Apri il menu principale

«Bernardo Provenzano in confronto era un dilettante.»

(Investigatore a riguardo dei Pizzini[1])
Pasquale Condello da giovane.

Pasquale Condello, detto U Supremu (Reggio Calabria, 24 settembre 1950), è un mafioso italiano appartenente all'organizzazione denominata 'ndrangheta.

U Supremu, chiamato così anche dai suoi rivali per il carisma criminale che esercita nell'organizzazione malavitosa, a causa dell'infallibilità delle sue sentenze, che all'interno della 'ndrangheta erano considerate legge, o anche "primula rossa", è il capobastone dell'omonima famiglia, latitante dal 1990 al 18 febbraio 2008, considerato uno dei numero uno della 'ndrangheta, capo indiscusso dopo l'arresto di Giuseppe Morabito.

Indice

StoriaModifica

«Non sono Provenzano, sono io[2]»

(Pasquale Condello)

La sua carriera criminale inizia col matrimonio di Pasquale, che scelse come compari Paolo "don Paolino" De Stefano e Giovanni Fontana. De Stefano, caduto in un agguato, eclatante risposta all'autobomba contro Nino Imerti, vide però Condello allearsi con gli Imerti, i Rosmini, i Fontana e i Saraceno, sciogliendo così il loro legame. L'accordo con gli Imerti venne sancito dal matrimonio di Antonio Imerti con una cugina di Condello.

 
Il luogo dell'arresto[3].

Iniziò così una delle prime due guerre di mafia che vedeva i due schieramenti contrapposti. Alla morte di Paolo De Stefano viene quindi collegata l'ascesa del capo dei "condelliani".[4] Condello è ritenuto il mandante dell'assassinio di Lodovico Ligato, ex presidente delle Ferrovie dello Stato, morto in un agguato la notte del 27 agosto 1989.[4]

Dopo l'arresto di Giuseppe Morabito detto "U tiradrittu" viene considerato capo indiscusso della 'ndrangheta. I suoi affari spaziavano dalle tangenti alle estorsioni, dagli appalti al controllo di numerose attività economiche anche fuori dalla Calabria e all'estero. Inseguito da vari provvedimenti restrittivi e condanne all'ergastolo, Pasquale Condello è stato latitante dal 28 novembre 1990, finché non è stato arrestato la sera del 18 febbraio 2008, in un blitz in cui sono intervenuti circa 100 carabinieri del ROS e dei cacciatori del Gruppo Operativo Calabria[5].

Condello è stato condannato a 4 ergastoli e 22 anni di reclusione, e dal 1993 era ricercato in campo internazionale. L'operazione ha avuto luogo intorno alle ore 20.00 a Occhio di Pellaro, ed ha portato al fermo di Condello, del genero Giovanni Barillà e del nipote Giandomenico Condello, oltre ad un'altra persona.[6][7][8] Ora è detenuto al carcere di Spoleto.[2]

NoteModifica

  1. ^ 'Ndrangheta, il superboss Condello in carcere fuori dalla 'sua' Calabria, in repubblica.it, 19 febbraio 2008. URL consultato il 20 febbraio 2008.
  2. ^ a b Cattura Boss Condello: le indagini, in nuovacosenza.com, 23 febbraio 2008. URL consultato il 25 febbraio 2008.
  3. ^ ‘Ndrangheta: arrestato Pasquale Condello | MELITO online Archiviato il 22 luglio 2011 in Internet Archive.
  4. ^ a b Condello, leader pacato e spietato Boss con una lunga scia di sangue, in repubblica.it, 19 febbraio 2008. URL consultato il 20 febbraio 2008.
  5. ^ 'ndrangheta, arrestato il boss Condello, in corriere.it, 18 febbraio 2008. URL consultato il 19 febbraio 2008.
  6. ^ Ndrangheta, arrestato Condello, il "Provenzano" della Calabria, in repubblica.it, 19 febbraio 2008. URL consultato il 20 febbraio 2008.
  7. ^ Arrestato il superboss della 'Ndrangheta Pasquale Condello, in pupia.tv, 19 febbraio 2008. URL consultato il 19 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 6 dicembre 2008).
  8. ^ Arrestato il boss Condello, in nuovacosenza.com, 19 febbraio 2008. URL consultato il 20 febbraio 2008.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie