Passeggino

Il passeggino è una specie di seggiolino con ruote per portare a passeggio i bambini piccoli sino a circa 36 mesi di età[1].

Passeggini

In commercio ne esistono diversi tipi: a tre o a quattro ruote, leggeri, superleggeri, gemellari, trio in combinazione di navicella e seggiolino auto[2]. Solitamente gli accessori inclusi sono: coprigambe, cestello, parapioggia. Le dimensioni di un passeggino aperto variano dai 106 × 86 × 55 cm a 130 × 95 × 75 cm. Le dimensioni di un passeggino chiuso variano da 100 × 44 × 55 a 110 × 50 × 60 cm. Il peso generalmente varia dai 4 ai 10 kg. Il passeggino di norma supporta un peso massimo del bambino di 15 kg.

StoriaModifica

Trasporto di bambini prima dell'invenzione del passegginoModifica

Il trasporto di bambini probabilmente è emerso all'inizio dell'evoluzione umana poiché l'emergere del bipedismo avrebbe richiesto alcuni mezzi per trasportare bambini che non potevano più aggrapparsi alle loro madri e/o semplicemente sedersi sulla schiena della madre[3]. I marsupi da trasporto sono progettati in varie forme in modo da essere utilizzati anteriormente o sui fianchi, con diversi materiali e gradi di rigidità, decorazione, supporto e confinamento del bambino. Imbracature, marsupi anteriori morbidi e "carrozzine" sono in genere utilizzati per i bambini che non hanno la capacità di sedersi o di tenere la testa alta. Supporti per zaini con telaio, marsupi, imbracature, mei tai[4] e una varietà di altri "trasportini" morbidi sono usati per i bambini più grandi.

Tradizionalmente, imbracature e marsupi erano semplicemente adattamenti di qualunque cosa una cultura normalmente usasse per trasportare qualcosa di pesante. Cestini, zucche, pelli di animali e strutture di trasporto in legno sono stati tutti adattati per trasportare neonati e bambini. Le madri coreane continuano a usare podaegi per portare i bambini. Le madri Inuit continuano a usare il parka o gli amauti[5] per trasportare i bambini. In occidente, questo fenomeno ha portato a una varietà di vettori basati su zaini da campeggio. Un modello, utilizzato in Nuova Guinea, ricorda una piccola amaca in stile Maya, in cui un neonato o un bambino viene portato in una rete sul dorso di un adulto o appeso a un ramo di un albero o alla trave di una casa. Le fotografie storiche delle popolazioni indigene mostrano bambini indossati in fusciacche, cesti e reti appesi alla fronte dei genitori. In diverse culture sono stati documentati anche culle e trasportini appesi a una spalla come una borsa[6].

Immagini di bambini trasportati con imbracature possono essere viste in opere d'arte egiziane risalenti al tempo dei faraoni e sono state utilizzate in molte culture indigene[7]. Una delle prime opere d'arte europee che mostrano un bambino trasportato con una sorta di marsupio è un affresco di Giotto dipinto intorno al 1306 d.C., che raffigura Maria che porta Gesù in una imbracatura[8][9]. Indossare il bambino al collo era ben noto in Europa in epoca medievale, ma era visto principalmente come una pratica di gruppi emarginati come mendicanti e zingari. Una culla portatile è un marsupio nativo americano utilizzato per mantenere i bambini al sicuro e comodi e allo stesso tempo consentire alle mamme la libertà di lavorare e viaggiare[10]. Le culle erano attaccate a delle cinghie sulla schiena della madre dalla spalla o dalla testa. Per i viaggi, le culle possono essere appese a una sella o a un travois[11]. La tradizione etnografica indica che era pratica comune cullare i neonati fino a quando non erano in grado di camminare[12], sebbene molte madri continuassero a fasciare i propri figli ben oltre il primo compleanno. Legato e avvolto su una culla, un bambino può sentirsi al sicuro. Materiali morbidi come licheni, muschio e la corteccia sminuzzata sono stati usati per imbottiture e pannolini. Le culle erano tagliate da pezzi piatti di legno o tessute da ramoscelli flessibili come quelli del salice e imbottite con materiali morbidi e assorbenti. Il design della maggior parte delle culle è una superficie piana con il bambino avvolto strettamente ad essa. Di solito è solo in grado di muovere la testa.

Il trasporto del bambino sul corpo degli adulti iniziò ad essere conosciuto nei paesi occidentali negli anni '60, con l'avvento del pacchetto morbido strutturato a metà degli anni '60. Più o meno nello stesso periodo, lo zaino con telaio è diventato rapidamente un modo popolare per trasportare neonati e bambini piccoli. All'inizio degli anni '70, l'involucro è stato reintrodotto in Germania. L'imbracatura a due anelli è stata inventata da Rayner e Fonda Garner nel 1981 e resa popolare dal dottor William Sears a partire dal 1985 circa[13]. All'inizio degli anni '90, il moderno marsupio è stato creato alle Hawaii. Mentre il cinese mei tai esiste da secoli in diverse forme, non è diventato popolare in occidente fino a quando non è stato modernizzato con imbottiture e altri aggiustamenti. È diventato popolare e famoso per la prima volta a metà del 2003[4].

Le culle portatili sono state utilizzate da molte culture per trasportare bambini piccoli.

CarrozzineModifica

Le carrozzine erano state usate sin dalla loro introduzione nell'era vittoriana; erano usate anche per i bambini, spesso seduti. Il termine carrozzina è diventato più comune nel Regno Unito dopo l'introduzione di unità più leggere con marsupi rimovibili negli anni '70[14].

Nel corso degli anni è stata aggiunta la sospensione, rendendo la guida più fluida sia per il bambino che per la persona che lo spinge.

Invenzione del passegginoModifica

William Kent sviluppò uno dei primi passeggini nel 1733[15]. In quell'anno, il duca di Devonshire chiese a Kent di costruire un mezzo di trasporto che potesse trasportare i suoi figli. Kent obbedì costruendo un cesto a forma di conchiglia su ruote in cui i bambini potevano sedersi. Questo era riccamente decorato e pensato per essere trainato da una capra o da un piccolo pony. Benjamin Potter Crandall vendette carrozzine negli Stati Uniti negli anni '30 dell'Ottocento, che sono state descritte come le "prime carrozzine prodotte negli Stati Uniti"[16]. Un altro sviluppo iniziale fu da parte della FA Whitney Carriage Company[17]. Il figlio del proprietario, Jesse Armor Crandall,ha rilasciato una serie di brevetti per miglioramenti e aggiunte ai modelli standard[18][19]. Questi includevano l'aggiunta di un freno alle carrozzine, un modello che si ripiegava, disegni per ombrelloni e un gancio per ombrelli. Nel 1840 la carrozzina divenne estremamente popolare. La regina Vittoria acquistò tre carrozzine da Hitchings Baby Store[20][21].

Le carrozzine di quei tempi erano costruite di legno o di vimini e tenute insieme da costosi giunti di ottone. Questi a volte divennero opere d'arte pesantemente ornate. I modelli prendevano anche il nome dai reali: Principessa e Duchessa erano nomi popolari, così come Balmoral e Windsor.

Nel giugno 1889, un uomo afroamericano di nome William H. Richardson brevettò la sua idea del primo passeggino reversibile[22][23]. Il passeggino è stato progettato in modo da poter essere rivolto verso l'esterno o verso il genitore. Ha anche apportato modifiche strutturali alla carrozzina. Fino ad allora l'asse non permetteva a ciascuna ruota di muoversi separatamente. Il design di Richardson lo consentiva, aumentando la manovrabilità delle carrozze. All'inizio degli anni '20, le carrozzine erano ora disponibili per tutte le famiglie e stavano diventando più sicure, con ruote più grandi, freni, carrozzine più profonde e telai più bassi e più robusti.

Nel 1965, Owen Maclaren, un ingegnere aeronautico, lavorò alle lamentele di sua figlia riguardo al viaggio dall'Inghilterra all'America con la sua pesante carrozzina. Usando la sua conoscenza degli aeroplani, Maclaren ha progettato un passeggino con un telaio in alluminio e ha creato il primo vero passeggino a ombrello. Ha poi fondato Maclaren, che ha prodotto e venduto il suo nuovo design. Esso è decollato e presto i "passeggini" sono stati più facili da trasportare e utilizzati ovunque[24][25][26][25].

Negli anni '70, invece, la moda di acquisto della gente si sposta a versione più basica del passeggino, non completamente molleggiata, e con un corpo staccabile noto come "carrycot"[27]. Le carrozzine iniziano ad essere usate molto raramente, essendo grandi e costose rispetto ai "passeggini". Uno dei marchi più longevi e conosciuti nel Regno Unito è Silver Cross[28], prodotto per la prima volta a Hunslet (Leeds), nel 1877, e successivamente a Guiseley dal 1936 fino al 2002 quando la fabbrica ha chiuso. Silver Cross è stata quindi acquistata dalla società produttrice di giocattoli David Halsall and Sons che ha trasferito la sede centrale a Skipton e l'ha ampliata con una gamma di nuovi e moderni prodotti per bambini, inclusi passeggini e "sistemi di viaggio". Continuano a vendere le tradizionali carrozzine per autobus Silver Cross prodotte in una fabbrica a Bingley nello Yorkshire[29].

Dagli anni '80, l'industria dei passeggini si è sviluppata con nuove funzionalità, con una costruzione più sicura e con più accessori in dotazione[30].

Galleria d'immagini storicaModifica

TipologieModifica

Viene prodotta una varietà di passeggini gemelli, alcuni progettati per bambini di età simile (come appunto i gemelli[31]) e altri per quelli con una piccola differenza di età. I passeggini tripli sono un'aggiunta abbastanza moderna, a causa dell'aumento del numero di nascite multiple. Si applicano le linee guida di sicurezza per i passeggini standard. La maggior parte dei passeggini tripli ha un limite di peso di 50 kg e l'uso consigliato per bambini di età inferiore ai 4 anni[32].

Un sistema da viaggio è in genere un set costituito da un telaio con un seggiolino per bambini staccabile e/o una navicella. Così un sistema di viaggio può essere commutato tra un passeggino e una carrozzina. Un altro vantaggio di un sistema da viaggio è che il telaio staccato (generalmente un telaio con chiusura a ombrello) una volta piegato sarà solitamente più piccolo di altri tipi, per trasportarlo nel bagagliaio di un'auto. Inoltre, il seggiolino si inserisce in una base destinata a rimanere in un'automobile, diventando un seggiolino per auto. Ciò consente il movimento indisturbato del bambino dentro o fuori dall'auto e una ridotta possibilità di svegliare un bambino addormentato[33].

Un altro design moderno mette in mostra un passeggino che include la possibilità di allungare la parte inferiore del corpo, trasformando così il passeggino in un monopattino. Lo sterzo avviene inclinandosi verso entrambi i lati. A seconda del modello, può essere dotato di freno a pedale e/o a mano. È possibile raggiungere velocità fino a 15 km/h (10 mph). Il primo passeggino di questo tipo è stato il cosiddetto "Roller Buggy", sviluppato dal designer industriale Valentin Vodev nel 2005[34][35]. Nel 2012 il produttore Quinny si è interessato al concetto e ha collaborato con uno studio belga per progettare un altro modello[36].

Sono in commercio anche passeggini creati apposta per il trasporto di animali, soprattutto i cani[37].

Il moderno seggiolino per auto è usato per trasportare un bambino all'interno di un'autovettura. Tali seggiolini per auto sono obbligatori per legge in molti paesi per trasportare in sicurezza i bambini piccoli[38][39][40].

Esistono particolari passeggini per bambini disabili[41][42].

Altri metodi di trasporto di bambiniModifica

Le biciclette possono essere dotate di un rimorchio o di un seggiolino per bambini per il trasporto di bambini piccoli. Un bambino più grande può viaggiare su una bicicletta con rimorchio a una ruota con sedile integrato e manubrio.

Un "sistema di viaggio" include una base per seggiolino auto, un seggiolino auto per bambini e un passeggino[33].

Quando si utilizza un'imbracatura o un marsupio, un bambino può assumere varie posizioni mentre viene trasportato. Questi includono la posizione verticale, la presa in culla, il trasporto a canguro, il trasporto anteriore, il trasporto all'anca e il trasporto posteriore[43].

 
Una giovane donna che porta un bambino in una fascia per neonati.

MarsupioModifica

Un marsupio è generalmente realizzato con tessuti morbidi che avvolgono il petto. Forniscono conforto e sostegno al bambino e consentono al genitore o al tutore di tenere le mani libere mentre svolgono le loro attività quotidiane.

È disponibile un'ampia varietà di supporti, dagli involucri e imbracature ad anello ai supporti strutturati morbidi e ai mei tai.

L'uso di un marsupio è chiamato babywearing[44].

Imbracature ad anelloModifica

Si tratta di marsupi che utilizzano una tensione dinamica, un pezzo di stoffa e metallo (come l'alluminio) o anelli di nylon. Un'estremità del tessuto è cucita su due anelli. Il tessuto avvolge il corpo di chi lo indossa dalla spalla all'anca opposta e torna fino alla spalla, e l'estremità viene infilata attraverso gli anelli per creare un effetto fibbia[45].

Imbracature a marsupioModifica

A volte chiamate fettucce "a tubo", "tascabili" o "senza anello", queste sono generalmente formate da un ampio pezzo di tessuto cucito a forma tubolare[45].

Il podaegi e altri marsupi in stile asiaticoModifica

Il podaegi (coreano: 포대기, anche scritto podegi) è un'imbracatura coreana formata da un rettangolo di tessuto, di grandezza media o grande, appeso a una cinghia molto lunga. Tradizionalmente il rettangolo è trapuntato per riscaldarsi e avvolge il busto della madre, mentre le cinghie sono avvolte sotto il sedere del bambino e legate davanti per sostenere e fissare il bambino sulla schiena della madre[46][47].

Galleria d'immaginiModifica

NoteModifica

  1. ^ passeggino in Vocabolario - Treccani, su www.treccani.it. URL consultato il 14 luglio 2022.
  2. ^ Cercapasseggini, Come scegliere il passeggino? Guide e consigli utili, su Cercapasseggini. URL consultato il 14 luglio 2022.
  3. ^ (EN) C.M. Wall-Scheffler, K. Geiger e K.L. Steudel-Numbers, Infant carrying: The role of increased locomotory costs in early tool development, in American Journal of Physical Anthropology, vol. 133, n. 2, 2007-06, pp. 841–846, DOI:10.1002/ajpa.20603. URL consultato il 14 luglio 2022.
  4. ^ a b Mei tai: cos'è, come si usa, quali sono le posizioni e i vantaggi, su Tuttogreen, 4 marzo 2021. URL consultato il 14 luglio 2022.
  5. ^ musee-mccord.qc.ca.
  6. ^ Babies Celebrated, Fontanel, B. 1998.
  7. ^ 3.12 Antonio Scurati, Il bambino che sognava la fine del mondo, Editore XY.IT, 2015, pp. 111–112. URL consultato il 14 luglio 2022.
  8. ^ (EN) The history of the stroller – from then to now, su phil&teds US. URL consultato il 14 luglio 2022.
  9. ^ Barbara Monk-Steel, Why Perinatal Depression Matters Scotland Mia Why Perinatal Depression Matters160pp £7.99 Pinter & Martin 9781780665603 1780665601, in Primary Health Care, vol. 26, n. 1, 2 febbraio 2016, pp. 12–12, DOI:10.7748/phc.26.1.12.s11. URL consultato il 14 luglio 2022.
  10. ^ Cradleboard - Picture - MSN Encarta, su web.archive.org, 6 settembre 2009. URL consultato il 14 luglio 2022 (archiviato dall'url originale il 6 settembre 2009).
  11. ^ travois nell'Enciclopedia Treccani, su www.treccani.it. URL consultato il 14 luglio 2022.
  12. ^ Diane Zior Wilhelm, Pequot A Native American Museum for the 21st Century, in Teaching Anthropology: Society for Anthropology in Community Colleges Notes, vol. 5, n. 2, 1998-09, pp. 32–32, DOI:10.1525/tea.1998.5.2.32. URL consultato il 14 luglio 2022.
  13. ^ Maria Stefania Lazzari, La scienza antica e la sua tradizione, in RIVISTA DI STORIA DELLA FILOSOFIA, n. 3, 2011-10, pp. 539–542, DOI:10.3280/sf2011-003007. URL consultato il 14 luglio 2022.
  14. ^ carrozzina: definizioni, etimologia e citazioni nel Vocabolario Treccani, su www.treccani.it. URL consultato il 14 luglio 2022.
  15. ^ (EN) Joseph Amato, On Foot: A History of Walking, NYU Press, 2004-11, ISBN 978-0-8147-0502-5. URL consultato il 14 luglio 2022.
  16. ^ Toys and More, su web.archive.org, 29 marzo 2013. URL consultato il 14 luglio 2022 (archiviato dall'url originale il 29 marzo 2013).
  17. ^ worldcat.org.
  18. ^ moah.org.
  19. ^ Meyer Weinberg, Inez McClintock e Marshall McClintock, Toys in America, in Technology and Culture, vol. 4, n. 2, 1963, pp. 222, DOI:10.2307/3100930. URL consultato il 14 luglio 2022.
  20. ^ Advertisement for Hitching's Baby Cars | Encyclopedia.com, su www.encyclopedia.com. URL consultato il 14 luglio 2022.
  21. ^ The History of Prams, su babybuggies0.tripod.com. URL consultato il 14 luglio 2022.
  22. ^ (EN) Benjamin Mchie, A Baby Buggy is Patented by a Black Man, su African American Registry. URL consultato il 14 luglio 2022.
  23. ^ (EN) Baby Carriage | McClung Museum of Natural History & Culture, su mcclungmuseum.utk.edu, 26 gennaio 2018. URL consultato il 14 luglio 2022.
  24. ^ BBC - A History of the World - Object : The Original Maclaren Buggy, su www.bbc.co.uk. URL consultato il 14 luglio 2022.
  25. ^ a b Subscribe to read | Financial Times, su www.ft.com. URL consultato il 14 luglio 2022.
  26. ^ (EN) Michael Hann says happy birthday to the Maclaren buggy, su the Guardian, 20 marzo 2002. URL consultato il 14 luglio 2022.
  27. ^ Un orizzonte di senso per la psicoterapia:, Quodlibet, 22 novembre 2019, pp. 177–204. URL consultato il 14 luglio 2022.
  28. ^ silvercrossus.com.
  29. ^ Aspettare., su it.upwiki.one. URL consultato il 14 luglio 2022.
  30. ^ (EN) How to Buy a Baby Stroller, su What to Expect. URL consultato il 14 luglio 2022.
  31. ^ Valeria Acquarelli, Misure, ingombro e dimensioni dei passeggini gemellari, su passegginipergemelli.it, 3 aprile 2019. URL consultato il 14 luglio 2022.
  32. ^ Come scegliere un passeggino: guida alle tipologie | Genitori&Bebè, su genitoriebebe.it, 20 marzo 2016. URL consultato il 14 luglio 2022.
  33. ^ a b Travel System, cos’è? Il sistema da viaggio serve al neonato, su www.nidodigrazia.it. URL consultato il 14 luglio 2022.
  34. ^ (EN) valentin vodev: roller buggy, su designboom | architecture & design magazine, 24 maggio 2010. URL consultato il 14 luglio 2022.
  35. ^ intweetion, "Roller Buggy": il passeggino monopattino di Valentin Vodev, su Pinkblog, 9 giugno 2010. URL consultato il 14 luglio 2022.
  36. ^ Quinny Zapp Xtra babakocsi. URL consultato il 14 luglio 2022.
  37. ^ Passeggino per cani, su Passeggino per cani. URL consultato il 14 luglio 2022.
  38. ^ Normativa seggiolini auto: la guida completa • Tata • getmytata.com, su getmytata.com, 30 aprile 2019. URL consultato il 14 luglio 2022.
  39. ^ Normativa seggiolini auto: cosa dice la legge, su Nostrofiglio.it. URL consultato il 14 luglio 2022.
  40. ^ Tutte le regole da conoscere sui seggiolini per auto, su La Gazzetta dello Sport. URL consultato il 14 luglio 2022.
  41. ^ Passeggini per bambini disabili: come sceglierli?, su Disabili.com. URL consultato il 14 luglio 2022.
  42. ^ Passeggino per bambini disabili: come sceglierlo, su Mamme Magazine, 28 settembre 2017. URL consultato il 14 luglio 2022.
  43. ^ (EN) Babywearing: Advantages, Positions, and Choice of Carrier, su ParentsNeed, 12 novembre 2021. URL consultato il 14 luglio 2022.
  44. ^ Donna Lambert, Book Review: Babywearing: The Benefits and Beauty of This Ancient Tradition, in Journal of Human Lactation, vol. 22, n. 3, 2006-08, pp. 355–355, DOI:10.1177/089033440602200324. URL consultato il 14 luglio 2022.
  45. ^ a b Pouches and Slings, su web.archive.org, 4 febbraio 2009. URL consultato il 14 luglio 2022 (archiviato dall'url originale il 4 febbraio 2009).
  46. ^ (EN) Kristen, The Podaegi and Other Torso Carriers, su Natural Birth and Baby Care.com. URL consultato il 14 luglio 2022.
  47. ^ (EN) The Origins of The Narrow Blanket Podaegi, su Hipababy. URL consultato il 14 luglio 2022.

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàThesaurus BNCF 69825 · LCCN (ENsh2008001936 · GND (DE4311249-3 · BNF (FRcb17167906s (data) · J9U (ENHE987007544863705171