Apri il menu principale

Lillo Foti

imprenditore e dirigente sportivo italiano
(Reindirizzamento da Pasquale Foti)

Pasquale Foti, detto Lillo (Reggio Calabria, 3 febbraio 1950), è un imprenditore e dirigente sportivo italiano, presidente della Reggina dal 1991 al 2013 e dal 2014 al 2015[1].

Nel 1986 diventa amministratore delegato della società sportiva Reggina Calcio. Dal 1991 ne diviene il presidente e nella stagione 1998-1999, sotto la sua presidenza, la Reggina conquista la sua prima promozione in Serie A, in cui ha militato nove anni fino alla stagione 2008-2009.

La sua attività comprende la gestione di numerose attività commerciali, specialmente nel settore dell'abbigliamento.

L'8 novembre 2011 è condannato dalla nona sezione del tribunale di Napoli ad 1 anno e sei mesi di carcere per il reato di frode sportiva, confermando il suo coinvolgimento nello scandalo Calciopoli, nonché ad una multa di 30 000 euro. [2]

Nel novembre del 2013 Foti lascia l'incarico di presidente della Reggina diventando maggior azionista, gli succede Giuseppe Ranieri (che anche amministratore unico).

Nell'ottobre del 2014 Foti ritorna presidente e il suo predecessore, Giuseppe Ranieri, diventa amministratore delegato.

Il 19 giugno 2015 viene ricoverato d'urgenza agli Ospedali Riuniti di Reggio Calabria in seguito a forti dolori addominali.[3][4]

Nell'estate 2015 a fronte di svariati milioni di debiti verso lo stato e non, decide di non iscrivere la Reggina Calcio al campionato di Lega Pro facendola fallire.

NoteModifica

  1. ^ REGGINA - Foti torna alla presidenza - Tutto Reggina
  2. ^ Calciopoli, tutti colpevoli, Corrieredellosport.it, 8 novembre 2011. URL consultato il 9 novembre 2011 (archiviato dall'url originale il 2 giugno 2013).
  3. ^ Reggina: Foti ricoverato d'urgenza tuttomercatoweb.com
  4. ^ Foti, tamponata emorragia intestinale tuttomercatoweb.com