Pascal Simbikangwa

militare e criminale di guerra ruandese
Genocidio del Ruanda
Nyamata Memorial Site 13.jpg
Ruanda · Genocidio
Storia
Origini di Hutu e Tutsi
Guerra civile ruandese
Accordi di Arusha
Massacro di Nyarubuye
Paul Rusesabagina
Hutu Power
Fazioni
Interahamwe (Hutu)
Impuzamugambi (Hutu)
Fronte Patriottico (Tutsi)
UNAMIR (Nazioni Unite)
RTLM e Kangura
Conseguenze
Tribunale internazionale
Corte Gacaca
Crisi dei Grandi Laghi
Prima guerra del Congo
Seconda guerra del Congo
Media
Hotel Rwanda
Shake Hands with the Devil

Pascal Simbikangwa (Karago, 17 dicembre 1959) è un ex militare e criminale di guerra ruandese, capo dei servizi segreti del Ruanda nel corso del genocidio ruandese.

BiografiaModifica

Simbikangwa nacque nel 1959 a Karago, nella Provincia Occidentale. Nel 1986 rimase ferito in un incidente d'auto e fu costretto a trascorrere il resto della sua vita su una sedia a rotelle. Successivamente divenne il capo dei servizi segreti ruandesi e anche capitano della guardia presidenziale.[1]

Simbikangwa ebbe un ruolo significativo nello svolgimento del genocidio ruandese. Si occupò infatti di stilare una lista dettagliata delle famiglie tutsi da sterminare[2] e, essendo uno dei maggiori azionisti della Radio Télévision Libre des Mille Collines, istigò all'odio razziale la popolazione. Inoltre, fu membro dei cosiddetti "Squadroni della morte", che operavano nei posti di blocco alla frontiera e avevano il compito di trucidare sul posto i tutsi che cercavano di lasciare il paese.[3]

Al termine del genocidio, Simbikangwa si rifugiò clandestinamente nelle Isole Comore e, successivamente, nell'arcipelago francese di Mayotte, dove fu arrestato il 28 ottobre 2008 per possesso di documenti di identificazione falsi[4]. Estradato in Francia, venne accusato di genocidio, crimini di guerra e crimini contro l'umanità.[2][5] Al termine di un processo durato sei settimane, il 14 marzo 2014 venne condannato a 25 anni di carcere.[2][4]

NoteModifica

  1. ^ (EN) Rwanda ex-soldier jailed for genocide role, su Al Jazeera, 15 marzo 2014. URL consultato il 29 luglio 2015.
  2. ^ a b c (EN) Kim Willsher, Rwanda former spy chief Pascal Simbikangwa jailed over genocide, su The Guardian, 14 marzo 2014. URL consultato il 29 luglio 2015.
  3. ^ (IT) Parigi, processato ex militare accusato del genocidio Ruanda, su Reporter nuovo, 5 febbraio 2014. URL consultato il 29 luglio 2015 (archiviato dall'url originale il 24 settembre 2015).
  4. ^ a b (IT) Ruanda, condanna “storica” per uno dei responsabili del genocidio, su La Stampa, 15 marzo 2014. URL consultato il 29 luglio 2015.
  5. ^ (EN) French court convicts Rwandan former spy chief Simbikangwa of genocide, su dw.com, 15 marzo 2014. URL consultato il 29 luglio 2015.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN78036991 · ISNI (EN0000 0000 3225 3329 · LCCN (ENn95910286 · WorldCat Identities (ENlccn-n95910286