʒɛʁmɛ̃/), meglio conosciuto come Paris Saint-Germain o più semplicemente PSG, è una società calcistica francese con sede a Parigi. Milita in Ligue 1, massima serie del campionato francese di calcio.

Fondato nel 1970 a seguito della fusione tra il Paris FC e lo Stade Saint-Germain per opera della Federazione calcistica francese con lo scopo di colmare l'assenza di una squadra parigina nella massima serie nazionale, il club partecipa ininterrottamente alla Ligue 1 dalla stagione 1974-1975, ed è diventata la prima squadra francese a disputare più di 44 edizioni consecutive del massimo campionato francese, superando il precedente record del Nantes, che ne aveva disputate ininterrottamente 44 dal 1963 al 2007.

Dal 1974 la squadra disputa le partite interne nel Parco dei Principi, stanziato nel XVI arrondissement di Parigi. L'impianto utilizzato in precedenza, il Camp des Loges, ospita le partite delle selezioni minori del PSG e gli allenamenti della squadra maggiore. Come degna rappresentante della Ville Lumière, i colori sociali del club sono il blu, il rosso e il bianco, gli stessi della bandiera di Parigi. Fin dalla fondazione, il completo tradizionale del club è una maglietta di colore blu con una barra rossa al centro incorniciata da due linee bianche. Lo stemma invece rappresenta la Tour Eiffel stilizzata, sotto la quale c’è il fleur de lys (giglio), simbolo della città di Saint-Germain e della monarchia francese.

Nel suo palmarès annovera 44 titoli nazionali — 10 campionati, 14 Coppe nazionali, 9 Coppe di Lega e 11 Supercoppe — che ne fanno il club con più trofei nel Paese davanti a Olympique Marsiglia e Saint-Étienne. A livello internazionale vanta invece una Coppa delle Coppe (vinta nel 1996) ed una Coppa Intertoto UEFA, che pone il PSG a pari merito con l'OM nella classifica dei club francesi per numero di vittorie in competizioni internazionali (2). Proprio con la formazione marsigliese sussiste la più accesa rivalità del calcio francese, denominata Le Classique. Nel 1994 il PSG fu nominato Squadra mondiale dell'anno dall'IFFHS.[3]

StoriaModifica

  Lo stesso argomento in dettaglio: Storia del Paris Saint-Germain Football Club.

Dagli albori agli anni novantaModifica

 
Giocatori dello Stade Saint-Germain (una delle due squadre che hanno dato origine al PSG) il 20 maggio 1906

L'attuale Paris Saint-Germain deriva dalla fusione, avvenuta nel 1970, dello Stade Saint-Germain (fondato nel 1904 a Saint-Germain-en-Laye, nei dintorni di Parigi) con il Paris Football Club, club nato per rinverdire i fasti del calcio parigino dopo la retrocessione sia del C.A. Paris che del Racing Club, due formazioni storiche della capitale francese. Il PSG giocò il campionato di seconda divisione 1970-1971 e lo vinse, venendo promosso in massima serie. Dopo il primo campionato in prima divisione, nel maggio 1972, su pressione del consiglio comunale della città di Parigi, la squadra si divise in Paris FC, che rimase in prima divisione, e Paris Saint-Germain, che passò in terza divisione come squadra di dilettanti. Nel 1973 il PSG fu promosso in seconda divisione, grazie alla rinuncia alla partecipazione a questo campionato da parte del Quevilly-Rouen per ragioni economiche (costi eccessivi per rimodernare lo stadio e trasferte ritenute troppo lontane e costose per una squadra amatoriale),[4] riguadagnando, così, il professionismo.

In questi anni Daniel Hechter assunse la guida della società insieme ai soci Jean-Paul Belmondo, Francis Borelli, Charles Talar e Bernard Brochand; la collaborazione fra Henri Patrelle e Daniel Hechter, iniziata il 15 giugno 1973 con la firma di un contratto tra il PSG e Hechter, durò meno di un anno. Il contratto serviva per proteggere ufficialmente il nome e i colori del club, per evitare quanto successo in precedenza al PFC.

La sede della società venne, infatti, trasferita nella città di Saint-Germain-en-Laye, a circa 15 km da Parigi, con Patrelle che conservò il titolo di presidente del club e Hechter che, pur essendo ufficialmente solo presidente del comitato di gestione, aveva di fatto un ruolo preminente nella guida della società. Col trascorrere dei mesi si instaurò una lotta tra i due uomini per avere il pieno controllo della società; nonostante queste vicissitudini interne, nel giugno 1974 la squadra ottenne la promozione in massima serie in seguito a un vittorioso spareggio contro il Valenciennes. Nella stessa stagione il Paris FC retrocesse in seconda divisione, consentendo così al PSG di iniziare a giocare al Parco dei Principi, dove disputa tuttora le sue partite casalinghe. A partire da questa stagione il Paris Saint-Germain ha giocato ininterrottamente nella massima serie francese. All'indomani della promozione Hechter divenne ufficialmente presidente del club, ruolo che mantenne fino al 1978. Fra i calciatori più rappresentativi della squadra parigina di queste stagioni ci sono Jean-Pierre Dogliani, Mustapha Dahleb e François M'Pelé; fra gli allenatori, invece, sono degni di nota Velibor Vasović e Jean-Michel Larqué.

Sempre in questi anni nacque la divisa storica del club che, pur con alcune modifiche, è alla base anche di quella attualmente in uso; a disegnarla contribuì lo stesso Hechter, la cui presidenza fu, tuttavia, segnata da diversi problemi finanziari e terminò nel gennaio 1978 a causa di uno scandalo relativo alla doppia biglietteria del Parco dei Principi.[5] Il successore di Hechter fu Francis Borelli, che guidò il club per 13 anni. Sotto il suo controllo il PSG conquistò i suoi primi trofei: nel 1982 arrivò il primo titolo, la Coppa di Francia, bissata poi l'anno successivo e seguita dal titolo nazionale nel 1985-1986, sotto la guida del nuovo allenatore Gérard Houllier.

 
Raí, campione del mondo nel 1994

Nel 1991 Borelli fu costretto a consegnare il controllo del club al colosso televisivo Canal+, che investì molto nel PSG per competere con l'Olympique Marsiglia, dando così inizio a un'intensa rivalità tra i due club. Gli anni novanta furono ricchi di soddisfazioni per i tifosi della principale squadra di Parigi, che vinse il titolo nazionale del 1993-1994 e la Coppa delle Coppe 1995-1996, per poi perdere la finale della competizione l'anno successivo. Il Paris Saint-Germain si affermò, inoltre, come uno dei club di vertice delle coppe europee, con una serie di 5 semifinali consecutive ottenute in varie competizioni UEFA tra il 1992 e il 1997.

Gli anni duemilaModifica

Negli ultimi anni della gestione Canal+, la squadra non ottenne risultati di grande rilievo, a parte due secondi posti in campionato nel 1999-2000 e nel 2003-2004, annata in cui mise in bacheca per la sesta volta la Coppa di Francia. Inoltre nel 2001 la squadra parigina riuscì ad accedere ai gironi della Coppa UEFA dopo aver vinto la Coppa Intertoto superando in finale il Bresciagrazie alla regola dei gol fuori casa (0-0 a Parigi e 1-1 a Brescia). Nella UEFA Champions League 2004-2005 la squadra ottenne una sola vittoria, contro il Porto, caratterizzata da uno splendido gol di Charles-Édouard Coridon, realizzato con il cosiddetto "colpo dello scorpione".

Tra i giocatori che vestirono la maglia del PSG nei tre lustri della gestione di Canal+ si ricordano George Weah, Raí, Leonardo, Youri Djorkaeff, David Ginola, Bernard Lama, Jay-Jay Okocha e Ronaldinho.

L'11 aprile 2006 Canal+ annunciò la vendita del club a un consorzio formato da Colony Capital, Butler Capital Partners e Morgan Stanley per 41 milioni di euro, dopo che il club aveva contratto numerosi debiti sotto la direzione del canale televisivo.[6] La vendita divenne effettiva il 20 giugno 2006, con Alain Cayzac (pubblicitario, cofondatore della Euro RSCG) che diventò presidente del PSG. Tuttavia il 21 aprile 2008 Cayzac si dimise e, dopo un breve periodo sotto la gestione di Simon Tahar, subentrò Charles Villeneuve.

 
Festeggiamenti per la vittoria della Coppa di Francia nel 2006

Dopo una stagione terminata con una salvezza sofferta e col ritiro dal calcio agonistico dell'attaccante Pauleta, simbolo della squadra, l'estate 2008 vide il PSG protagonista del calciomercato con innesti quali Ludovic Giuly, Claude Makélélé e Stéphane Sessègnon, e ottenne, grazie a una notevole rimonta, il sesto posto, non riuscendo a qualificarsi per una coppa europea. La Colony Capital acquistò poi tutte le azioni di Morgan Stanley e con esse il controllo del 95% del club. La stagione 2009-2010 fu la prima nella storia del calcio francese in cui sia la squadra femminile sia quella maschile vinsero la coppa nazionale: il PSG vinse la Coppa di Francia, mentre la sezione femminile il Challenge de France.

Gli anni DieciModifica

Nell'estate 2011 la Qatar Investment Authority acquistò il club parigino, permettendo l'aumento del budget in vista della finestra estiva del calciomercato. Al contempo il ritiro di Coupet e di Makélélé e la cessione al Monaco di Giuly sancirono la fine del progetto portato avanti nell'era Colony Capital, con al centro giocatori molto esperti. Tra le prime mosse della nuova dirigenza vi fu l'ingaggio di Leonardo come direttore sportivo.[7]

Il brasiliano, già giocatore, dirigente e allenatore del Milan, portò con sé in Francia diversi giocatori del campionato italiano quali Jérémy Ménez dalla Roma, Salvatore Sirigu, Mohamed Sissoko, Javier Pastore, oltre a Blaise Matuidi, Kévin Gameiro e Diego Lugano. Il 4 novembre 2011 il club nominò come nuovo direttore generale Jean-Claude Blanc, dimissionario da consigliere di amministrazione della Juventus. L'annata 2011-2012, sotto la guida del subentrato Carlo Ancelotti,[8] si chiuse, pur con rinforzi di spessore arrivati nel mercato invernale, con il secondo posto in campionato, alle spalle del sorprendente Montpellier di René Girard.

 
Zlatan Ibrahimović durante la conferenza stampa di presentazione al PSG, con il presidente Nasser Al-Khelaïfi e l'allora direttore sportivo Leonardo

In vista della stagione 2012-2013 la squadra continuò a rafforzarsi con ingenti acquisti, tra cui quelli di Ezequiel Lavezzi,[9] del giovane centrocampista italiano Marco Verratti[10] e, per 62 milioni di euro complessivi, dei milanisti Thiago Silva e Zlatan Ibrahimović,[11][12][13][14][15] che divenne il calciatore più pagato della Ligue 1.[16] La squadra, ulteriormente potenziata a gennaio dall'innesto del giovane centrocampista Lucas[17] e della stella inglese David Beckham, non andò oltre i quarti di finale della UEFA Champions League[18], ma vinse il campionato per la terza volta nella storia del club.

Nell'estate del 2013 Ancelotti lasciò il posto a Laurent Blanc, mentre a Parigi approdò l'uruguaiano Edinson Cavani per la somma record di 64 milioni di euro.[19] La squadra, eliminata ai quarti di Champions, rivince il campionato. Nell'estate del 2014 arrivano a Parigi il brasiliano David Luiz, pagato circa 60 milioni di euro;[20] la squadra conseguì un poker di trofei nazionali, aggiudicandosi il campionato, la Supercoppa di Francia (2-0 al Guingamp), la Coppa di Lega (4-0 al Bastia) e la Coppa di Francia (1-0 all'Auxerre), mentre in Europa uscì ancora ai quarti di Champions. Nell'annata seguente, con il mercato che portò in dote il secondo acquisto più costoso nella storia del club, Ángel Di María,[21] i parigini mettono in bacheca la Supercoppa di Francia (2-0 all'Olympique Lione) e il sesto titolo francese della storia del club, il quarto consecutivo, con ben 31 punti di vantaggio sul Lione secondo in classifica.

 
Neymar nel giorno della sua presentazione al Parco dei Principi di Parigi, nel 2017.

La stagione 2016-2017 segna l'inizio di un nuovo ciclo per il club. Infatti, all'atto dell'insediamento nel 2011, la dirigenza qatariota aveva fissato tra gli obiettivi la conquista della UEFA Champions League entro cinque anni. Per questa ragione Blanc, nonostante l'en-plein di trofei nazionali messo a segno nelle ultime due annate di gestione,[22] fu esonerato e sostituito con Unai Emery, plurivincitore, alla guida del Siviglia, dell'Europa League.[23] L'organigramma societario si rafforzò con l'ingresso dell'ex calciatore olandese Patrick Kluivert nel ruolo di direttore sportivo.[24] Il nuovo corso fu inaugurato con la conquista della sesta Supercoppa di Francia della storia del PSG, la quarta consecutiva, ai danni dell'Olympique Lione, sconfitto per 4-1. In UEFA Champions League, però, i parigini uscirono agli ottavi di finale dopo un clamoroso e storico capitombolo nella sfida di ritorno contro il Barcellona (sconfitta per 6-1 dopo aver vinto per 4-0 all'andata)[25] e conclusero la stagione con un amaro secondo posto in campionato, pur vincendo sia la Coppa di Francia (ai danni dell'Angers) sia Coppa di Lega francese (ai danni del Monaco).

In vista della stagione successiva, la campagna acquisti estiva fu da record, con gli ingaggi della giovane promessa Kylian Mbappé, sottratta proprio ai rivali del Monaco, e della stella brasiliana Neymar, acquistata dal Barcellona per la cifra di 222 milioni di euro, che ne fanno il calciatore più pagato di sempre.[26] L'ingente sforzo economico consentì al club parigino di tornare a vincere il campionato, oltre alla coppa nazionale, la Coppa di Lega e la Supercoppa di Francia. In UEFA Champions League, invece, si consumò l'ennesima eliminazione agli ottavi,[27] sicché Emery fu congedato ufficialmente già prima della fine della stagione.[28]

Per la stagione 2018-2019 fu scelto come nuovo allenatore Thomas Tuchel,[29] mentre tra i pali fu ingaggiato Gianluigi Buffon.[30] Il Paris Saint-Germain si aggiudicò la Supercoppa di Francia, la sesta consecutiva, imponendosi per 4-0 sul Monaco,[31] e vinse nuovamente il titolo nazionale, per la sesta volta in sette anni.[32] Nuovamente amara fu, invece, l'avventura europea, con l'eliminazione agli ottavi di UEFA Champions League.[33] Il Paris Saint-Germain fu costretto ad abdicare anche nelle due coppe nazionali, sconfitto in finale di Coppa di Francia dal Rennes e ai quarti di Coupe de la Ligue dal Guingamp, evento che non si verificava dalla stagione 2012-2013.[34]

Nonostante le tensioni con la dirigenza,[35] Tuchel rimane in sella,[36] mentre Leonardo tornò a ricoprire il ruolo di direttore sportivo[37] e acquistò l'argentino Mauro Icardi.[38] Il Paris Saint-Germain si aggiudicò la Supercoppa di Francia 2019 battendo il Rennes[39] e ottenne il titolo di campione di Francia a seguito della sospensione del campionato a causa della pandemia di COVID-19, eguagliando l'Olympique Marsiglia a quota nove titoli francesi. Parallelamente, la squadra compì un ottimo percorso in UEFA Champions League, approdando per la seconda volta nella storia alle semifinali del torneo e poi, per la prima volta, alla finale, persa per 0-1 contro il Bayern Monaco.

Gli anni VentiModifica

Un mercato estivo del 2020 relativamente povero a causa del COVID-19 e un inizio di stagione con due sconfitte caratterizzarono l'annata 2020-2021, chiusa al secondo posto in Ligue 1 e con l'eliminazione nelle semifinali di UEFA Champions League contro il Manchester City, dopo aver eliminato Barcellona e Bayern Monaco. In bacheca furono messe la Supercoppa di Francia (2-1 all'Olympique Marsiglia) e la Coppa di Francia (2-0 al Monaco).

Nonostante il 2021-22 parta con una sconfitta nella Supercoppa di Francia contro il Lilla, il mercato porta acquisti importanti come Georginio Wijnaldum, Achraf Hakimi, Gianluigi Donnarumma, Sergio Ramos e, soprattutto, Lionel Messi. I parigini dominano il campionato, ma si arrendono agli ottavi di Coppa di Francia e agli ottavi di UEFA Champions League.

CronistoriaModifica

  Lo stesso argomento in dettaglio: Cronistoria del Paris Saint-Germain Football Club.
Cronistoria del Paris Saint-Germain Football Club

  Vince la Coupe de France (1º titolo).
Quarti in Coppa delle Coppe.
  Vince la Coupe de France (2º titolo).
Secondo turno in Coppa delle Coppe.
Secondo turno in Coppa UEFA.
Primo turno in Coppa Campioni.
Secondo turno in Coppa UEFA.

Semifinalista in Coppa UEFA.
  Vince la Coupe de France (3º titolo).
Semifinalista in Coppa delle Coppe.
Semifinalista in Champions League.
  Vince la Coupe de la Ligue (1º titolo).
  Vince la Coupe de France (4º titolo).
  Vince il Trophée des champions (1º titolo).
  Vince la Coppa delle Coppe (1º titolo).
Finalista in Supercoppa UEFA.
Finalista in Coppa delle Coppe.
Fase a gironi in Champions League.
  Vince la Coupe de la Ligue (2º titolo).
  Vince la Coupe de France (5º titolo).
Primo turno in Coppa delle Coppe.
  Vince il Trophée des Champions (2º titolo).

Seconda fase a gironi in Champions League.
  Vince la Coppa Intertoto (1º titolo).
Terzo turno in Coppa UEFA.
Terzo turno in Coppa UEFA.
  Vince la Coupe de France (6º titolo).
Fase a gironi in Champions League.
  Vince la Coupe de France (7º titolo).
Ottavi di finale in Coppa UEFA.
  Vince la Coupe de la Ligue (3º titolo).
Quarti di finale in Coppa UEFA.
  Vince la Coupe de France (8º titolo).

Ottavi di finale in Europa League.
Fase a gironi in Europa League.
Quarti di finale in Champions League.
Quarti di finale in Champions League.
  Vince il Trophée des champions (3º titolo).
  Vince la Coupe de la Ligue (4º titolo).
Quarti di finale in Champions League.
  Vince il Trophée des champions (4º titolo).
  Vince la Coupe de la Ligue (5º titolo).
  Vince la Coupe de France (9º titolo).
Quarti di finale in Champions League.
  Vince il Trophée des champions (5º titolo).
  Vince la Coupe de la Ligue (6º titolo).
  Vince la Coupe de France (10º titolo).
Ottavi di finale in Champions League.
  Vince il Trophée des champions (6º titolo).
  Vince la Coupe de la Ligue (7º titolo).
  Vince la Coupe de France (11º titolo).
Ottavi di finale in Champions League.
  Vince il Trophée des champions (7º titolo).
  Vince la Coupe de la Ligue (8º titolo).
  Vince la Coupe de France (12º titolo)
Ottavi di finale in Champions League.
  Vince il Trophée des champions (8º titolo).
  Vince il Trophée des champions (9º titolo).
  Vince la Coupe de France (13º titolo)
  Vince la Coupe de la Ligue (9º titolo).
Finalista in Champions League.

  Vince il Trophée des champions (10º titolo).
  Vince la Coupe de France (14º titolo)
Semifinalista in Champions League.
Ottavi di finale in Champions League.
  Vince il Trophée des champions (11º titolo).
Ottavi di finale di Champions League (da disputare).

Colori e simboliModifica

ColoriModifica

 
Magliette storiche del PSG

Sin dagli albori fino alla fusione con il Paris FC, lo Stade Saint-Germain si vestì con una divisa completamente bianca[40]. Nel 1970 l'appena fondato Paris Saint-Germain scelse di complementare i consueti pantaloncini bianchi con una maglietta rossa e calzettoni blu, colori di Parigi[41]. Tre anni dopo lo stilista Daniel Hechter, nuovo proprietario della società, ideò una nuova maglietta casalinga destinata a diventare iconica: blu con una barra verticale rossa al centro incorniciata da due linee bianche[42][43]; tale design gli fu ispirato da un lato dalla divisa dell'Ajax (Hechter era infatti estimatore di Johann Cruyff), dall'altro dalla tipica livrea di una Ford Mustang, caratterizzata dalla presenza di una banda longitudinale a contrasto sul cofano motore[44].

Negli anni ottanta il successore Francis Borelli modificò ulteriormente la divisa, che diventò bianca con una barra rossoblu a sinistra. A seguito della cessione del pacchetto azionario al gruppo Canal+ venne ripristinato lo schema disegnato da Hecter, che subì poi diverse modifiche: nel 2000-2001 venne tolta l'incorniciatura bianca, mentre dall'anno dopo si passò a un blu sempre più scuro, nonché talora all'apposizione decentrata del "palo" rosso[45]. Dal 2009 in poi si è assistito a varie sperimentazioni, che pur senza quasi mai venir meno allo schema "blu-palo rosso" (fanno eccezione la maglia blu con strisce rosse del 2009-2010, la divisa rossa del 2010-2011 e la "total blue" del 2021-2022, che non hanno mancato di causare contestazioni da parte della tifoseria), lo hanno declinato in soluzioni estrose ed elaborate.

Il 21 novembre 2015, in memoria delle vittime degli attentati di Parigi, la maglia indossata nella partita di campionato a Lorient e nelle due gare successive, di cui una in Champions League, recava le parole JE SUIS PARIS; al termine dei tre incontri le magliette vennero vendute e il ricavato devoluto ad associazioni benefiche[46].

1970-1973
1971-1973
1973-1974
1974-1975
1975-1977
1977-1978
1978-1981
1981-1990
1987
1992-1993
1993-1994
1994-1996
1996-1997
1997-1998
1998-2000
2000-2001
2001-2002
2002-2003
2003-2004
2004-2005
2005-2006
2006-2007
2007-2008
2008-2009
2009-2010
2010-2011
2011-2012
2012-2013
2013-2014
2014-2015
2015-2016
2016-2017
2017-2018
2018-2019
2019-2020
2020-2021
2021-2022
2022-2023

Simboli ufficialiModifica

StemmaModifica

Evoluzione dello stemma
 
Lo stemma nella versione del 1992 sotto il Gruppo Canal+ ideato dal direttore artistico Étienne Robial
 
Lo stemma nella versione del 2002 con la presenza dei due simboli della società: la Tour Eiffel e la Culla regale di Luigi XIV di Francia sormontata da un Giglio, presenti nello stemma della città di Saint-Germain-en-Laye
 
Lo stemma del PSG in uso dal 2013 con l'eliminazione della Culla regale e l'ingrandimento del Giglio, ora dorato, simbolo della monarchia francese

L'emblema originale della società parigina presentava un pallone da calcio azzurro con struttura a pentagoni ed esagoni, con una "toppa" bianca contenente una nave rossa (mutuata dallo stemma civico di Parigi), il tutto sovrastante la ragione sociale a caratteri stampatelli rossi.

Nel 1972 fece la sua comparsa un nuovo logotipo, imperniato sulla raffigurazione in rosso della Tour Eiffel, delineata da profili bianchi, con al di sotto la culla regale di Saint-Germain-en-Laye (allegoria della nascita di re Luigi XIV di Francia, noto anche con la denominazione di Roi Soleil - Re Sole). Autore di questa identità fu lo stilista-patron Daniel Hechter (ideatore, come detto, della divisa della società). Nei periodi 1982-1986 e 1987-1990 venne aggiunto nella parte inferiore dell'insieme il disegno del Parco dei Principi.

Nella stagione 1986-1987 venne brevemente utilizzato un simbolo più semplice: un cerchio bianco con due elementi rossi e blu che evocavano sia la Tour Eiffel, sia l'immagine delle gambe di un calciatore; fece seguito il ripristino del logo di Hechter.

Con la proprietà del Gruppo Canal+, negli anni novanta, venne introdotto un nuovo stemma disegnato dal direttore artistico Étienne Robial; scompaiono sia la Tour Eiffel che la culla regale, sostituiti da un semplice lettering della ragione sociale inscritta in rettangoli rossoblu. Già alla fine del ventesimo secolo i dirigenti decisero però di ritornare sui loro passi, anche se con qualche modifica: ai bordi dello stemma ideato da Hechter fu aggiunto un cerchio bianco con la trascrizione della denominazione della società e dell'anno di fondazione.

Nel 2013 i nuovi proprietari del Qatar Sports Investments modificano ulteriormente il logo societario, dandogli una tonalità di blu più chiara, mettendo in evidenza la parola Paris e spostando il nome Saint-Germain in basso al posto dell’anno di fondazione. Al centro rimane la Tour Eiffel stilizzata, sotto la quale c’è il fleur de lys, simbolo della città di Saint-Germain e della monarchia francese, declinato in oro; scompare per contro la culla di Luigi XIV[47].

InnoModifica

L'inno ufficiale del PSG è Allez Paris Saint-Germain, ideato dai tifosi parigini (Les Parisiens) in occasione del quarantesimo anniversario dalla fondazione della società, avvenuta nel 1970. Come sottofondo musicale viene scelta la canzone Go West nella versione dei Pet Shop Boys, mentre il testo risalta la passione dei tifosi verso il PSG con parole rivolte anche allo stadio, alla città e all'ambizione di vincere ogni partita. Inoltre è ripetuta per sedici volte la frase che ne dà il titolo, quattro volte Allez PSG e termina con La la lalalalala[48].

MascotteModifica

 
Germain, la mascotte del Paris Saint-Germain dal 2010 al 2015

Nella storia del Paris Saint-Germain, a fianco dei tradizionali simboli societari hanno ciclicamente trovato spazio anche alcune mascotte, indirizzate soprattutto ai tifosi più giovani. Tra queste si ricorda Germain le Lynx (in carica dal 2010 al 2015), una lince antropomorfa dagli occhi azzurri con il compito di attirare l'affetto del pubblico deluso per gli insuccessi delle passate stagioni, che è entrata da subito nelle grazie degli spettatori parigini[49][50][51]. Dal 2015 la mascotte ufficiale della squadra è Magic Nounours, un orsacchiotto di peluche blu che porta la divisa della società della capitale[52].

StruttureModifica

StadioModifica

 
il parco dei principi attuale impianto dei parigini

Il primo stadio utilizzato dal PSG fu lo stadio Georges Lefèvre, situato a Saint-Germain-en-Laye. Inizialmente noto come Camp des Loges, fu utilizzato principalmente dallo Stade Saint-Germain dal 1904 al 1974. Tuttora ospita le partite delle selezioni minori del PSG.

Nei periodi successivi, il club giocò allo stadio Jean-Bouin di Parigi, allo Stade de Paris di Saint-Ouen e allo Stadio Olimpico Yves-du-Manoir di Colombes. Il primo impianto, inaugurato nel 1925, fu utilizzato dal PSG per alcune partite della stagione 1970-1971, ma per via delle basse affluenze registrate rispetto allo stadio Georges-Lefèvre la squadra parigina preferì spostare altrove la sede di propri incontri casalinghi. L'impianto di Saint-Ouen - oggi noto con il nome stade Bauer in onore del medico Jean-Claude Bauer - fu messo a disposizione del club per ospitare la prima partita della stagione 1971-1972, a causa dell'opera di ristrutturazione che precludeva l'utilizzo del Parco dei Principi. L'ultimo stadio citato - situato a Colombes - fu utilizzato sporadicamente nella stagione 1971-1972, oltre ad esser stato impiegato dal 1977 al 1979.

L'attuale stadio che ospita le partite casalinghe del PSG è il Parco dei Principi, inaugurato nel 1897, ma utilizzato dai parigini successivamente alla terza ristrutturazione ad opera dell'architetto Roger Taillibert, effettuata nel 1972, volta a eliminare la pista d'atletica[53]. In precedenza lo stadio era principalmente un velodromo che ospitava le partite della Nazionale francese di calcio. La prima apparizione nel rinnovato impianto risale al 13 agosto 1974, contro il Metz[54]. Nella prima metà degli anni 2000 è stata portata a termine un'ingente opera di ristrutturazione che ha interessato principalmente l'area degli spogliatoi, l'ampliamento dei posti in tribuna vip, la sistemazione del prato e la nuova area stampa[55].

Centro di allenamentoModifica

  Lo stesso argomento in dettaglio: Camp des Loges.
 
Il Camp des Loges, oggi noto come Centre d'entraînement Ooredoo, primo campo da gioco del club e centro di formazione

L'attuale centro di formazione del Paris Saint-Germain è il Centre d'entraînement Ooredoo, di cui è parte integrante il Camp des Loges che ospitò le partite dei parigini fino al 1974. Situato a Saint-Germain-en-Laye, nel dipartimento delle Yvelines, è riconosciuto dalla Fédération Française de Football come uno dei migliori stadi francesi. L'integrante centro di formazione inoltre è classificato nella categoria 1 e classe A[56]. L'obiettivo del centro di formazione è di formare i giovani sia calcisticamente che scolasticamente[57].

Il club dispone anche di un centro di preformazione per i ragazzi dai 15 anni in giù, situato a Verneuil-sur-Seine, nel dipartimento delle Yvelines.

SocietàModifica

«Lavoreremo nel corso degli anni per fare del PSG una grande squadra e anche un marchio forte sulla scena internazionale[58]»

(Nasser Al-Khelaïfi durante l'acquisto del Paris Saint-Germain)

Il Paris Saint-Germain Football Club è una società per azioni a capitale interamente privato da ormai più di 25 anni, specializzato verso la disciplina calcistica[59]. Dal 2011 la società che controlla la maggioranza del capitale azionario del Paris Saint-Germain è il fondo sovrano qatariano Qatar Investment Authority, controllato attualmente da Ahmad Al Sayed, mentre all'origine dell'acquisto vi era Hamad bin Khalifa al-Thani, che l'anno successivo ne ha acquistato il 100% dalla Colony Capital[60].

Bilancio Paris Saint-Germain Football Club
(in milioni di euro)
Anno Evoluzione sull'anno passato Fatturato
2010[61] -10   80  
2011[62] +70   150  
2012[63] +150   300  
2013[64] +100   400  
2014[65] +90   490  
2015[66] +0 490
2016[67] +10   500  
2017[68] +40   540  
2018[69] -40   500  

Il primo bilancio finanziario del PSG è stato pubblicato nella stagione 1970-1971, dove si nota che le perdite furono di 205 200 franchi e le entrate di 1 776 950 franchi (l'equivalente di 270 894 euro)[70]. Nel 1990 la squadra ebbe un deficit di 50 milioni di franchi anche per via di insuccessi sportivi e di uno stadio non di proprietà, il che costrinse il presidente Borelli a cedere il capitale al Gruppo Canal+ per il 49%, mentre il restante alla Società anonima SAOS[71][72]. Nel 1997 il gruppo televisivo acquistò la maggioranza del club, mentre le quote della SAOS scesero al 34%[73]. Nonostante buoni successi sportivi iniziali che aumentarono gli introiti negli anni novanta, la società calcistica tornò ad avere nel 2005 un deficit di 13,456 milioni di euro; Canal+ decise pertanto di cedere le sue quote a un consorzio formato da Colony Capital, Butler Capital Partners e Morgan Stanley per 41 milioni di euro. Anche sotto la nuova direzione il PSG non riuscì a ottenere significativi successi sportivi e pertanto nel 2011 fu venduto alla Qatar Sports Investiments, che, grazie agli apporti del fondo sovrano qatariano, aumentò il budget della squadra in modo consistente, da 80 milioni di euro nel 2010 a 450 milioni nel 2014; consentendo così l'acquisto di vari giocatori di alto livello tra cui Zlatan Ibrahimović e Thiago Silva. Questa strategia rende il Paris Saint-Germain una delle squadre europee più popolari, nonché la francese più seguita all'estero. Nel 2016 l'azienda americana Deloitte pone i parigini al quarto posto nella classifica delle squadre calcistiche più ricche con 480,5 milioni di euro dopo il Real Madrid, il Barcellona e il Manchester United[74]. Nel maggio 2017, la società di revisione olandese KPMG ha provveduto a stimare il valore del PSG ad 1 miliardo di euro[75], mentre il quotidiano francese Les Échos prevede che le entrate del club aumenteranno in seguito all'arrivo di Neymar dell'agosto 2017, grazie al merchandising e ad una certa rivalutazione dei diritti TV del campionato. Grazie in particolare ai suo azionisti qatariani, il PSG è il secondo club più potente del mondo a livello finanziario secondo lo studio Football Finance 100 svolto da Soccerex pubblicato nel gennaio 2019[76]. Durante la stagione 2017/2018, il PSG ha venduto quasi 800.000 maglie, registrando infatti un aumento delle entrate di merchandising[77].

Organigramma societarioModifica

Di seguito è riportato l'organigramma societario del club, tratto dal sito ufficiale della Ligue de Football Professionnel[78].

 
Nasser Al-Khelaïfi, presidente del PSG dall'ottobre 2011
Staff dell'area amministrativa
Proprietà

Area direttiva

Area organizzativa
  •   Benoît Rousseau - Segretario Generale
  •   Nicolas Arndt - Direttore della Biglietteria
  •   Michel Besnard - Direttore della Sicurezza

Area marketing
  •   Marc Armstrong - Direttore Marketing

Area comunicazione
  •   Jean-Martial Ribes - Direttore della Comunicazione
  •   Joseph Oakeshott - Media Manager Internazionale
  •   Yann Guerin - Ufficio stampa

Modifica

Cronologia degli sponsor tecnici
Cronologia degli sponsor ufficiali

Sedi sociali e campi di giocoModifica

Cronologia delle sedi sociali
  • Stagione 1970-71: Avenue du Général-Sarrail, 20-40
  • Stagione 1971-72: Rue du docteur Bauer, 92
  • Dal 1977 al 1979: Rue François Faber, 12
  • Dal 1974: Rue du Commandant Guilbaud, 24[79]
Cronologia dei campi di gioco

Impegno nel socialeModifica

Il Paris Saint-Germain è attivo nel campo sociale e umanitario. Nel settembre 2000 la società parigina ha idealizzato un programma di Fondazione omonimo volto ad aiutare i giovani in difficoltà sociale o medica, a insegnare loro i valori dello sport, e a inserirli in attività sportive e pedagogiche[80]. Sono all'incirca 165 000 i giovani disagiati che hanno usufruito di questo programma benefico dalla sua creazione[80]. Dal 2016 la Fondazione si espande ulteriormente tramite l'apertura di un centro scolastico, il primo dopo sedici anni, denominato Ecole ROUGE & BLEU, stanziato nel XIX arrondissement di Parigi[80]. Questo centro propone una combinazione di attività fisica e pedagogica ai bambini delle elementari in difficoltà sociale e scolastica[80].

Settore giovanileModifica

Il settore giovanile del Paris Saint-Germain Football Club è stato eletto quattro volte miglior formazione giovanile dalla FFF: nel 1989[81], 2011, 2013 e 2014[82]. Vanta inoltre diversi successi in ambito nazionale, quali la vittoria della Coppa Gambardella nel 1991 (con altre tre finali disputate), del Campionato francese U19 nel 2006, 2010, 2011 e 2016, del Campionato francese U17 nel 2011 e 2016, del Campionato francese U15 nel 2012 e del Campionato francese cadetto nel 1988. È nota a livello internazionale per il raggiungimento della finale della UEFA Youth League nel 2016, persa 2-1 contro il Chelsea[83]. La squadra giovanile parigina ha vinto anche due Alkass International Cup e un Tournoi de Montaigu.

Diffusione nella cultura di massaModifica

Secondo dei sondaggi da parte dell'Ipsos (2006) e poi del TNS Sofres (2007), il PSG è il terzo club francese per popolarità dopo Olympique Lione e Olympique Marsiglia[84][85]. Nel 2009 un altro sondaggio da parte dell'IFOP ha posizionato il club parigino come seconda squadra per popolarità dopo i marsigliesi, con l'11% delle preferenze[86].

Si trovano diversi riferimenti al Paris Saint-Germain in ambito cinematografico: tra le opere di maggior rilevanza, figurano pellicole come Febbre da rigore (in francese Trois zéros, 2002) di Fabien Onteniente, Mon meilleur ami (2006) di Patrice Leconte e Les Francis (2014) di Fabrice Begotti. Alla squadra della capitale sono dedicate diverse canzoni, come il singolo Les Bobos di Renaud e PSG del gruppo musicale Les Wriggles, e diversi spettacoli, tra cui quello del duo comico Élie et Dieudonné con lo sketch intitolato Les supporters (negli anni novanta)[87].

La squadra dispone di un sito internet ufficiale, psg.fr, e di una rivista mensile, «100% PSG». Il 3 agosto 2007 il PSG ha annunciato la formazione di una web TV, denominata PSG TV, che propone le partite più importanti dei parigini nel corso della loro storia[88].

Allenatori e presidentiModifica

AllenatoriModifica

  Le singole voci sono elencate nella Categoria:Allenatori del Paris Saint-Germain F.C..
 
Luis Fernández e Laurent Blanc, vincitori in due di 16 trofei nella storia parigina

Sono 30 gli allenatori che dal 1970 hanno avuto la conduzione tecnica del Paris Saint-Germain[89]. Il primo allenatore della storia dei parigini fu Pierre Phelipon, in panchina fino al 1972, anno in cui il PSG e il Paris FC si sono scissi in due società distinte. Invece il primo allenatore straniero fu Velibor Vasović, di nazionalità jugoslava, che si occupò della gestione del club per due stagioni. Nel giugno del 1973, la panchina parigina venne affidata a Just Fontaine, che conquistò l'accesso alla massima serie francese, dopo due anni vissuti nella terza e seconda divisione. Il primo trofeo alzato dai parigini è la Coupe de France del 1982 sotto la guida del tecnico francese Georges Peyroche, con il quale ripeté l'impresa la stagione successiva. Il primo campionato venne vinto nel 1985 per opera di Gérard Houllier. L'allenatore portoghese Artur Jorge, già vincitore della Champions League del 1987 con il Porto, si unisce al club parigino con cui vince un campionato e una coppa nazionale nelle 167 panchine disputate che lo rendono il quarto allenatore con maggiore numero di partite gestite nella storia della società nonché il primo tra allenatore stranieri. Infatti il podio è composto esclusivamente da allenatori francesi: Laurent Blanc (2013-2016) che nelle sue 173 partite gestite vinse 3 campionati, 3 supercoppe, 3 coppe di lega e 2 coppe di Francia; il già citato Georges Peyroche con 211 panchine e al primo posto Luis Fernández (1994-1996; 2000-2003) che nelle 244 panchine gestite ha alzato una Coppa delle Coppe, una coppa Intertoto, una coppa di Francia, una coppa di lega e una Supercoppa. Dal 2018 la panchina è affidata al tedesco Thomas Tuchel, già allenatore di Borussia Dortmund e Magonza.

Allenatori

StatisticheModifica

Aggiornato il 13 novembre 2022.

N Naz. Nome Dal Al G V P S GF GS DR %
1   Pierre Phelipon agosto 1970 maggio 1972 74 30 22 22 112 97 +15 40.54
2   Robert Vicot agosto 1972 agosto 1975 131 65 33 33 265 180 +85 49.62
3   Just Fontaine settembre 1975 giugno 1976 41 15 12 14 66 58 +8 36.59
4   Velibor Vasović agosto 1976 maggio 1977 73 31 14 28 128 120 +8 42.47
novembre 1978 ottobre 1979
5   Ilija Pantelić maggio 1977 giugno 1977 4 2 2 0 7 2 +5 50.00
6   Jean-Michel Larqué agosto 1977 agosto 1978 48 17 11 20 88 81 +7 35.42
7   Pierre Alonzo agosto 1978 novembre 1978 10 3 3 4 16 15 +1 30.00
Nessun allenatore 4 novembre 1978 1 0 0 1 1 2 −1 0.00
8   Camille Choquier ottobre 1979 3 2 0 1 5 3 +2 66.67
9   Georges Peyroche novembre 1979 giugno 1983 211 100 46 65 350 273 +77 47.39
aprile 1984 marzo 1985
10   Lucien Leduc luglio 1983 marzo 1984 38 17 12 9 56 39 +17 44.74
11   Christian Coste aprile 1985 giugno 1985 16 6 3 7 21 25 −4 37.50
12   Gérard Houllier luglio 1985 ottobre 1987 123 55 34 34 146 107 +39 44.72
febbraio 1988 giugno 1988
13   Erick Mombaerts ottobre 1987 dicembre 1987 8 1 3 4 6 12 −6 12.50
14   Tomislav Ivić luglio 1988 maggio 1990 86 41 21 24 111 88 +23 47.67
15   Henri Michel luglio 1990 maggio 1991 41 15 12 14 42 44 −2 36.59
16   Artur Jorge luglio 1991 maggio 1994 167 84 53 30 236 118 +118 50.30
ottobre 1998 marzo 1999
17   Luis Fernández luglio 1994 maggio 1996 244 125 61 58 361 209 +152 51.23
dicembre 2000 maggio 2003
18   Ricardo agosto 1996 maggio 1998 106 54 24 28 164 106 +58 50.94
19   Alain Giresse luglio 1998 ottobre 1998 11 4 2 5 10 11 −1 36.36
20   Philippe Bergeroo marzo 1999 dicembre 2000 75 35 16 24 127 101 +26 46.67
21   Vahid Halilhodžić agosto 2003 febbraio 2005 80 36 27 17 100 75 +25 45.00
22   Laurent Fournier febbraio 2005 dicembre 2005 36 17 7 12 47 38 +9 47.22
23   Guy Lacombe gennaio 2006 gennaio 2007 54 18 20 16 70 57 +13 33.33
24   Paul Le Guen gennaio 2007 maggio 2009 132 62 30 40 167 127 +40 46.97
25   Antoine Kombouaré agosto 2009 dicembre 2011 134 61 39 34 205 138 +67 45.52
26   Carlo Ancelotti gennaio 2012 maggio 2013 77 49 19 9 153 64 +89 63.64
27   Laurent Blanc agosto 2013 maggio 2016 173 126 31 16 391 126 +265 72.83
28   Unai Emery agosto 2016 maggio 2018 114 87 15 12 312 92 +220 76.32
29   Thomas Tuchel agosto 2018 dicembre 2020 127 95 13 19 337 103 +234 74.80
30   Mauricio Pochettino gennaio 2021 luglio 2022 84 55 15 14 186 78 +108 67.00
31   Christophe Galtier luglio 2022 22 18 4 0 63 16 +47 90.00

PresidentiModifica

 
Michel Denisot, presidente del PSG dal 1991 al 1998, sotto l'era Canal +

Il primo presidente dello Stade Saint-Germain fu Félix Boyer nel 1904. L'ultimo presidente dello Stade Saint-Germain, nonché primo presidente del Paris Saint-Germain (ottenuto come ricordiamo dalla fusione tra lo Stade e il Paris FC) fu Henri Patrelle. Nel periodo della fusione tra le due società, il ruolo di presidente venne affidato dall'Assemblea Generale a Pierre-Étienne Guyot, mentre a Patrelle è affidato il ruolo di vice-presidente. Nel periodo successivo alla scissione, avvenuta nel 1972, la presidenza tornò a Petrelle. All'inizio della stagione 1973-74 un nuovo riassetto societario portò alla guida della squadra lo stilista francese Daniel Hechter, che assunse per quella stagione la carica di amministratore delegato. Nei suoi cinque anni di presidenza, la squadra della capitale ritrovò la massima serie francese dopo due stagioni passati in terza e seconda divisione. Nel gennaio del 1978 il presidente dovette abdicare per un problema nello stadio riguardo alla biglietteria: come suo successore venne scelto il vice-presidente Francis Borelli[90]. È proprio la presidenza Borelli quella più longeva della storia della società parigina, infatti l'editore francese assunse tale carica per 13 stagioni, durante le quali la squadra vinse un campionato e due coppe nazionali. Nel 1991 il canale televisivo a pagamento Canal+ acquistò il Paris Saint-Germain e affidò la presidenza della società a diversi suoi delegati: Michel Denisot (31 maggio 1991 - 11 maggio 1998), Charles Biétry (11 maggio 1998 - 21 dicembre 1998), Lawrence Perpère (22 dicembre 1998 - 5 giugno 2003), Francis Graille (5 giugno 2003 - 2 maggio 2005) e Pierre Blayau (2 maggio 2005 - 20 giugno 2006). Durante questo periodo di tredici anni, il Paris Saint-Germain vinse un campionato, cinque coppe nazionali, due coppe di lega, due supercoppe, una Coppa delle Coppe e una coppa Intertoto. L'11 aprile 2006 Canal+ annunciò la vendita del club a un consorzio formato da Colony Capital, Butler Capital Partners e Morgan Stanley per 41 milioni di euro, dopo che il club contrasse numerosi debiti sotto la direzione di Canal+[91]. Il ruolo di presidente venne affidato ad Alain Cayzac, che ricoprì fino al 2005 la posizione di socio di minoranza con il 2% delle azioni societarie[92]. Le seguenti due stagioni furono complicate per il PSG, tra il caso PSG-Hapoel Tel Aviv e i risultati deludenti in campionato, e ciò portò alle dimissioni di Alain Cayzac, avvenute il 21 aprile 2008, con quattro partite ancora da giocare, mentre il PSG si ritrovava in zona retrocessione. La presidenza venne affidata provvisoriamente al direttore dell'Associazione PSG, Simon Tahar, il 23 aprile 2008 fino a quando non venne nominato Charles Villeneuve il 27 maggio 2008, pochi giorni dopo la salvezza acquisita nell'ultima giornata di campionato e la sconfitta nella finale della Coupe de France contro l'Olympique Lyonnais.

A seguito di stagioni negative sotto il consorzio formato da Colony Capital, Butler Capital Partners e Morgan Stanley, nel 2011 il 70% delle quote della squadra parigina vennero cedute per 50M di euro al Qatar Investment Authority, un fondo sovrano qatariano[93]. Il resto del pacchetto verrà acquistato dallo stesso fondo il 6 marzo 2012, che divenne così l'unico proprietario del PSG[94]. Alle prese con una squadra da qualche anno deficitaria sia a livello sportivo sia di bilancio,[95] tra i primi passi della nuova gestione ci fu, da una parte, il risanamento delle casse societarie[96] e l'istantanea popolarità della squadra a livello nazionale, europeo e internazionale,[97][98] mentre dall'altra si assisté a un profondo rinnovamento dell'organigramma con le nomine di Nasser Al-Khelaïfi, Jean-Claude Blanc e Leonardo, rispettivamente, a presidente, direttore generale e direttore sportivo[99].

Presidenti

CalciatoriModifica

  Le singole voci sono elencate nella Categoria:Calciatori del Paris Saint-Germain F.C..
 
David Ginola, centrocampista del PSG dal 1992 al 1995

In più di 50 anni di storia hanno vestito la maglia del PSG oltre 400 giocatori, in gran parte francesi[100], e alcuni di questi hanno militato nella nazionale francese.

Il primo calciatore a vestire la maglia della squadra parigina è stato Jean Djorkaeff, capitano della Nazionale francese[101]. Proprio il difensore francese è stato designato come il primo capitano della squadra e ha ricoperto questo ruolo per due stagioni, fino alla separazione tra PSG e Paris FC, avvenuta nel 1972. Durante la presidenza Daniel Hechter, il centrocampista algerino Mustapha Dahleb è stato acquistato contro 1,35 milioni di franchi, una cifra record al momento del trasferimento per la squadra francese[102]. Nelle dieci stagioni in cui ha militato nella capitale francese, Moumous ha messo a segno 98 reti, che lo rendono il quinto miglior realizzatore della storia parigina davanti al suo compagno di squadra François M'Pelé, sesto nella graduatoria con 97 reti realizzate nelle sei stagioni in cui ha difeso i colori del PSG. Sempre negli anni '70 ha vestito la maglia parigina l'attaccante argentino Carlos Bianchi che, nelle due stagioni tra le fila del PSG, è stato per due volte capocannoniere della Ligue 1, realizzando 37 reti nell'edizione 1977-78 e 27 reti in quella successiva.

Nei 13 anni di presidenza Francis Borelli, il Paris Saint-Germain ruotò attorno alle figure di Dominique Baratelli, Luis Fernandez, Dominique Bathenay, Nabatingue Toko, Dominique Rocheteau, Ivica Šurjak e in seguito a Safet Sušić, Joël Bats e Gabriel Calderón, tutti pilastri delle loro rispettive nazionali. I portieri Baratelli e Bats erano i titolari dei Les Bleus, assieme a Bathenay, Fernandez e soprattutto Rocheteau, chiamato dai tifosi l'Ange Vert. Proprio l'ala destra prelevata dal Saint-Étienne nel 1980 è la vera stella del PSG con 100 reti segnate e 42 assist completati in 255 presenze ed è considerato dai più il miglior attaccante del calcio francese dell'epoca, Platini escluso. Per quanto concerne i giocatori stranieri, il centrocampista jugoslavo Safet Sušić si è imposto come il più emblematico: mai infortunato, mai sospeso, ha difeso i colori dei parigini per nove stagioni mettendo a segno 85 reti e realizzando 95 assist che lo recano al primo posto nella graduatoria dei migliori assist-men della storia della società della capitale e gli valgono il nominativo Magic Sušić.

 
Dominique Rocheteau, campione d'Europa nel 1984

Nel 1991 il canale televisivo a pagamento Canal+ acquistò il Paris Saint-Germain, che intraprese una vigorosa campagna di rinnovamento della rosa, affidata al portoghese Artur Jorge[103]. Tra i protagonisti del calciomercato parigino si ricordano Laurent Fournier, Bernard Pardo e Bruno Germain, tutti centrocampisti campioni di Francia in carica in maglia marsigliese[104], oltre a Paul Le Guen, Valdo e David Ginola. La porta venne affidata a Bernard Lama, ritenuto uno dei migliori portieri francesi di sempre[105]. In seguito vennero acquistati anche i francesi Vincent Guérin, Youri Djorkaeff, Alain Roche, il liberiano nonché Pallone d'oro 1995 George Weah, i brasiliani Raí, Leonardo e l'italiano Marco Simone. La maggior parte dei giocatori citati formarono la spina dorsale della squadra fino al 1999. Nella stagione 2001-2002 la squadra parigina ebbe uno dei migliori organici della propria storia dal punto di vista delle individualità, tra cui figuravano Ronaldinho (poi capocannoniere della squadra per due stagioni consecutive), Nicolas Anelka, Mikel Arteta, Aloísio, Mauricio Pochettino, Gabriel Heinze, Hugo Leal, Lorik Cana ed Édouard Cissé[106]. Nel 2003 venne acquistato il portoghese Pauleta dal Bordeaux che, a seguito delle sue 109 reti realizzate nell'arco di cinque stagioni, è divenuto il terzo marcatore più prolifico nella storia del club parigino.

Nel 2011 il Qatar Investment Authority preleva il club e, complice l'obiettivo di una istantanea popolarità della squadra a livello nazionale, europeo e internazionale, conduce una campagna acquisti milionaria: firmarono la pepita argentina Javier Pastore per 40 milioni, la stella svedese Zlatan Ibrahimović, divenuto il terzo marcatore della storia del PSG con 156 reti realizzate in quattro stagioni, la punta uruguaiana Edinson Cavani per 64,5 milioni, divenuto poi il miglior marcatore della storia parigina grazie alle sue 192 reti in attivo segnate dal 2013, i centrocampisti italiani Marco Verratti e Thiago Motta, il difensore brasiliano Maxwell, la leggenda inglese David Beckham (per sei mesi) e il capitano Thiago Silva per 42 milioni. Nell'estate del 2017 il club parigino si rende protagonista del trasferimento del secolo, ottenendo la firma del fantasista brasiliano Neymar per la cifra record di 222 milioni di euro, rendendolo il calciatore più pagato di sempre. Nella stessa sessione di mercato viene acquistato anche il promettente attaccante francese Kylian Mbappé dal Monaco con formula di prestito con diritto di riscatto fissato a 145 milioni di euro (+35 milioni di bonus). Nel 2018 invece viene ingaggiato il portiere italiano Gianluigi Buffon, considerato tra i più forti portieri di tutti i tempi.

 
Lionel Messi con indosso la divisa del Psg in una partita di ligue 1 nella stagione 2021-22

Nell'estate del 2021, a seguito di un'altra faraonica campagna acquisti, giungono sotto la Torre Eiffel l'esterno Hakimi dall'Inter per una cifra vicina ai 71 milioni di euro (bonus compresi), l'ex capitano del Real Madrid Sergio Ramos, Georginio Wijnaldum dal Liverpool, Gianluigi Donnarumma dal Milan e soprattutto il fenomeno argentino Lionel Messi dal Barcellona, tutti a parametro zero.

Hall of FameModifica

Il 4 luglio 2017 è stata presentata la Hall of Fame del PSG, nata allo scopo di celebrare e ricordare i migliori giocatori nella storia del club. Sono stati scelti 20 giocatori, tra i quali ha fatto discutere la presenza di David Beckham che ha disputato solo 14 incontri con la maglia parigina e l'assenza di alcuni giocatori meritevoli quali Amara Diané, Vincent Guérin, Antoine Kombouaré, Paul Le Guen e Alain Roche[107].

 
George Weah, vincitore del Pallone d'oro 1995

CapitaniModifica

Di seguito l'elenco cronologico dei capitani del PSG.[108]

Vincitori di titoliModifica

 
Ronaldinho, campione del mondo nel 2002
Campioni del mondo

Di seguito l'elenco dei giocatori che hanno vinto il campionato mondiale di calcio durante il periodo di militanza nel Paris Saint-Germain:

Campioni d'Europa

Di seguito l'elenco dei giocatori che hanno vinto il campionato europeo di calcio durante il periodo di militanza nel Paris Saint-Germain:

Campioni del Sud America

Di seguito l'elenco dei giocatori che hanno vinto la Copa América durante il periodo di militanza nel Paris Saint-Germain:

Campioni d'Africa

Di seguito l'elenco dei giocatori che hanno vinto la Coppa d'Africa durante il periodo di militanza nel Paris Saint-Germain:

Calciatori vincitori della Nations League
Calciatori campioni olimpici di calcio
Riconoscimenti individuali
  Kylian Mbappé (2018)
  Gianluigi Donnarumma (2021)
  George Weah (1994)

Contributo alle nazionali di calcioModifica

 
Kylian Mbappé, campione del mondo nel 2018

Essendosi affermato soltanto in epoca recente come club di vertice nel panorama calcistico mondiale, prima degli anni novanta il PSG non ha mai annoverato tra i propri ranghi molti giocatori convocati dalle rispettive nazionali, come testimoniano anche i risultati che in pochi hanno ottenuto con le proprie selezioni. I calciatori dei Parisiens campioni del mondo furono i brasiliani Raí (Stati Uniti 1994), Ronaldinho (Corea del Sud-Giappone 2002), i francesi Bernard Lama (Francia 1998), Alphonse Areola, Presnel Kimpembe e Kylian Mbappé (Russia 2018). In ambito continentale, invece, campioni d'Europa furono lo stesso Lama (Belgio-Paesi Bassi 2000), Luis Fernández e Dominique Rocheteau (Francia 1984), mentre nel 2021 hanno vinto l'Europeo Marco Verratti e Alessandro Florenzi. Infine vincitori della Confederations Cup furono i transalpini Laurent Robert e Nicolas Anelka, che trionfarono entrambi a Corea del Sud e Giappone 2001, i brasiliani Thiago Silva e Lucas Moura, vincitori a Brasile 2013 e infine i tedeschi Julian Draxler e Kevin Trapp, vincitori a Russia 2017.

Anche dai dati statistici delle vittorie in ambito internazionale si evince che, oltre che alla nazionale francese, il PSG ha principalmente fornito giocatori pure a quella brasiliana. Inoltre, essendo da anni una squadra tradizionalmente composta anche da calciatori di diverse nazionalità, ha o ha avuto un buon numero di rappresentanti italiani, argentini, jugoslavi, portoghesi, tedeschi e algerini.

PalmarèsModifica

Competizioni nazionaliModifica

1985-1986, 1993-1994, 2012-2013, 2013-2014, 2014-2015, 2015-2016, 2017-2018, 2018-2019, 2019-2020, 2021-2022
1981-1982, 1982-1983, 1992-1993, 1994-1995, 1997-1998, 2003-2004, 2005-2006, 2009-2010, 2014-2015, 2015-2016, 2016-2017, 2017-2018, 2019-2020, 2020-2021
1994-1995, 1997-1998, 2007-2008, 2013-2014, 2014-2015, 2015-2016, 2016-2017, 2017-2018, 2019-2020
1995, 1998, 2013, 2014, 2015, 2016, 2017, 2018, 2019, 2020, 2022
1970-1971 (girone B)

Competizioni internazionaliModifica

1995-1996
2001

Competizioni giovaniliModifica

1991

Altri piazzamentiModifica

Secondo posto: 1988-1989, 1992-1993, 1995-1996, 1996-1997, 1999-2000, 2003-2004, 2011-2012, 2016-2017, 2020-2021
Secondo posto: 1973-1974 (girone B)
Finalista: 1984-1985, 2002-2003, 2007-2008, 2010-2011, 2018-2019
Finalista: 1999-2000
Semifinalista: 2001-2002, 2008-2009, 2010-2011
Finalista: 1986, 2004, 2006, 2010, 2021
Finalista: 2019-2020
Semifinalista: 1994-1995, 2020-2021
Finalista: 1996-1997
Semifinalista: 1993-1994
Semifinalista: 1992-1993
Finalista: 1996
Finalista: 2015-2016


Statistiche e recordModifica

Partecipazione ai campionati e ai tornei internazionaliModifica

Campionati nazionaliModifica

Dalla stagione 1970-1971 alla 2022-2023 il club ha ottenuto le seguenti partecipazioni ai campionati nazionali:

Livello Categoria Partecipazioni Debutto Ultima stagione Totale
Division 1 / Ligue 1 50 1971-1972 2022-2023 50
Division 2 2 1970-1971 1973-1974 2
Division 3 1 1972-1973 1

Tornei internazionaliModifica

Alla stagione 2022-2023 il club ha ottenuto le seguenti partecipazioni ai tornei internazionali[109]:

Categoria Partecipazioni Debutto Ultima stagione
Coppa dei Campioni/UEFA Champions League 16 1986-1987 2022-2023
Coppa delle Coppe 6 1982-1983 1998-1999
Supercoppa UEFA 1 1996
Coppa UEFA/UEFA Europa League 9 1984-1985 2011-2012
Coppa Intertoto 1 2001

Statistiche di squadraModifica

In 53 stagioni sportive a partire dall'esordio ufficiale, risalente al 23 agosto 1970, il Paris Saint-Germain ha disputato 50 edizioni del campionato di massima serie, due edizioni del campionato cadetto e una della terza serie[110]. Il PSG inoltre detiene molti record, in particolare con 44 titoli nazionali vinti - 10 campionati, 14 coppe nazionali, 9 coppe di lega e 11 supercoppe - è il club più titolato di Francia davanti a Olympique Marsiglia e Saint-Étienne; il club partecipa ininterrottamente nella Ligue 1 dalla stagione 1974-1975 divenendo così la prima squadra francese a disputare almeno 45 edizioni consecutive del massimo campionato francese, detronizzando il Nantes che ne aveva invece disputate ininterrottamente 44 dal 1963 al 2007; e infine è uno dei soli due club francesi ad aver vinto un importante titolo europeo, la Coppe delle Coppe nel 1996. L'altra squadra francese è l'OM, vincitrice della Champions League nel 1993.

Il peggior risultato in campionato del club è stato il 16º posto, piazzamento raggiunto nelle stagioni 1971-72 e 2007-08. La stagione 2015-16 è stata la migliore della squadra della capitale, nella quale ha realizzato 96 punti in campionato (record nazionale) e ha alzato, oltre il campionato, la coppa nazionale, la coppa di lega e la supercoppa francese, raggiungendo i quarti di finale della UEFA Champions League. Nella stessa stagione, l'attaccante dei parigini Zlatan Ibrahimović ha segnato 50 gol in tutte le competizioni (record per un singolo giocatore nella storia della squadra)[111][112]. Tuttavia, il record del club per il numero di reti realizzate in una singola stagione è stato raggiunto nel 2017-18, quando la squadra della capitale ha segnato 171 gol in tutte le competizioni.

Il PSG è anche l'unico club ad aver vinto la Coupe de la Ligue per cinque volte consecutive (2014-2018)[113]; l'unico club ad aver vinto la Coupe de France quattro volte di fila (2015-2018)[114]; l'unico club ad aver vinto la supercoppa francese per otto volte consecutive (2013-2020)[115]; l'unico club europeo ad aver vinto tutti e quattro i titoli nazionali, insieme al Manchester City (Ligue 1, Coupe de France, Coupe de la Ligue e Trophée des Champions) in una sola stagione, ma il solo club ad aver centrato questo traguardo in più di una stagione (2014-15, 2015-16, 2017-18 e 2019-20)[116]; l'unico club ad aver vinto la Coupe de France senza subire alcuna rete (1992-93 e 2016-17)[117]; una delle sole due squadre a raggiungere la finale della coppa nazionale cinque volte di seguito; e il club con la maggior parte delle finali giocate allo Stade de France (18)[118]. La vittoria più pesante in campionato è avvenuta contro il Troyes allo Stade de l'Aube (2015-2016) e contro il Guingamp al Parco dei Principi (2018-2019), con il risultato esatto di 9-0. Mentre la sconfitta più pesante in campionato è avvenuta contro lo Stade de Reims allo Stadio Auguste Delaune (1974-1975), terminata 6-1 per gli avversari.

A livello internazionale la miglior vittoria è per 7-1, ottenuto in due occasioni: contro il Celtic nella fase a gruppi della UEFA Champions League 2017-2018 e contro il Gent nella semifinale della Coppa Intertoto 2001; la peggior sconfitta è invece un 6-1, subito anche stavolta per due volte: contro il Barcellona negli ottavi della UEFA Champions League 2016-2017 e contro la Juventus nella Supercoppa UEFA 1996[109].

Statistiche individualiModifica

Il giocatore con più presenze nelle competizioni europee è Marquinhos (79), mentre il miglior marcatore è Kylian Mbappé (34).[109]

 
Edinson Cavani, miglior marcatore di tutti i tempi del Paris Saint-Germain.

Aggiornate al 13 novembre 2022.

Record di presenze
Record di reti

TifoseriaModifica

 
Coreografia dei tifosi parigini

Il PSG è una delle squadre più popolari di Francia dietro ai rivali dell'Olympique Marsiglia e anche club quali Saint-Étienne e Nantes, secondo un sondaggio datato nel 2020.[119] Nonostante il periodo di dominio della formazione parigina nel calcio francese negli anni 2010, la maggior preferenza della popolazione cittadina per il rugby è decisiva in confronto con città con prevalente interesse calcistico come quelle d'origine dei club citati.[119]

Il record di affluenza è di 46 860 spettatori durante la partita di campionato contro il Bordeaux della stagione 2015-2016[120]. Considerando solo le partite di Champions League, il numero massimo di spettatori scende ai 46 612 fatti registrare in occasione della vittoria contro il Malmö avvenuta nella medesima stagione[121].

StoriaModifica

 
Anniversario del quindicesimo anno dei Supras Auteuil, gruppo di sostenitori del PSG, avvenuto in occasione della partita casalinga contro il Bordeaux nel 2006

Nessun altro stadio rispecchia meglio le divisioni e le declinazioni del tifo francese. Il Parco dei principi di Parigi, due curve, due visioni violente del calcio. Da una parte i fascisti, dall'altra gli anarchici, uniti dall'amore per il Paris Saint Germain, divisi da odio cieco e reciproco. Le curve della reggia del PSG ospitano in tutto undici gruppi di tifosi. La più antica è quella dei Boulogne Boys, associazione ufficiale di mille membri circa, under 30, fondata nel 1985[122]. Alla fine degli Anni '80, i Boulogne erano già i tifosi più fedeli e i più violenti. Essi erano gli esponenti di un ideale di destra, che troppo spesso andava a coincidere con vero e proprio nazismo. In origine il gruppo ultras non venne fondato con tale intento, ma con il passare degli anni, venne visto sempre più come la possibilità di accasamento per molti casi sociali, rilasciati da prigioni o con pesanti precedenti penali, basati principalmente sul razzismo[123]. In quel periodo il Paris Saint Germain fa registrare una grande presenza ultras nonostante gli scarsi risultati sul campo. Ogni trasferta dei parigini finisce sempre con uno spargimento di sangue fra le tifoserie. La spirale di odio è degenerata in guerra fratricida con la nascita nel 1993 dei Mystic Tigris, supporter di origine magrebina, portoghese e antillana. L'associazione, non ufficiale e sciolta la scorsa estate, si impossessò della curva Auteuil, di solito riservata ai tifosi ospiti, diametralmente opposta alla Boulogne. Un'opposizione non solo architettonica. Anche gli steward ormai fanno da spartiacque: europei da una parte, neri e arabi dall'altra per motivi di sicurezza[124]. Allora proprietaria, Canal+ vedeva di buon occhio il nuovo gruppo di 500 membri che controbilanciava canti nazionalisti e svastiche della Boulogne. Lo stampo anarchico dei Mystic però non fece che accelerare la contrapposizione per il controllo dello stadio parigino. Con il tempo la lontananza nello stadio tra Tigris e Boys divenne sempre più simbolo di una opposta concezione politica e sociale. Nel 2003, i Mystic festeggiano il decimo anniversario con uno striscione senza equivoci: «Il futuro ci appartiene». Un affronto per i Boulogne. Ma la guerra è rinviata di un anno e mezzo grazie al pugno di ferro del direttore della sicurezza dello stadio, licenziato nel maggio 2005 in seguito alla pressione dei gruppi ultrà Boulogne e Auteuil, uniti per togliere di mezzo il comune avversario: striscioni di contestazione, scioperi del tifo, procedure giudiziarie contro la società. Eliminato l'ostacolo, inizia la guerra. Al Parc de Princes, dentro e fuori, in trasferta, guerriglia negli stadi del resto del paese, nelle aree di servizio lungo le autostrade. Feriti, aggressioni, insulti, arresti, tafferugli sistematici con le forze dell'ordine, prese di mira da tutti. La situazione degenerò il 23 novembre 2006, dopo una partita di Coppa UEFA, quando un poliziotto di colore spara per salvare dal linciaggio un tifoso, ebreo, francese, dell'Hapoel Tel Aviv, aggredito da una banda di teppisti: un hooligan dei Boulogne muore, un altro rimane ferito gravemente[125]. Il governo emanò allora decreti atti al vietare l’ingresso nel Parc des Princes, ed in tutti gli stadi d’Europa agli ultras del PSG. Nel frattempo, molti dei restanti gruppi di tifosi formarono il Collectif Ultras Paris (CUP) con l'obiettivo di ottenere l'accesso al Parc des Princes. Nell'ottobre 2016, dopo un'assenza di sei anni, il club e il CUP hanno prima concordato un ritorno al Parc des Princes in occasione della partita contro il Bordeaux. La prefettura ha già annunciato che i comportamenti degli ultras saranno monitorati con attenzione e che in caso di incidenti la loro presenza allo stadio non sarà più tollerata[126].

Gemellaggi e rivalitàModifica

  Lo stesso argomento in dettaglio: Le Classique.
 
Le coreografie delle tifoserie marsigliese e parigina in occasione della finale della Coupe de France nella stagione 2005-2006

Il Paris Saint-Germain condivide un'intensa rivalità con l'Olympique Marsiglia, con cui dà vita al cosiddetto Le Classique; si tratta di una delle rivalità calcistiche più sentite di Francia poiché vede contrapporsi le due squadre più seguite e titolate del paese. L'inizio del conflitto risale agli anni 80 del XX secolo, quando l'emittente Canal+ acquisì la maggioranza delle azioni del PSG e portò la squadra a competere con l'OM sul mercato dei trasferimenti; secondo alcune voci dell'epoca, fu la lega francese stessa a spingere Canal+ all'acquisto del club parigino, in modo da creare un antagonista credibile al dominio dell'OM, che in quegli anni aveva reso il campionato meno competitivo e prestigioso che mai.[127]

Altre rivalità del PSG, consolidatesi soprattutto negli anni 2000, sono con l'Olympique Lione, il Montpellier e il Monaco.

Vi sono buoni rapporti invece con la tifoseria del Napoli, se non un vero e proprio gemellaggio per via anche delle ragioni storiche che legano le due città.[128][129]

OrganicoModifica

  Lo stesso argomento in dettaglio: Paris Saint-Germain Football Club 2022-2023.

Rosa 2022-2023Modifica

Rosa e numerazione aggiornate al 1º settembre 2022.[130]

N. Ruolo Giocatore
1   P Keylor Navas
2   D Achraf Hakimi
3   D Presnel Kimpembe
4   D Sergio Ramos
5   D Marquinhos (capitano)
6   C Marco Verratti
7   A Kylian Mbappé
8   C Fabián Ruiz
10   A Neymar
14   D Juan Bernat
15   C Danilo Pereira
16   P Sergio Rico
N. Ruolo Giocatore
17   C Vitinha
18   C Renato Sanches
19   A Pablo Sarabia
25   D Nuno Mendes
26   D Nordi Mukiele
28   C Carlos Soler
30   A Lionel Messi
32   D Timothée Pembélé
44   A Hugo Ekitike
90   P Alexandre Letellier
99   P Gianluigi Donnarumma

Staff tecnicoModifica

Staff dell'area tecnica
  • Allenatore:   Christophe Galtier
  • Assistente allenatore:   Jesús Pérez
  • Assistente allenatore:   Miguel D'Agostino
  • Responsabile delle prestazioni:   Gian Nicola Bisciotti
  • Preparatore atletico:   Sebastiano Pochettino
  • Preparatore atletico:   Nicolas Mayer
  • Allenatore dei portieri:   Toni Jiménez
  • Allenatore dei portieri:   Gianluca Spinelli
  • Analista video:   Antoine Guillotin
  • Analista video:   Vincent Brunet
  • Analista video:   Clément Gonin

Attività polisportivaModifica

Il club ha istituito un'attività polisportiva a partire dal 1941 con l'istituzione di una sezione di pallamano, seguita dalla sezione di Calcio femminile a partire dal 1971 e dalla sezione mista di judo (dal 2017).[131]

PSG eSportsModifica

Il club ha una sezione eSport lanciata nel 2016 in collaborazione con l'associazione Webedia.[132] La sezione ha divisioni attive in diversi videogiochi quali: FIFA,[133] League of Legends,[134] Dota 2 e Brawl Stars.[135]

OrganicoModifica

Aggiornato al 25 dicembre 2020.[136]

Videogioco Gamer Alter ego Anni di attività
FIFA   Ahmed Al-Meghessib "Aameghessib" 2017–oggi
FIFA Mobile   Mo Zi-Long "MzDragon" 2018–oggi
  Chen Jun-Yu "Milano" 2018–oggi
  Li Si-Jun "Yuwenc" 2018–oggi
League of Legends   Su Chia-Hsiang "Hanabi" 2020–oggi
  Kim Dong-woo "River" 2020–oggi
  Kim Seung-ju "Candy" 2020–oggi
  Wong Chun Kit "Unified" 2020–oggi
  Ling Kai Wing "Kaiwing" 2020–oggi
Dota 2   Jian Wei Yap "xNova" 2018–oggi
  Xu Linsen "fy" 2018–oggi
  Yang Shenyi "Chalice" 2018–oggi
  Li Zhiwen "ASD" 2020–oggi
  Lu Yao "Maybe" 2018–oggi
Brawl Stars   Nicholas Wilson Ng "CoupdeAce" 2020–oggi
  Kogure Yo "Relyh" 2020–oggi
  Jordon Koh Yuen Sheng "Jordon" 2020–oggi
  Charleston Yeo "Scythe" 2020–oggi

NoteModifica

  1. ^ a b c I soprannomi delle squadre di UEFA Champions League, su it.uefa.com, 7 febbraio 2017. URL consultato l'11 agosto 2021.
  2. ^ Dario Guglielmi, I soprannomi delle squadre della Ligue 1, su paneecalcio.com, 18 luglio 2013. URL consultato l'11 agosto 2021.
  3. ^ Paris Saint-Germain - Everything for Football
  4. ^ André Boëda, Union Sportive Quevillaise «Un siècle de Football» 1902-2002, Editions Bertout, p. 166
  5. ^ France Football, n. 1657 del 10 gennaio 1978, La semaine qui fait vaciller Paris, articolo a pagina intera di Gérard Ernault, p. 6.
  6. ^ (EN) Canal Plus to sell PSG, in Eurosport, 11 aprile 2006. URL consultato l'11 agosto 2021.
  7. ^ (EN) PSG unveil Leonardo as general manager, su uefa.com, UEFA, 13 luglio 2011. URL consultato l'11 agosto 2021.
  8. ^ Ancelotti al posto di Kombouaré al PSG, in UEFA.com, 30 dicembre 2011. URL consultato l'11 agosto 2021.
  9. ^ (FR) Lavezzi à Paris!, in psg.fr. URL consultato il 9 agosto 2012 (archiviato dall'url originale il 12 aprile 2013).
  10. ^ (FR) Marco Verratti au Paris Saint-Germain, in psg.fr. URL consultato il 18 luglio 2012 (archiviato dall'url originale l'11 dicembre 2012).
  11. ^ Milan e la tentazione Psg 62 milioni per Ibra+Thiago, su gazzetta.it, 11 luglio 2012. URL consultato il 26 luglio 2012.
  12. ^ AC Milan comunicato ufficiale, su acmilan.com, 14 luglio 2012. URL consultato il 14 luglio 2012 (archiviato dall'url originale l'8 dicembre 2012).
  13. ^ (FR) Thiago Silva au Paris Saint-Germain, su psg.fr, 14 luglio 2012. URL consultato il 14 luglio 2012 (archiviato dall'url originale il 16 luglio 2012).
  14. ^ AC Milan comunicato ufficiale, su acmilan.com, 18 luglio 2012. URL consultato il 18 luglio 2012 (archiviato dall'url originale il 5 dicembre 2012).
  15. ^ (FR) Zlatan Ibrahimovic' 3 ans au PSG !, su psg.fr, 18 luglio 2012. URL consultato il 18 luglio 2012 (archiviato dall'url originale il 18 dicembre 2012).
  16. ^ Ibrahimovic è del Psg: per lui 14 milioni a stagione, su liberoquotidiano.it, Libero, 17 luglio 2012. URL consultato il 18 luglio 2012.
  17. ^ Lucas Moura au PSG en janvier 2013, su psg.fr, 8 agosto 2012. URL consultato l'8 agosto 2012.
  18. ^ A. Farinola, Champions, Barcellona- Psg 1-1: entra Messi e Ancelotti è fuori, in La Repubblica, 10 aprile 2013. URL consultato l'11 agosto 2021.
  19. ^ È ufficiale: Cavani al Psg per 64 milioni, in Il Sole 24 Ore, 16 luglio 2013. URL consultato il 10 agosto 2021.
  20. ^ David Luiz dal Chelsea al Paris Saint-Germain per 60 milioni, in Rai News, 25 maggio 2014. URL consultato il 10 agosto 2021.
  21. ^ Di Maria-Psg: è ufficiale. Allo United 63 milioni: "Hanno voluto vendermi", in La Gazzetta dello Sport, 6 agosto 2015. URL consultato l'11 agosto 2021.
  22. ^ (FR) Nasser Al-Khelaïfi envisage «de gros changements» au PSG, in Psg.fr, 2 giugno 2016.
  23. ^ (FR) Unai Emery nouvel eintraîneur du Paris Saint-Germain, in Psg.fr, 28 giugno 2016.
  24. ^ (FR) Patrick Kluivert rejoint le club en tant que Directeur du football, in Psg.fr, 14 luglio 2016.
  25. ^ Il Barcellona fa il miracolo: batte 6-1 il Psg e conquista i quarti di Champions, su LaStampa.it. URL consultato il 9 marzo 2017.
  26. ^ Neymar rivoluziona il mercato. È costato più del doppio di Pogba, su video.gazzetta.it, 2 agosto 2017.
  27. ^ A. Pasini, Psg-Real Madrid 1-2: al Parco dei Principi c’è un solo re, Ronaldo, in Corriere della Sera, 6 marzo 2018. URL consultato il 10 agosto 2021.
  28. ^ (FR) PSG: Unai Emery a annoncé son départ, in Sudouest.fr, 27 aprile 2018.
  29. ^ (FR) Thomas Tuchel entre en Seine!, in Psg.fr, 15 maggio 2018.
  30. ^ (FR) Gianluigi Buffon s'engage avec le Paris Saint-Germain, in Psg.fr, 6 luglio 2018.
  31. ^ (FR) Le PSG remporte le Trophée des champions face à Monaco, in Lequipe.fr, 4 agosto 2018.
  32. ^ (FR) Ligue 1: Toulouse tient tête à Lille (0-0) et offre le titre de champion au Paris Saint-Germain, in Francefootball.fr, 21 aprile 2019.
  33. ^ (FR) Terrible catastrophe: le PSG est éliminé de la Ligue des champions après une remontada de Manchester United, in Francefootball.fr, 6 marzo 2019.
  34. ^ (FR) Rennes remporte la Coupe de France 2019 et châtie Paris, in Rfi.fr, 28 aprile 2019.
  35. ^ (FR) PSG en crise: Thomas Tuchel met la pression sur ses dirigeants en vue du mercato, mais..., in Lci.fr, 1º maggio 2019.
  36. ^ (FR) Thomas Tuchel prolonge jusqu'au 30 juin 2021, in Lci.fr, 25 maggio 2019.
  37. ^ (FR) Leonardo nommé Directeur Sportif du Paris Saint-Germain, in psg.fr, 14 giugno 2019.
  38. ^ (FR) Mauro Icardi au Paris Saint-Germain, in psg.fr, 2 settembre 2019.
  39. ^ (FR) Le PSG remporte un nouveau Trophée des champions face à Rennes, in lequipe.fr, 3 agosto 2019.
  40. ^ Les guides de L'Équipe, Football 1969, pag. 129.
  41. ^ (FR) Paris Saint-Germain, la capitale scintille en rouge et bleu, su sofoot.com.
  42. ^ (FR) Daniel Riolo, L'Histoire du Paris Saint-Germain, Hugo Sport, 2007, p. 217, ISBN 2-7556-0201-5.
  43. ^ (FR) Michel Kollar, La grande histoire du maillot parisien, Hugo Sport, 2008, p. 641, ISBN 978-2-7556-0328-6.
  44. ^ (FR) Torna la banda Hechter sulle maglie 2020-2021 per i 50 anni del PSG, su passionemaglie.it.
  45. ^ (FR) Historique des Maillots, su psg70.free.fr.
  46. ^ (FR) PSG : la très difficile commercialisation du maillot « Je suis Paris », su rmcsport.bfmtv.com.
  47. ^ (FR) Voici le nouveau logo du PSG, in leparisien.fr, 22 febbraio 2013.
  48. ^ (FR) Hymne PSG : Histoire, paroles et musique, su sport.gentside.com. URL consultato il 19 agosto 2016 (archiviato dall'url originale l'11 settembre 2016).
  49. ^ (FR) Le PSG vous présente Germain, sa nouvelle mascotte, su 20minutes.fr, 21 luglio 2010.
  50. ^ (FR) Maxime Mianat, Germain le Lynx, mascotte du PSG devenue symbole du foot Disneyland, su rue89.nouvelobs.com, 22 febbraio 2013.
  51. ^ (FR) Remo, 23 ans, mascotte du PSG, su parismatch.com, 15 agosto 2015.
  52. ^ (FR) Victor Sauvage, Après Germain le Lynx, le PSG dévoile Magic Nounours…, su magicpaname.com, 17 luglio 2013 (archiviato dall'url originale il 19 settembre 2016).
  53. ^ (FR) Saison 1974/75, su psg70.free.fr.
  54. ^ (FR) PSG – Metz 2-2, su archivesparisfootball.wordpress.com.
  55. ^ PARC DES PRINCES RENOVATIONS, su psg.fr.
  56. ^ (FR) CENTRE D'ENTRAÎNEMENT, su psg.fr.
  57. ^ (FR) EN DIRECT DU CAMP DES LOGES, su psg.fr.
  58. ^ Il Paris-Saint-Germain rinasce con gli arabi, su ilfattoquotidiano.it.
  59. ^ PARIS SAINT GERMAIN FOOTBALL - Fiche entreprise: chiffres d'affaires, bilan et résultat, su societe.com.
  60. ^ QSI propriétaire du PSG à 100 % Archiviato il 5 marzo 2016 in Internet Archive., su paristeam.fr.
  61. ^ Budget des clubs de Ligue 1: classement 2010/2011, su sportune.fr, 3 agosto 2010.
  62. ^ Budgets des clubs de Ligue 1 saison 2011-2012, su sportune.fr, 3 agosto 2011.
  63. ^ Budgets des clubs de Ligue 1 saison 2012-2013, su sportune.fr, 30 luglio 2012.
  64. ^ PSG, OM, ASM… Les budgets de Ligue 1, saison 2013-2014, su sportune.fr, 23 agosto 2013.
  65. ^ ASSE, OM, PSG… Tous les budgets de la Ligue 1 en 2014-2015, su sportune.fr, 9 agosto 2014.
  66. ^ Les budgets de Ligue 1 en 2015-2016, su sportune.fr, 7 agosto 2015.
  67. ^ Les budgets de Ligue 1 en 2016-2017, su sportune.fr, 11 agosto 2016.
  68. ^ Les budgets de Ligue 1 en 2017-2018, su sportune.fr, 3 agosto 2017.
  69. ^ Les budgets de Ligue 1 en 2018-2019, su sportune.fr, 11 agosto 2016.
  70. ^ Paris St-Germain, 1º settembre 1971, PV de l'assemblée générale ordinaire del 4 giugno 1971, p.12-13.
  71. ^ France Football, nº2356 del 4 giugno 1991, p. 36-37.
  72. ^ Pierre-Louis Basse, PSG. Histoire secrètes 1991-1995, Paris, Solar, 1995. Chapitre «La révolution était codée» sur l'arrivée de Canal+ au PSG, p. 27-57.
  73. ^ Histoire du PSG, sur le site officiel du club (PSG.fr).
  74. ^ E' il Real Madrid il club più ricco. Juve 10ª: ricava quasi il doppio dell'Inter - I blancos fatturano più di Barcellona e Manchester Utd, mentre il Psg sorpassa il Bayern. Tra i Top 20 anche Milan (14°), Roma (16ª) e Inter (19ª), su gazzetta.it, 21 gennaio 2016.
  75. ^ (FR) PSG : le club vaut 1 milliard d’euros, selon un cabinet d’audit, su leparisien.fr.
  76. ^ (FR) Manchester City, principale puissance financière du football mondial ?, su ecofoot.fr.
  77. ^ (FR) Le PSG a vendu "plus de 800.000" maillots la saison dernière, un record, su eurosport.fr.
  78. ^ PARIS SAINT-GERMAIN - Organigramme, su lfp.fr.
  79. ^ (FR) MENTIONS LÉGALES, su psg.fr.
  80. ^ a b c d ÉDITO: Nasser Al-Khelaifi - Président de la Fondation Paris Saint-Germain, su psg.fr.
  81. ^ Challenge du Meilleur Club de Jeunes (de 1979 à 2009), su fff.fr, sito ufficiale della FFF (archiviato dall'url originale il 27 gennaio 2013).
  82. ^ Challenge du Meilleur Club de Jeunes (de 1979 à 2014), su fff.fr, sito ufficiale della FFF (archiviato dall'url originale il 10 giugno 2016).
  83. ^ Youth League, che giovani per Conte: 2-1 al Psg, il Chelsea è campione d'Europa, su La Gazzetta dello Sport - Tutto il rosa della vita. URL consultato il 18 aprile 2016.
  84. ^ (FR) Sondage IPSOS effectué les 17 et 18 mars 2006 pour Stade 2, su ipsos.fr (archiviato dall'url originale il 4 gennaio 2009).
  85. ^ Sondaggio del TNS Sofres, effettuato il 2 febbraio 2006. Pubblicato da France Football, n. 3178 del 6 marzo 2007, p. 12: PSG 3º club preferito dai Francesi dopo l'OM et l'OL.
  86. ^ (FR) L'OM, équipe de football préférée des Français, su lepoint.fr, 7 agosto 2009 (archiviato dall'url originale il 13 dicembre 2009).
  87. ^ (FR) Texte intégral du sketch, su claude.ferreira.free.fr.
  88. ^ L'Équipe n. 19 391 del 4 agosto 2007, p. 5.
  89. ^ Entraineurs du Paris SG, su psg.fr.
  90. ^ France Football, n. 1657 del 10 gennaio 1978, La semaine qui fait vaciller Paris, articolo a pagina intera di Gérard Ernault, p. 6.
  91. ^ Le Parisien del 21 giugno 2006, pag. 26.
  92. ^ (FR) Interview Cayzac : ses relations avec Roche et Le Guen, su psgmag.net.
  93. ^ Foot - L1 - PSG : La vente officialisée, su lequipe.fr, L'Équipe, 31 maggio 2011. URL consultato il 2 agosto 2011 (archiviato dall'url originale il 7 agosto 2011).
  94. ^ QSI propriétaire du PSG à 100 % Archiviato il 5 marzo 2016 in Internet Archive., paristeam.fr
  95. ^ Il motivo per cui il PSG non deposita il bilancio, su ju29ro.com, sportbusinessmanagement.it, 10 marzo 2013.
  96. ^ I conti 2010/11 del Paris Saint-Germain, su sportbusinessmanagement.it, ju29ro.com, 14 giugno 2012.
  97. ^ Il Qatar alla conquista dell'Europa: Parigi riscopre il calcio, su cafebabel.it, 4 ottobre 2011. URL consultato il 4 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 4 aprile 2020).
  98. ^ Il Qatar alla conquista dell'Europa: Parigi riscopre il calcio, su calciofrancese.gazzetta.it, 6 marzo 2012.
  99. ^ Jean-Claude Blanc affiancherà Leonardo al Psg, su fcinternews.it, 7 ottobre 2011.
  100. ^ (FR) Liste des joueurs du PSG, su histoiredupsg.fr.
  101. ^ Cazal, Jean-Michel; Pierre Cazal, Michel Orregia (1998). L'intégrale de l'équipe de France de football. Primo. p. 427. ISBN 2876914379.
  102. ^ Frédéric Chevit et Olivier Rey, Le Roman vrai du Paris SG, Paris, Fayard, 1977, p. 103
  103. ^ (FR) Saison 1991/92, su psg70.free.fr.
  104. ^ (FR) Saison 1991-1992, su archivesparisfootball.wordpress.com.
  105. ^ (EN) Karel Stokkermans, IFFHS' Century Elections - Europe - Keeper of the Century, su rsssf.com, 30 gennaio 2000.
  106. ^ (FR) Saison 2001-2002, su archivesparisfootball.wordpress.com.
  107. ^ (FR) Xavier Condamine, Le PSG dévoile son Hall of Fame... avec Beckham, su lefigaro.fr, 4 luglio 2017. URL consultato l'8 agosto 2017..
  108. ^ (FR) Diaporama: Les principaux capitaines du PSG, su lequipemag.fr, L'Equipe. URL consultato il 3 giugno 2013 (archiviato dall'url originale il 17 gennaio 2013).
  109. ^ a b c Paris Saint-Germain, in www.uefa.com. URL consultato il 24 giugno 2019.
  110. ^ (FR) Paris S-G: Histoire du club dans chaque compétition, su Footballdatabase.eu.
  111. ^ (FR) Les records collectifs, su Histoire du PSG.
  112. ^ (FR) Les records individuels, su Histoire du PSG.
  113. ^ (FR) Le PSG reste au sommet, su LFP.fr, 1º aprile 2017.
  114. ^ (FR) Le PSG en Coupe de France : 4 à la suite, record national !, su LFP.fr, 8 maggio 2018.
  115. ^ (FR) TDC: PSG make it six in a row!, su Ligue1.com, 4 agosto 2018. URL consultato il 10 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 10 aprile 2019).
  116. ^ (EN) Man City 15 games from the quadruple - can they do it?, su BBC Sport, 29 marzo 2019.
  117. ^ (FR) Défense parfaite en Coupe de France : et de 3 pour le PSG !, su Histoire du PSG, 4 aprile 2019.
  118. ^ (FR) PSG, roi du Stade de France, su Paris.canal-historique, 4 aprile 2019.
  119. ^ a b Libertino Alaimo, Breve storia del tifo apolide, su ultimouomo.com, 16 ottobre 2020.
  120. ^ Affluence au Parc des Princes: le record pour le PSG est tombé, 33 ans après !, http://www.paris-canalhistorique.com, 12 settembre 2015
  121. ^ Le match en chiffres, http://www.psg.fr, 16 settembre 2015
  122. ^ Fratricidal turf war threatening PSG future, su ESPN FC, 12 ottobre 2010.
  123. ^ French football hooligans' most offensive banners, su The France 24 Observers, 21 aprile 2008. URL consultato il 10 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 4 ottobre 2011).
  124. ^ How PSG lost its soul, su LookLeft, 1º dicembre 2013.
  125. ^ PSG - Maccabi Tel-Aviv: une victoire qui sonne creux, leparisien.fr, 20 agosto 2010
  126. ^ PSG, gli ultras tornano allo stadio: riammessi dopo cinque anni, sportmediaset.mediaset.it, 30 settembre 2016
  127. ^ LE CLASSIQUE: OM VS PSG, UNA SFIDA CHE INFIAMMA TUTTA LA FRANCIA! Archiviato il 10 aprile 2019 in Internet Archive., lagazzettadidonflaco.com, 24 febbraio 2017
  128. ^ Champions League, Napoli-PSG: gemellaggio tra gli ultras sotto il murales di Maradona, su Calcio Fanpage. URL consultato il 12 dicembre 2021.
  129. ^ Ciro Troise, Ultras del Napoli nella curva del Psg, esposto striscione contro Le Figaro, su Corriere del Mezzogiorno, 20 novembre 2021. URL consultato il 12 dicembre 2021.
  130. ^ Equipe Première, su psg.fr. URL consultato il 20 marzo 2022.
  131. ^ (FR) "Club : Le PSG officialise la renaissance du PSG Judo", su culturepsg.com, 1º settembre 2017. URL consultato il 24 dicembre 2020.
  132. ^ (FR) "« Ce sera intéressant de voir le PSG et Monaco s'affronter en e-sport »", su lemonde.fr, 27 ottobre 2016. URL consultato il 24 dicembre 2020.
  133. ^ (FR) PSG entra esports, su psg-esports.com. URL consultato il 24 dicembre 2020.
  134. ^ (EN) "PSG ESPORTS PARTNERS WITH TALON ESPORTS AND RETURNS TO LEAGUE OF LEGENDS", su psg-esports.com, 18 giugno 2020. URL consultato il 24 dicembre 2020.
  135. ^ (EN) "PSG ESPORTS IS BACK ON BRAWL STARS !", su psg-esports.com, 6 marzo 2020. URL consultato il 24 dicembre 2020.
  136. ^ (FR) Teams, su psg-esports.com. URL consultato il 25 dicembre 2020.

BibliografiaModifica

  • (FR) Degorre Damien e Touboul Jérôme, La folle histoire du PSG, Paris, Prolongations, 24 giugno 2009, ISBN 978-2-916400-52-5.
  • (FR) Azhar Alain, PSG, ton univers impitoyable, Paris, Solar éd, 30 aprile 2009, ISBN 978-2-263-04886-9.
  • (FR) Kollar Michel, Tout, et même plus, sur le PSG, Paris, Hugo Sport, 19 febbraio 2009, ISBN 978-2-7556-0328-6.
  • (FR) Riolo Daniel, PSG club capital, Boulogne, Timée éd, 13 aprile 2007, ISBN 978-2-915586-88-6.
  • (FR) Kollar Michel, Dictionnaire officiel du Paris Saint-Germain, Paris, Hugo, 2 novembre 2007, ISBN 978-2-7556-0184-8.
  • (FR) Riolo Daniel, L'histoire du Paris Saint-Germain, Paris, Hugo sport, 23 novembre 2006, ISBN 978-2-7556-0115-2.
  • (FR) Albert Rodolphe, Les secrets du PSG : la danseuse de canal+, mai 1991-avril 2006, Paris, Prive, 1º giugno 2006, ISBN 978-2-35076-028-5.
  • Bouchard Jean-Philippe, Le roman noir du PSG, de Canal+ à Canal-, Paris, Calman-Lévy, mai 2000, ISBN 978-2-7021-3107-7
  • Berthou Thierry, Histoire du Paris Saint-Germain Football-Club (1904-1998), St-Maur, Pages de Foot, juin 1998, ISBN 978-2-913146-00-6
  • Dautrepuis Anne e Gilles Verdez, PSG, nouvelles histoires secrètes (1995-1998), Paris, Solar, janvier 1998, ISBN 978-2-263-02653-9
  • Pierre-Louis Basse, PSG, histoires secrètes (1991-1995), Paris, Solar, septembre 1995, ISBN 978-2-263-02317-0
  • Dominique Grimault e Luis Fernandez, le Parc de mes passions, Paris, Albin Michel, 1995; ISBN 978-2-226-07790-5
  • Balédant Fabrice e Leiblanc Alain, Paris S.G. champion!, Luxembourg, RTL Éditions, 1986, ISBN 978-2-87951-157-3
  • Hechter Daniel, Le football business, Paris, Ramsay, 1979, ISBN 978-2-85956-118-5
  • Frédéric Chevit e Olivier Rey, Le roman vrai du Paris SG, Paris, Fayard, 1977, ISBN 978-2-213-00520-1
  • Collectif, Paris S.G., in Dictionnaire historique des clubs de football français, vol. 2, Pages de Foot, 1999, pp. 303-310, ISBN 2-913146-02-3.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN155663483 · ISNI (EN0000 0001 2190 7363 · LCCN (ENn80069894 · GND (DE1206566957 · BNF (FRcb121668204 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n80069894
  Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio