Partito Conservatore (Sudafrica)

Partito Conservatore del Sudafrica
Conservative Party of South Africa
Konserwatiewe Party van Suid-Afrika
StatoSudafrica Sudafrica
SedeCittà del Capo, Capo Occidentale
Fondazione1982
Dissoluzione2004 (una parte confluisce nel Fronte della Libertà Più e un'altra nel 2016 fonda il Partito Nazional-Conservatore del Sudafrica)
IdeologiaNazionalismo afrikaner,
Apartheid,
Nazionalismo bianco
Conservatorismo,
Segregazione razziale
Sviluppo separato
CollocazioneEstrema destra
ColoriArancione, Blu, Giallo e Bianco

Il Partito Conservatore del Sudafrica (Konserwatiewe Party van Suid-Afrika in Afrikaans) era un partito sudafricano di estrema destra che si batteva in favore degli afrikaner e per preservare molti aspetti dell'apartheid nella sua fase finale.

StoriaModifica

Fu fondato nel 1982 come scissione del Partito Nazionale, da cui precedentemente si era staccato già il simile Partito Nazionale Rifondato del Sudafrica. All'inizio rappresentò un'alternativa tra il compromesso con l'African National Congress e i movimenti dell'indipendentismo afrikaner extraparlamentare come l'Afrikaner Weerstandsbeweging e sottrasse molti voti all'HNP.[1]

Scioglimento e partiti derivatiModifica

Declinò lentamente fino ad essere assorbito dal più moderato Fronte della Libertà Più, mentre una piccola parte ha costituito nel 2016 il Partito Nazional-Conservatore del Sudafrica, un gruppo di destra guidato da Valerie Byliefeldt.[2] Da esso si è staccato il piccolo gruppo di estrema destra del Fronte Nazionale nel 2019.

NoteModifica

  1. ^ The Conservative Party has the Solution, English language party booklet, n/d but early 1989
  2. ^ Citizen.co.za (28 November 2016). "Boer people want their land back". The Citizen.

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN139626908 · WorldCat Identities (ENlccn-n85254358