Apri il menu principale

Pasquale Morganti

arcivescovo cattolico italiano
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo architetto e scultore, vedi Pasquale Morganti (scultore).
Pasquale Morganti, O.SS.C.A.
arcivescovo della Chiesa cattolica
Archbishop CoA PioM.svg
 
Incarichi ricopertiVescovo di Bobbio
Arcivescovo metropolita di Ravenna
Vescovo di Cervia
 
Nato3 dicembre 1852 a Lesmo
Ordinato presbitero23 giugno 1875 dall'arcivescovo Luigi Nazari di Calabiana
Nominato vescovo9 giugno 1902 da papa Leone XIII
Consacrato vescovo22 giugno 1902 dal cardinale Andrea Carlo Ferrari
Elevato arcivescovo14 novembre 1904 da papa Pio X
Deceduto18 dicembre 1921 (69 anni) a Ravenna
 

Pasquale Morganti (Lesmo, 3 dicembre 1852Ravenna, 18 dicembre 1921) è stato un arcivescovo cattolico italiano.

BiografiaModifica

Nato in una famiglia di origini modeste, composta da 12 figli, rimasti ben presto orfani di padre; il fratello maggiore, Luigi, divenuto maestro elementare, aiutò la madre e si fece carico del mantenimento degli altri familiari.

Nell'autunno del 1871 entrò nel seminario teologico di Milano, dove divenne amico del più giovane Achille Ratti, futuro papa Pio XI; quattro anni dopo, il 23 giugno 1875, fu ordinato sacerdote dall'arcivescovo Luigi Nazari di Calabiana. Come primo incarico fu docente del seminario minore di San Pietro Martire, poi divenne direttore spirituale del Collegio arcivescovile di San Martino, annesso al seminario di S. Pietro, frequentato dai fanciulli delle indirizzati al sacerdozio.

Grazie alla stima del cardinale Andrea Carlo Ferrari, il 9 giugno 1902 fu nominato vescovo di Bobbio. Il 14 novembre 1904 fu nominato arcivescovo metropolita di Ravenna. Il 7 gennaio 1909 fu nominato anche vescovo di Cervia; in questo modo le due sedi furono unite in persona episcopi.

Nel settembre 1913 celebrò il sinodo ravennate.

Genealogia episcopaleModifica

BibliografiaModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN33002698 · ISNI (EN0000 0001 1617 0264 · SBN IT\ICCU\RAVV\008990 · LCCN (ENno96005764 · BAV ADV10987542 · WorldCat Identities (ENno96-005764