Partito Socialdemocratico di Serbia

partito politico in Serbia
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Partito Socialdemocratico (Serbia).
Partito Socialdemocratico di Serbia
Социјалдемократска партија Србије
Social Democratic Party of Serbia logo.png
LeaderRasim Ljajić
StatoSerbia Serbia
SedeBelgrado
Fondazione12 dicembre 2009
IdeologiaSocialdemocrazia
CollocazioneCentro-sinistra
Affiliazione internazionaleInternazionale Socialista (osservatore)
Seggi Assemblea nazionale
8 / 250
Iscritti50 000 (2012)
Sito webwww.sdpsrbije.org.rs/

Il Partito Socialdemocratico di Serbia (in serbo: Социјалдемократска партија Србије,СДПС-SDPS) è un partito politico serbo di ispirazione liberale-sociale.

Il movimento nasce nel 2009 dal già esistente Partito Democratico del Sangiaccato (SDP), rappresentante della comunità bosgnacca in Serbia. Fondatore del SDPS è Rasim Ljajić, presidente del SDP e ministro del lavoro dal 2007, che decide di ridurre l'SDP a un movimento locale interno al SDPS,lanciando quest'ultimo a livello nazionale.

Il partito è rappresentato da cinque deputati nell'Assemblea Nazionale di Serbia, eletti nelle liste del SDP e ora presenti nel SDPS.

Alle elezioni parlamentari del 2012 SDPS si è presentato insieme al Partito Democratico ottenendo 9 seggi. Durante le trattative per la formazione del nuovo governo SDPS decide di rompere l'alleanza con i democratici (passati all'opposizione) e partecipa al governo guidato da Ivica Dačić, nel quale Ljajic è ministro per il commercio e telecommunicazione e vicepremier.

Alle elezioni parlamentari del 2014 SDPS si allea con il Partito Progressista Serbo (moderato di centro-destra) e altri partiti. Questa coalizione guidata dal leader del Partito Progressista Aleksandar Vučić ha vinto le elezioni e Ljajic è stato confermato vicepremier e ministro, mentre SDPS ha ottenuto 10 seggi.

Alle elezioni parlamentari del 2016 SDPS sempre in alleanza coi progressisti mantiene i suoi 10 seggi e Ljajic è nuovamente confermato ministro.

Collegamenti esterniModifica