Apri il menu principale

Patresi

frazione del comune italiano di Marciana
Patresi
frazione
Patresi – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of arms of Tuscany.svg Toscana
ProvinciaProvincia di Livorno-Stemma.png Livorno
ComuneMarciana (Italia)-Stemma.png Marciana
Territorio
Coordinate42°47′38.87″N 10°07′05.29″E / 42.794131°N 10.118137°E42.794131; 10.118137 (Patresi)Coordinate: 42°47′38.87″N 10°07′05.29″E / 42.794131°N 10.118137°E42.794131; 10.118137 (Patresi)
Altitudine127 m s.l.m.
Abitanti99 (2011)
Altre informazioni
Fuso orarioUTC+1
Nome abitantipatresai
PatronoSanta Lucia
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Patresi
Patresi

Patresi è una frazione del comune di Marciana, nell'isola d'Elba.

ToponimoModifica

Il toponimo, attestato nel XVI secolo come Li Patresi e Li Patressi, deriva verosimilmente dal latino petrenses («luoghi pietrosi»).

StoriaModifica

La baia di Patresi ha sempre rappresentato uno scalo marittimo di estrema importanza per le imbarcazioni che si trovavano ad affrontare il canale di Corsica. Dai fondali antistanti provengono due anfore puniche (VII secolo a.C.), un'anfora etrusca (VI secolo a.C.), due anfore greco-italiche del 300 a.C. e svariate anfore di età romana (dal I secolo a.C. al IV d.C.). Durante il Medioevo esisteva uno Scalum Mortigliani che compare in documenti del XIV secolo e corrisponde all'attuale località di Mortigliano (derivante dall'elbano mortella, «mirto»). All'epoca medievale e rinascimentale risale il toponimo Fabbriche dei Patresi, che indicava fornaci per la riduzione del ferro disseminate lungo la vallata. Sulla strategica altura ancora oggi detta La Guardia si trovava probabilmente, durante il XVI secolo, una postazione (Guardia dei Patresi) per l'avvistamento di imbarcazioni turche. Al 1831 risale il progetto di una piccola postazione militare sulla scogliera, poi ampliata nella seconda metà del XIX secolo con il faro di Punta Polveraia.

Monumenti e luoghi d'interesseModifica

A Patresi si trova l'elegante chiesetta di Santa Lucia (1766), mentre in località Pastorecce (termine elbano che indicava dei quartieri pastorali) esisteva probabilmente una cappella di San Carlo, documentata dalla toponomastica ma oggi scomparsa. Nell'area di Patresi esistono alcune formazioni rocciose come la Cotaccia, la Cote Rossa e la Cote alla Muta.

Geografia antropicaModifica

Il centro di Patresi si può suddividere in tre settori differenti:

  • Patresi La Guardia, il settore dell'abitato posto più a nord, in prossimità dell'antica postazione di avvistamento contro i turchi.
  • Patresi Mare, il settore dell'abitato posto a contatto con il mare prende questa denominazione. Nei pressi si trova la piccola spiaggia ciottolosa di Punta Polveraia.
  • Patresi Mortaio, il settore dell'abitato posto a maggiore altitudine.

BibliografiaModifica

  • Archivio di Stato di Pisa, Atti del notaio Andrea Pupi, 1343
  • Michelangelo Zecchini, Isola d'Elba: le origini, Lucca 2001
  • Silvestre Ferruzzi, Signum, Portoferraio 2010
  Portale Toscana: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Toscana