Apri il menu principale
Passante ferroviario di Palermo
Nodo di Palermo
InizioRoccella
FineAeroporto Punta Raisi
Stati attraversatiItalia Italia
Lunghezza38 km
Apertura2018
GestoreRFI
Scartamento1 435 mm
ElettrificazionekV cc
Ferrovie

Il passante ferroviario di Palermo è la tratta di attraversamento urbano della linea ferroviaria da Palermo per Trapani; sono in corso importanti lavori di ammodernamento (raddoppio, nuove stazioni e interramento). Verso sud il passante confluisce nella linea da Palermo per Messina.

Dal 29 giugno 2015 la tratta tra le stazioni di Palermo Notarbartolo e Piraineto è stata chiusa per consentire i lavori di raddoppio della tratta e interramento dei binari, la cui conclusione è stata a fine luglio 2018. Dal 9 agosto la tratta è stata riattivata e collaudata. La linea è stata attivata al pubblico il 7 ottobre 2018.[1]

Il progetto di sviluppoModifica

Il passante ferroviario di Palermo si estende dalla fermata del quartiere Roccella, all'estrema periferia sud-est della città, fino all'aeroporto di Palermo per un'estensione totale di oltre 30 km, di cui 20 km all'interno dell'area urbana, tagliando in orizzontale buona parte dell'area metropolitana di Palermo.

Nel tratto compreso da Roccella all'aeroporto il passante è in fase di ammodernamento (raddoppio, nuove stazioni e interramento); il progetto definitivo prevede 17 stazioni e 22 fermate, alcune delle quali già in uso e altre in costruzione. Il progetto prevede l'interramento di 7 km di linea attualmente in superficie.

Le stazioni sono (il simbolo   indica le fermate all'interno dell'area comunale di Palermo, mentre il simbolo   indica i cantieri aperti):

PercorsoModifica

         
per Messina
         
Roccella
         
Brancaccio
         
         
Maredolce
         
bivio Oreto
         
         
Guadagna
         
         
ponte sul fiume Oreto
         
Palermo Centrale
         
Vespri
         
Palazzo Reale-Orleans termine doppio binario
         
         
Papireto  
         
         
Politeama / Lolli
         
Porto / Malaspina
         
         
Giachery / Palermo Notarbartolo anello ferroviario
         
Fiera
         
Imperatore Federico / Libertà / Lazio  
         
Belgio  
         
         
Francia
         
         
San Lorenzo inizio doppio binario
         
La Malfa
         
Cardillo-Zen
         
Tommaso Natale
         
Sferracavallo
         
         
Isola delle Femmine
         
         
Capaci-Kennedy  
         
         
Carini-Torre Ciachea
         
Carini
         
         
         
         
         
         
Piraineto
         
         
         
Orsa
         
Punta Raisi
         
per Trapani

LavoriModifica

I lavori sono iniziati ufficialmente il 22 febbraio del 2008[2], con circa 6 anni di ritardo a causa di un contenzioso tra RFI e lo Stato italiano riguardante i fondi. La tratta interessata dai lavori va da Roccella a Carini. Circa 30 km che saranno interamente raddoppiati e in parte interrati. I 30 km sono stati suddivisi in 3 aree distinte d'intervento (da non confondere con le attuali linee del cosiddetto servizio ferroviario metropolitano di Palermo).

Tratta AModifica

  • A: include il tratto Roccella - Stazione Notarbartolo, i lavori sono quasi del tutto completi. È inoltre previsto l'interramento totale in gallerie naturali e artificiali del tratto urbano con l'eliminazione di tutti i passaggi a livello.

Il 4 ottobre 2010, la linea ferroviaria compresa fra le stazioni di Palermo Centrale e Palermo Notarbartolo è stata chiusa per consentire di completare i lavori di ammodernamento della Tratta A[3]. Il servizio è stato riattivato il 16 gennaio del 2012,[4] temporaneamente ancora a singolo binario. Con la riattivazione del servizio è stata inaugurata la nuova fermata Vespri in sotterranea (solo banchina pari). L'attivazione del doppio binario, prevista originariamente per fine 2012, avverrà nel 2013 in due fasi (giugno e dicembre) contestualmente alle fermate Guadagna, Vespri (lato monte), Tribunale/Imera (non completata a causa di un imprevisto geologico)[1] e Lolli, oltre alla fermata Brancaccio Residenziale, lungo il ramo d'interconnessione tra la tratta A e la direttrice tirrenica, e Roccella.

Il 14 febbraio 2016 sono state attivate le fermate Guadagna e di Lolli[5].

Tratta BModifica

Per tale tratto era inizialmente previsto il raddoppio della galleria Notarbartolo-Belgio mediante cut and cover. Al fine di ridurre i disagi per le zone interessate dai lavori, il comune ha chiesto e ottenuto una variante progettuale per la galleria in questione, prevedendo l'impiego d'una talpa meccanica TBM[6] anziché del cut and cover. Il lungo iter di riapprovazione del progetto, ottenuta il 16 maggio 2011[7], comporterà un notevole ritardo nella data di conclusione dei lavori, inizialmente prevista per fine 2012. A marzo 2012 sono state avviate le indagini geognostiche propedeutiche per l'avvio dei cantieri; nel dicembre dell'anno successivo sono iniziati i lavori, che si sono conclusi a fine luglio 2018. A conclusione dei lavori la tratta, interamente raddoppiata, sarà dotata di due ulteriori fermate, Lazio e Belgio, entrambe interrate, che si andranno ad aggiungere alla fermata Francia (attiva in trincea scoperta) e alla stazione di San Lorenzo Colli, per cui è previsto l'abbassamento del piano del ferro attuale.

Tratta CModifica

  • C: include il tratto La Malfa - Carini.

Era inizialmente prevista per fine 2012, contemporaneamente al completamento della tratta A. Le difficoltà intercorse durante la realizzazione dell'opera hanno fatto slittare la consegna dei lavori a metà del 2015. A causa di alcuni ritardi nella realizzazione dell'opera slitta ancora il ritorno in servizio del treno, sospeso nel giugno del 2015 con l’obiettivo di riattivarlo entro sei mesi. A lavori conclusi la tratta sarà dotata di due nuove fermate, Sferracavallo (completata) e Capaci-Kennedy (interrata, ma da completare il secondo accesso), che si aggiungeranno alle attuali 7.

Apertura al traffico commercialeModifica

L'apertura al traffico commerciale è avvenuta domenica 7 ottobre 2018, con il primo treno che ha ripreso a percorrere la tratta ferroviaria tra la stazione di Palermo Centrale e Punta Raisi.[2]

NoteModifica

  1. ^ Passante di Palermo: torna il treno per l’aeroporto di Punta Raisi - Gruppo FS Italiane - FSNews, su www.fsnews.it. URL consultato il 18 aprile 2019.
  2. ^ Inaugurati i lavori del passante ferroviario rosalio.it
  3. ^ Lavori a Palermo, in "I Treni" n. 331 (novembre 2010), p. 5
  4. ^ Riapre il passante ferroviario di Palermo mobilitapalermo.org
  5. ^ Rete Ferroviaria Italiana, Circolare territoriale PA 1/2016.
  6. ^ Incontro con i tecnici Italferr mobilitapalermo.org
  7. ^ Passante ferroviario, approvata variante tratta B mobilitapalermo.org

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica