Apri il menu principale
1857, autoritratto di Pasquale Mattej tratto da Arcipelago ponziano in opere

Pasquale Mattei (Formia, 9 gennaio[1] 1813Napoli, 1879) è stato un pittore, disegnatore, archeologo biografo e poeta italiano.

Indice

BiografiaModifica

 
Festa di Santa Rosalia a Palermo di P. Mattej, Palazzo Reale (Napoli)

Pasquale de baroni Mattej (risultante spesso come Pasquale Mattei), nacque a Formia[2] nel 1813, partecipò attivamente alla Scuola di Posillipo sia in veste di pittore che in quella di storiografo. È sua infatti la prima scrupolosa biografia del Pitloo, pubblicata nel Poliorama Pittoresco[3]. Fu un uomo molto colto e pieno di risorse in vari campi: archeologia, giornalismo, letteratura e un ottimo organizzatore e promotore di nuove società filarmoniche. La sua prima formazione artistica fu sotto la guida di G. Maldarelli che gli insegna i suoi schemi neoclassici, quindi passo alla scuola di Pitloo. Nonostante la diversità dei temi le influenze di quest'ultimo caratterizzeranno tutta la sua produzione artistica. Continuando e ravvivando la tradizione di pittori come Gaetano Gigante, nei suoi dipinti i soggetti ricorrenti sono le scene popolari di folla, gli eventi storici e di cronaca, le feste e le processioni[3] Dal 1837 avviò l’attività di disegnatore e pubblicista, collaborò con Poliorama Pittoresco e poi alla rivista L'Arlecchino. Come pittore esordì alla Mostra Borbonica del 1848 (Prospetto dell'Annunziata di Aversa, Straordinaria navigata avvenuta nel 1847 in Mola di Gaeta, acquerelli) . Con una produzione volta alla documentazione di eventi storici e della tradizione folclorica tornò a esporre alle biennali borboniche nel 1855 e nel 1859[4] I suoi manoscritti e disegni sono tuttora di grande utilità per la ricostruzione della topografia di Formia[5] Negli anni cinquanta disegno diverse tavole (mostrate in galleria) per l'opera del De Bourcard[6].

Nel 1845, partendo da Mola esplorò il promontorio di Gianola, i suoi studi storico-artistici in merito al luogo furono successivamente consegnati ai lettori del Poliorama Pittoresco. Nell’aprile del 1847, effettuò un viaggio a Ponza, e nel luglio dello stesso anno sbarcò a Ventotene. Le notizie e le impressioni raccolte nelle due isole furono poi pubblicate in volume[7] nel 1857. Durante i viaggi a Ponza e Ventotene, il Mattej eseguì anche 42 disegni (molti dei quali poi ripassati ad acquerello), raccogliendo dal vivo aspetti folcloristici, costumi, monumenti e vedute panoramiche. Questa parte dell’opera sua è oggi conservata nella Biblioteca Vallicelliana di Roma assieme a un suo fondamentale manoscritto autografo[8].

 
Poliorama Pittoresco (vol.1,p.401) - parte di articolo scritto e illustrato da Pasquale Mattej. Su Google-libri

OpereModifica

PoesiaModifica

ArcheologiaModifica

LinguisticaModifica

  • Pasquale Mattej, Studii sul dialetto di Formia, Scauri, Arti Grafiche Caramanica, 1978, SBN IT\ICCU\RLZ\0106598.

Studi biograficiModifica

  • Pasquale Mattej, Cenni su la vita e sulle opere del dottor Francesc'Antonio Notarjanni, 1845, SBN IT\ICCU\SBL\0746896.

GraficaModifica

Opere pittoricheModifica

DedicheModifica

  • Nella città natale gli è stata dedicata una piazza[10]
  • Nella città natale gli è stata dedicato un istituto di istruzione secondaria di primo grado[11]

Tavole realizzate per Usi e costumi di Napoli e contorni descritti e dipintiModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Usi e costumi di Napoli e contorni descritti e dipinti.
[12]

NoteModifica

  1. ^ Il faro on line, https://www.ilfaroonline.it/2013/01/26/gaeta-e-formia-ricordano-lartista-pasquale-mattej-2/33508/.
  2. ^ nacque a Castellone di Gaeta oggi rione di Formia Ottaviani
  3. ^ a b frammentiarte
  4. ^ a b c Matteucci
  5. ^ conservati nella Biblioteca Vallicelliana; v. anche P. Mattei, Poliorama pittoresco, 1836, II, p. 279 ss.; XLI, p. 319 ss.; 1839, XI, p. 184 ss.; 1845, XIII, p. 106; XIV, p. 115; XV, p. 119 ss.; XVI, p. 128 ss.; XVII, p. 133 ss.; XVIII, p. 142. treccani.it
  6. ^ a b Francesco De Bourcard, Usi e costumi di Napoli e contorni descritti e dipinti, SBN IT\ICCU\BVE\0691273.
  7. ^ "L’arcipelago ponziano – memorie storiche e artistiche" in bibliografia
  8. ^ Lucciola
  9. ^ Porzio
  10. ^ Piazza pittore Mattei, su tuttocitta.it, Formia. URL consultato il 2 febbraio 2017.
  11. ^ Istituto Comprensivo Pasquale Mattei, su icmattej.it, Formia. URL consultato il 2 febbraio 2017.
  12. ^ Altre tavole in Wikimedia Commons al paragrafo altri progetti

BibliografiaModifica

  • Annalisa Porzio, Il Palazzo Reale di Napoli, Napoli, Arte'm, 2014, ISBN 978-88-569-0446-8.
  • Marco Tedesco, La raffigurazione del concetto di festa popolare nell'arte di Gaetano Gigante e Pasquale Mattej, in Civiltà aurunca : rivista trimestrale di cultura , Anno 29, n. 89 (gen.-mar. 2013), 59-64 p., SBN IT\ICCU\NAP\0685832.
  • Giorgio Ottaviani, Pasquale Mattej della famiglia Mattej di Castelforte : la sua vita, la sua produzione artistica, la fine del suo casato, Marina di Minturno, Caramanica, 2006, SBN IT\ICCU\NAP\0356624.
  • Giorgio Ottaviani , "Pasquale Mattej in San Germano" la permanenza del pittore in Cassino e nella sua Abbazia e genesi delle Opere ivi prodotte. Edizioni Caramanica 2017
  • AA.VV., Civiltà dell'Ottocento Arte a Napoli dai Borboni ai Savoia,Le arti Figurative, Napoli, Electa, 1997, ISBN 978-88-435-5665-6.
  • Mattia Limoncelli, Pasquale Mattej (1813-1879) : Gaeta, Palazzo De Vio, luglio-settembre 1979, catalogo della mostra, Gaeta, 1979, SBN IT\ICCU\NAP\0042084.
  • Mattia Limoncelli, Pasquale Mattej, Circolo Artistico Politecnico, Napoli, SBN IT\ICCU\NAP\0689858.
  • M.Guaitoli, Formia, su Enciclopedia dell'Arte Antica, treccani.it. URL consultato il 2 febbraio 2017.
  • Pasquale Mattei, su frammentiarte.it. URL consultato il 2 febbraio 2017.
  • Simone Lucciola, Personaggi storici: Pasquale Mattej, su telefree.it, 27 ottobre 2003. URL consultato il 2 febbraio 2017.
  • Istituto Matteucci, studio e catalogazione dell'arte italiana del XIX secolo, Mattej Pasquale, su istitutomatteucci.it. URL consultato il 2 febbraio 2017.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN36036859 · ISNI (EN0000 0000 5556 9772 · SBN IT\ICCU\SBLV\311452 · LCCN (ENn88661015 · GND (DE136412254 · ULAN (EN500005066 · CERL cnp01154074