Partito dei Socialisti della Repubblica di Moldavia

Partito dei Socialisti della Repubblica di Moldavia
(RO) Partidul Socialiștilor din Republica Moldova
(RU) Партия социалистов Республики Молдова
Logo of the Party of Socialists of the Republic of Moldova.svg
LeaderIgor Dodon
SegretarioVlad Batrîncea
StatoMoldavia Moldavia
FondazionePSRM
IdeologiaSocialismo democratico
Conservatorismo sociale
Russofilia
CollocazioneTrasversale
Seggi Parlamento
22 / 101
(2021)
Iscritti8 000 (2012)
Sito websocialistii.md

Il Partito dei Socialisti della Repubblica di Moldavia (in romeno Partidul Socialiștilor din Republica Moldova - PSRM; in russo: in russo: Партия социалистов Республики Молдова?, traslitterato: Partija socialistov Respubliki Moldova) è un partito politico moldavo di orientamento socialista democratico, conservatore sociale e filo-russo fondato nel 1997.

Ideologia e posizioniModifica

Il partito si definisce socialista democratico.[1] In materia fiscale si colloca a sinistra, mentre su tematiche socio-culturali come ruolo della famiglia e diritti LGBTQ è un partito conservatore, in contrasto rispetto ai partiti di sinistra dell'Europa occidentale.[2] Esprime posizioni anti-NATO, anti-UE e filo-russe.[3][4] Il partito sostiene la denominazione di "lingua moldava" per designare la lingua neolatina parlata nel Paese.[4][5] Nonostante il sostegno del partito alla causa di una Moldavia indipendente, vari membri e deputati detengono la cittadinanza romena.[6]

RisultatiModifica

Elezione Voti % Seggi
Parlamentari 2014 327.912 20,51
25 / 101
Parlamentari 2019 441.191 31,15
35 / 101
Parlamentari 2021[N 1] 398.675 27,17
22 / 101
  1. ^ Nel Blocco Elettorale dei Comunisti e dei Socialisti (con PCRM); totale seggi: 32
Elezione Candidato Voti % Esito
Presidenziali 2016 I turno Igor Dodon 680.550 47,98 ✔️ Eletta/o
II turno 834.081 52,11
Presidenziali 2020 I turno 439.866 32,61 Non eletta/o (2º)
II turno 690.614 42,28

NoteModifica

  1. ^ (RO) Programul PSRM, su scribd.com.
  2. ^ Cristi Vlas, LGBT solidarity march in Moldova stopped due to fear of clashes with orthodox counter protesters, su Moldova.org, 22 maggio 2016. URL consultato il 25 febbraio 2019 (archiviato dall'url originale il 12 giugno 2018).
  3. ^ Vladimir Socor, Russia's New Moldovan Favorite: Igor Dodon's Socialist Party, su Eurasia Daily Monitor Volume. URL consultato il 25 marzo 2018 (archiviato dall'url originale il 27 giugno 2018).
  4. ^ a b PSRM: "Patria noastră este Moldova. Limba noastră este moldovenească ", su Timpul.md. URL consultato il 25 marzo 2018 (archiviato dall'url originale il 27 giugno 2018).
  5. ^ (RO) DEZINFORMARE: Republica Moldova este stat succesor al Moldovei lui Ştefan cel Mare, su veridica.ro. URL consultato il 1º settembre 2021.
  6. ^ DOC: Deputaţii PSRM cu paşaport românesc, care acum jumătate de an spuneau că au depus cereri să li se retragă cetăţenia română, au MINŢIT, su Jurnal.md. URL consultato il 25 marzo 2018 (archiviato dall'url originale il 18 luglio 2018).

Collegamenti esterniModifica