Partito Liberal Democratico (Giappone)

partito giapponese
Partito Liberal Democratico
(JA) Jiyū-Minshutō
自由民主党 / 自民党
Liberal Democratic Party of Japan logo.svg
PresidenteFumio Kishida
SegretarioToshimitsu Motegi
VicepresidenteTarō Asō
StatoGiappone Giappone
SedeTokyo
Fondazione15 novembre 1955
IdeologiaConservatorismo nazionale[1][2]
Nazionalismo giapponese[3][4][5][6][7]
Populismo di destra[8][9][10]
Neoliberismo[8][9]
CollocazioneDestra[11][12]
Affiliazione internazionaleNessuna
(aderisce formalmente alla UDI e alla Lega Mondiale per la Libertà e la Democrazia)
Seggi Camera dei rappresentanti
261 / 465
(2021)
Seggi Camera dei consiglieri
109 / 245
Seggi
1 301 / 2 668
(Prefetture)
Seggi
2 180 / 29 762
(Municipalità)
Iscritti1 068 560 (2017)
Colori     Verde
     Rosso
Sito webwww.jimin.jp e www.jimin.jp/english/

Il Partito Liberal Democratico (自由民主党 Jiyū-Minshutō?), frequentemente abbreviato in Jimintō (自民党?) o LDP (dalla sigla inglese Liberal Democratic Party), è il primo partito giapponese, appartenente alla frangia conservatrice. Dal 1955 al 2009 è stato alla guida praticamente incontrastata del paese, salvo una parentesi di governo dal 1994 al 1996 con il Partito Socialista Giapponese. L'attuale presidente è il primo ministro Yoshihide Suga, eletto il 14 settembre 2020 in sostituzione di Shinzō Abe. Alle elezioni del settembre 2005 il partito ottenne un successo imprevisto da tutti e poté per la prima volta dal 1990 governare da solo, ma seguì un periodo di instabilità con l'avvicendamento di quattro premier: Koizumi, poi nell'ordine Abe, Fukuda e Asō.

Il 30 agosto 2009, il Jimintō subisce una sconfitta alle elezioni per la camera bassa, finendo così per la prima volta all'opposizione. In seguito agli interventi poco efficaci al contrasto della crisi economica, all'imminente superamento economico della Cina, all'incapacità di mantenere un esecutivo stabile (in tre anni il Partito Democratico ha nominato tre governi diversi, in aggiunta ai quattro precedenti degli ultimi quattro anni) e alla impreparazione del governo nel gestire in modo efficiente il disastro nucleare di Fukushima, i Democratici (centro-sinistra), che per la prima volta governavano dalla loro nascita (nel 1998), perdono più di dieci milioni di voti alle elezioni anticipate del 2012 garantendo così la vittoria al centro-destra che dopo soli tre anni di opposizione torna al governo del paese guidato da Shinzō Abe, delfino di Jun'ichirō Koizumi e primo ministro dal 2006 al 2007.

StoriaModifica

Il Partito Liberal Democratico è nato nel 1955 come frutto dell'unione di due partiti contrapposti, il Partito Liberale (自由党 Jiyutō?), guidato da Shigeru Yoshida e il vecchio Partito Democratico Giapponese (日本民主党 Nihon Minshutō?) guidato da Ichirō Hatoyama. Entrambi appartenenti all'ala conservatrice, i due partiti si unirono per fronteggiare l'allora Partito Socialista Giapponese. Dopo aver vinto le elezioni, la nuova coalizione formò il primo governo a maggioranza conservatrice della storia del Giappone nel 1955 e avrebbe continuato a governare nella maggioranza fino al 1993.

Tra i suoi dirigenti di spicco vi sono Nobusuke Kishi, primo ministro tra il 1957 e il 1960, e Jun'ichirō Koizumi, capo del governo dal 2001 al 2006.

Presidenti dell'LDPModifica

L'attuale presidente è Fumio Kishida, subentrato il 4 ottobre 2021 a Yoshihide Suga, che a sua volta il 14 settembre 2020 era subentrato a Shinzō Abe. Prima di quest'ultimo, ha ricoperto questo ruolo Sadakazu Tanigaki che, assieme a Yōhei Kōno, è stato uno dei due soli presidenti dell'LDP a non avere anche ricoperto la carica di primo ministro. Inoltre Abe è il primo ad aver ricoperto per due occasioni la carica di presidente del partito. Le date fra parentesi si riferiscono al periodo di governo del relativo presidente.

  1. Ichirō Hatoyama (04/05/1956 ~ 14/12/1956)
  2. Tanzan Ishibashi (14/12/1956 ~ 21/03 1957)
  3. Nobusuke Kishi (21/03/1957 ~ 14/07/1960)
  4. Hayato Ikeda (14/07/1960 ~ 01/12/1964)
  5. Eisaku Satō (01/12/1964 ~ 05/07/1972)
  6. Kakuei Tanaka (05/07/1972 ~ 04/12/1974)
  7. Takeo Miki (04/12/1974 ~ 23/12/1976)
  8. Takeo Fukuda (23/12/1976 ~ 01/12/1978)
  9. Masayoshi Ōhira (01/12/1978 ~ 12/06/1980)
  10. Eiichi Nishimura (12/06/1980 ~ 15/07/1980)
  11. Zenkō Suzuki (15/07/1980 ~ 25/11/1982)
  12. Yasuhiro Nakasone (25/11/1982 ~ 31/10/1987)
  13. Noboru Takeshita (31/10/1987 ~ 02/06/1989)
  14. Sōsuke Uno (02/06/1989 ~ 08/08/1989)
  15. Toshiki Kaifu (08/08/1989 ~ 30/10/1991)
  16. Kiichi Miyazawa (31/10/1991 ~ 29/07/1993)
  17. Yōhei Kōno (30/07/1993 ~ 30//09/1995)
  18. Ryūtarō Hashimoto (01/10/1995 ~ 24/07/1998)
  19. Keizō Obuchi (24/07/1998 ~ 05/04/2000)
  20. Yoshirō Mori (05/04/2000 ~ 24/04/2001)
  21. Jun'ichirō Koizumi (24/04/2001 ~ 26/09/2006)
  22. Shinzō Abe (26/09/2006 ~ 26/09/2007)
  23. Yasuo Fukuda (26/09/2007 ~ 22/09/2008)
  24. Tarō Asō (22/09/2008 ~ 16/09/2009)
  25. Sadakazu Tanigaki (28/09/2009 ~ 26/09/2012)
  26. Shinzō Abe (26/09/2012 ~ 14/09/2020)
  27. Yoshihide Suga (14/09/2020 ~ 29/09/2021)
  28. Fumio Kishida (dal 29/09/2021)

Risultati elettoraliModifica

Elezione Voti % Seggi
Parlamentari 2009
119 / 475
Parlamentari 2012
294 / 475
Parlamentari 2014
291 / 475
Parlamentari 2017
284 / 465

NoteModifica

  1. ^ Pradyumna P. Karan, Japan in the 21st century: environment, economy, and society, University Press of Kentucky, 2005.
  2. ^ Ray Christensen, Ending the LDP Hegemony: Party Cooperation in Japan, University of Hawaii Press, 2000, p. 232.
  3. ^ The Resurgence of Japanese Nationalism (the Globalist), su theglobalist.com, 22 luglio 2015. URL consultato l'11 luglio 2016 (archiviato dall'url originale il 19 agosto 2016).
  4. ^ As Hiroshima's legacy fades, Japan's postwar pacifism is fraying, su theconversation.com, The Conversation UK, 6 agosto 2015. URL consultato il 21 febbraio 2020.
    «Even though much of the Japanese public does not agree with the LDP’s nationalist platform, the party won big electoral victories by promising to replace the DPJ's weakness with strong leadership – particularly on the economy, but also in foreign affairs.».
  5. ^ Why Steve Bannon Admires Japan, in The Diplomat, 22 giugno 2018.
    «In Japan, populist and extreme right-wing nationalism has found a home within the political establishment.».
  6. ^ Shinzo Abe and the rise of Japanese nationalism, su newstatesman.com, New Statesman, 15 maggio 2019. URL consultato il 21 febbraio 2020.
    «As a new emperor takes the throne, prime minister Abe is consolidating his ultranationalist “beautiful Japan” project. But can he overcome a falling population and stagnating economy?».
  7. ^ A Weiss (31 May 2018). Towards a Beautiful Japan: Right-Wing Religious Nationalism in Japan's LDP.
  8. ^ a b Neo-Liberal Populism in Japan--Koizumi's Success in the LDP Presidential Election in Comparative Perspective (in Japanese), Okumi H.
  9. ^ a b http://journals.cambridge.org/action/displayAbstract;jsessionid=F4C1DFFC93B6FEEB769C932AAC674A97.tomcat1?fromPage=online&aid=942948 How Junichiro Koizumi seized the leadership of Japan's Liberal Democratic Party, IKUO KABASHIMA and GILL STEEL, Japanese Journal of Political Science, Cambridge Journals Online
  10. ^ http://www.nytimes.com/2008/09/17/world/asia/17japan.html Memo From Tokyo - Populist Appeals in Election, and Claims of Political Theater , MARTIN FACKLER, New York Times, 16 settembre 16 2008
  11. ^ Unwelcome Change – A Cabinet Reshuffle Poses Risks For Japan's Ties with Neighbors, in The Economist, 30 agosto 2014.
  12. ^ In a Major Shift, South Korea Defies Its Alliance With Japan, su thenation.com, The Nation, 27 agosto 2019. URL consultato il 19 febbraio 2020.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN141332092 · ISNI (EN0000 0001 2170 9316 · LCCN (ENn81126874 · GND (DE217289-6 · NLA (EN36353509 · NDL (ENJA00263675 · WorldCat Identities (ENlccn-n81126874