Apri il menu principale
Patrice Evra
Patrice Evra Euro 2012.jpg
Evra nel 2012
Nazionalità Senegal Senegal
Francia Francia
Altezza 173 cm
Peso 74 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Difensore
Ritirato 29 luglio 2019
Carriera
Giovanili
1992-1993CO Les Ulis
1993-1997non conosciuta CSF Brétigny
1997-1998Paris Saint-Germain
Squadre di club1
1998-1999Marsala24 (3)
1999-2000Monza3 (0)
2000-2001Nizza 218 (1)
2001-2002Nizza40 (1)
2002-2006Monaco120 (2)
2006-2014Manchester Utd273 (7)
2014-2017Juventus53 (3)
2017Olympique Marsiglia15 (1)
2018West Ham Utd5 (0)
Nazionale
2002-2003Francia Francia U-2111 (0)
2004-2016Francia Francia81 (0)
Palmarès
UEFA European Cup.svg Europei di calcio
Argento Francia 2016
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 26 maggio 2018

Patrice Latyr Evra (Dakar, 15 maggio 1981) è un ex calciatore senegalese naturalizzato francese, di ruolo difensore. Con la nazionale francese si è laureato vicecampione d'Europa nel 2016.

Durante la sua carriera ha vinto 1 Coppa di Lega francese (2003), 5 campionati inglesi (2007, 2008, 2009, 2011 e 2013), 3 Coppe di Lega inglesi (2006, 2009 e 2010), 5 Supercoppe inglesi (2007, 2008, 2010, 2011 e 2013), 3 campionati italiani (2015, 2016, 2017), 2 Coppe Italia (2015, 2016), 1 Supercoppa italiana (2015), 1 Champions League (2008) e 1 Mondiale per club (2008).

Dal 2004 al 2016 ha giocato per la nazionale francese, con la quale ha preso parte a 2 Mondiali (2010 e 2014) e 3 Europei (2008, 2012 e 2016).

BiografiaModifica

Patrice nasce a Dakar, capitale del Senegal, da padre senegalese, di origini guineane, e madre capoverdiana.[1] Nel 1984, quando Evra aveva 3 anni, il padre, un diplomatico, si trasferì con la famiglia in Francia, a Les Ulis, un comune a sud di Parigi. Qui iniziò a sviluppare l'interesse per il calcio.[2]

È sposato con Sandra e ha un figlio di nome Lenny e una figlia di nome Maona.[3]

Caratteristiche tecnicheModifica

È stato considerato dagli esperti e da Sir Alex Ferguson come uno dei migliori terzini sinistri in Europa per la sua bravura in entrambe le metacampo.[4][5][6]

CarrieraModifica

ClubModifica

IniziModifica

Dopo aver giocato nelle strade per alcuni anni, un amico di Evra, Tshymen Buhanga, lo presentò alla squadra della sua città, il Club Omnisports des Ulis, come «il nuovo Romário».[2] Qui Evra iniziò la sua carriera, venendo schierato come attaccante. Durante la sua permanenza nel club attirò l'attenzione di diversi club, ma venne infine respinto da questi a causa della sua statura.[7]

Nel 1993 entrò a far parte della società dilettantistica del CSF Brétigny, con sede a Brétigny-sur-Orge. Anche qui si fece notare e alla fine venne ingaggiato dal Paris Saint-Germain, società che segnò la sua trasformazione in ala;[8] qui si allenò per alcuni mesi, ma infine venne mandato via dalla società.[9] Tornò così a Brétigny, dove venne invitato da un amico a partecipare a un torneo di calcio a 5 organizzato dal centro sportivo di Juvisy-sur-Orge.[10] Durante la partita venne notato da un osservatore italiano, che a fine partita gli offrì l'opportunità di fare un provino per il Torino;[11] in seguito a quest'ultimo, gli venne offerto di entrare a far parte della formazione Primavera dei piemontesi.

Non ebbe tuttavia modo di vestire la maglia granata, poiché nel frattempo venne contattato dal Marsala, all'epoca in Serie C1, che gli propose un posto in prima squadra: «a Marsala ho i ricordi più belli [...] quando sono arrivato in Sicilia ero un ragazzino di 17 anni e mi sono sentito in famiglia [...] Avevo fatto un provino nel Toro e mi volevano tenere, ma c'era un osservatore del Marsala, che mi ha chiesto se avessi voluto provare a fare il salto nel calcio professionistico e mi sono tuffato».[12] Così, diciassettenne, firmò il suo primo contratto da professionista; più tardi, descrisse quel momento come «la migliore sensazione che ho avuto nel calcio».[11] Passò una sola stagione coi siciliani, totalizzando 27 presenze e segnando 3 reti.[10]

L'annata seguente venne acquistato dal Monza per 250 000 euro,[13] club con il quale fece registrare 3 presenze in Serie B. A fine stagione lasciò il club, a causa delle poche presenze concessegli dall'allenatore, per fare ritorno in Francia.[10]

NizzaModifica

In Francia vestì la maglia del Nizza, che militava in Ligue 2, il secondo livello del campionato francese. Passò la maggior parte della stagione 2000-2001 con la squadra delle riserve, militante nel quarto livello del calcio francese. Giocò inizialmente come centrocampista, totalizzando 18 presenze e una rete.[14] Durante la stagione venne altresì convocato in prima squadra dall'allenatore Sandro Salvioni, indossando la maglia numero 26. Esordì il 7 ottobre 2000 nella sconfitta per 7 a 2 contro lo Châteauroux, giocando come ala sinistra.[15] Concluse la stagione con sole 5 presenze in prima squadra, nelle quali fu schierato soprattutto come punta.[16]

Nella stagione 2001-2002 scelse la maglia numero 17 e diventò parte integrante della prima squadra.[17] Nella prima partita di campionato, vinta per 2-1 ai danni dello Stade Lavallois, Jean-Charles Cirilli, che giocava come terzino sinistro al posto del solito José Cobos, subì un infortunio e dovette essere sostituito.[18] Di conseguenza, Evra fu costretto a giocare il resto della partita in quel ruolo.[10] Dopo la gara, a seguito degli infortuni di entrambi i terzini sinistri, Cirilli e Cobos, il tecnico Salvioni informò Evra che avrebbe giocato gli incontri successivi proprio come terzino sinistro. Inizialmente il giocatore si dimostrò contrario, ma dopo che Salvioni gli fece presente che era l'unica posizione in cui lo avrebbe fatto giocare, Evra accettò il ruolo.[11] Tuttavia, dopo il ritorno in squadra di Cobos, gli fu permesso di giocare nuovamente nella sua posizione preferita, quella di ala sinistra. Nel bel mezzo della lotta per la promozione in Ligue 1, Evra segnò la sua prima e unica rete con il Nizza nella sua ultima partita con la squadra, la vittoria per 4 a 3 contro lo Stade Lavallois,[19] che portò il Nizza al terzo posto, garantendogli la promozione nella massima serie francese. Chiuse la stagione con 37 presenze e grazie alle sue prestazioni venne inserito nella squadra francese di Ligue 2 dell'anno, nella posizione di terzino sinistro.[11]

MonacoModifica

La stagione seguente Evra venne ingaggiato dai rivali del Monaco, allenati da Didier Deschamps, che lo impiegò da subito come terzino.[11] Nonostante considerasse il ruolo poco divertente, Evra riconobbe sempre a Deschamps il merito di averlo fatto diventare un giocatore migliore.[20] Esordì nella prima partita stagionale della squadra, contro il Troyes, finita 4 a 0, e indossando la maglia numero 3.[21] Il 28 settembre 2002 segnò la sua prima rete con la nuova maglia, rete decisiva per il 2-1 finale ai danni del Rennes.[22] Il 17 maggio 2003, con la vittoria per 4 a 1 sul Sochaux, il Monaco vinse la Coupe de la Ligue; fu il primo trofeo importante vinto dal giocatore in carriera.

Nella stagione successiva (2003-2004), Deschamps assegnò a Evra la carica di vicecapitano; il giocatore disputò complessivamente ben 47 presenze in stagione. Il 17 dicembre 2003 fece il suo debutto in Champions League nella vittoria per 2-1 sulla squadra olandese del PSV Eindhoven.[23] Evra giocò tutte e 13 le partite della competizione, arrivando in finale contro il Porto di José Mourinho, che superò i francesi con un 3 a 0 netto.[24] A fine stagione fu nominato Giocatore Giovane dell'Anno UNFP, diventando il secondo difensore nella storia a vincere il premio.[25] Venne inoltre inserito nella Squadra dell'Anno della Ligue 1.[26]

Manchester UtdModifica

 
Evra nel 2011, in azione con la maglia del Manchester Utd

Passato nel gennaio 2006 al Manchester Utd, prese la maglia numero 3, lasciata libera da Phil Neville, e si guadagnò ben presto un posto fisso in prima squadra. Il 21 maggio 2008 vinse la Champions League nella sofferta finale di Mosca vinta ai rigori.

Il 20 dicembre 2011 una sentenza della FA decise di punire Luis Suarez con otto giornate di squalifica per insulti razzisti rivolti ad Evra.[27] Successivamente nell'incontro di campionato dell'11 febbraio 2012 tra Red Devils e Liverpool, Luis Suarez rifiutò la stretta di mano offerta dal giocatore ad inizio match.[28] Il 2 febbraio viene eletto vicecapitano dal suo allenatore.

Iniziò la stagione 2013-2014 con la vittoria per 2-0 in Community Shield contro il Wigan. Il primo gol stagionale arrivò sul campo del Cardiff City nel pareggio per 2-2. Il 18 dicembre 2013 trovò il primo gol nella competizione Football League Cup nella vittoria per 2-0 sul campo dello Stoke City.

JuventusModifica

 
Evra alla Juventus nell'estate del 2014

Il 21 luglio 2014 viene acquistato per la cifra di 1,2 milioni di sterline dalla Juventus.[29] Esordisce in bianconero il 30 agosto successivo, giocando da titolare la partita inaugurale del campionato, una vittoria 1-0 in casa del Chievo.[30] Dopo un inizio di stagione sottotono,[31] Evra si conquista ben presto un posto da titolare e contribuisce con le sue giocate alla vittoria del campionato, il 2 maggio, e della Coppa Italia, il 20 maggio contro la Lazio.[32][33] Con la sconfitta in finale contro il Barcellona, il 6 giugno 2015, ottiene il poco invidiabile primato di giocatore con il maggior numero di finali perse di UEFA Champions League (4): 2004, 2009, 2011, 2015.[34]

Il 25 novembre 2015, subentrando ad Alex Sandro al 77' della sfida casalinga vinta per 1-0 contro il Manchester City, raggiunge quota 100 presenze in Champions League, diventando così il secondo calciatore francese a raggiungere questo traguardo dopo Thierry Henry.[35] Chiude la sua seconda annata a Torino con il secondo double nazionale consecutivo. Dopo un biennio da titolare, con l'inizio della terza stagione in bianconero vede ridursi il numero di presenze in campo, per via della concorrenza nel ruolo del più giovane Alex Sandro,[36] motivo per cui in accordo con la società chiede di venire messo in vendita nella sessione invernale di calciomercato:[37] lascia la Juventus dopo 82 partite e 3 gol.

Olympique MarsigliaModifica

 
Evra all'Olympique Marsiglia nel 2017

Il 25 gennaio 2017 torna dopo undici anni nel campionato francese, accasandosi all'Olympique Marsiglia.[38]

Il 2 novembre 2017, in occasione della partita di Europa League contro il Vitória Guimarães, viene espulso prima del fischio d'inizio per aver dato un calcio ad un tifoso dell'Olympique Marsiglia durante un diverbio nato a bordocampo tra i sostenitori e i giocatori della squadra francese.[39] In seguito all'episodio, il 10 novembre viene squalificato fino al giugno seguente per le competizioni UEFA e la società rescinde consensualmente il contratto. Dal 10 novembre 2017, quindi, è ufficialmente un giocatore svincolato.[40][41]

West HamModifica

Il 7 febbraio 2018 viene tesserato dal West Ham, con cui firma fino al termine della stagione, scegliendo di indossare la maglia numero 27.

Il 29 luglio 2019 annuncia il ritiro dal calcio giocato. [42]

NazionaleModifica

Dagli esordi a Euro 2008Modifica

Ha esordito in Nazionale maggiore il 18 agosto 2004, a 23 anni, in un'amichevole contro la Bosnia ed Erzegovina.[43] Qualche mese prima era stato inserito nella lista di 30 calciatori pre-convocati in vista dell'Europeo 2004, ma l'allora C.T. Jacques Santini decise di escluderlo dalla lista definitiva.[44] Fu convocato da Raymond Domenech, già suo allenatore nell'Under-21, per le gare di qualificazione ai Mondiali 2006[45], venendo poi escluso dalla lista dei convocati per la manifestazione.

Dopo un periodo lontano dalla nazionale, Evra ritorna tra i convocati dopo i Mondiali 2006 e partecipa così Europei 2008. Dopo aver saltato la prima partita contro la Romania (0-0) viene impiegato da Domenech nelle due sconfitte contro Paesi Bassi (4-1) e Italia (2-0) che sanciscono l'eliminazione prematura dei Blues dal torneo.[46]

Mondiali 2010 e Euro 2012Modifica

 
Evra con la maglia dei Blues in azione contro l'Inghilterra nella gara d'esordio agli Europei 2012

Dopo l'addio di Thuram eredita la fascia di capitano e viene convocato per i Mondiali 2010, nel quale esordisce nel pareggio a reti bianche contro l'Uruguay, nella prima gara della fase a gironi.[47] La spedizione per la Francia si rivela sfortunata sia dentro che fuori dal campo. Il 17 giugno, infatti, i Blues, con Evra in campo, vengono sconfitti dal Messico nella seconda gara della fase a gironi[48], mentre pochi giorni dopo, il 20 giugno, lo stesso Evra ha una violenta lite con il preparatore atletico Robert Duverne. L'episodio, unito al dissenso per l'esclusione di Anelka dalla compagine transalpina da parte di Domenech, porta Evra a capeggiare un "ammutinamento" nei confronti del C.T. a cui prendono parte tutti i giocatori francesi.[49] A causa di questo gesto, Evra viene punito dalla commissione disciplinare della federcalcio francese con una squalifica di 5 giornate,[50] saltando così la terza partita del girone contro il Sudafrica, che determina l'eliminazione dei Blues dal torneo.[51]

Scontata la squalifica, nel 2011 viene convocato dal nuovo C.T. Laurent Blanc per le gare contro il Lussemburgo, valido per la qualificazione ad Euro 2012, e contro la Croazia.[50] Pur perdendo la fascia di capitano a favore di Hugo Lloris, Evra viene convocato per gli Europei 2012 nel quale viene impiegato solo in una sola partita, la prima gara del girone pareggiata 1-1 contro l'Inghilterra.[52] La Francia viene eliminata dopo quattro partite, ai quarti di finale, per mano della Spagna campione del mondo e d'Europa in carica.[53]

Mondiale 2014 e secondo posto a Euro 2016Modifica

Con l'arrivo del nuovo C.T. Didier Deschamps, Evra diventa uno dei titolari della squadra transalpina e viene convocato per il Mondiali 2014, giocando 4 della 5 partite disputate dalla Francia, compreso il quarto di finale perso contro la Germania futura campione del mondo.[54] Due anni dopo è titolare anche agli Europei 2016,[55] chiusi dalla Francia al secondo posto, dopo la sconfitta in finale per 1-0 contro il Portogallo ai tempi supplementari.[56] Dopo l'europeo disputa l'ultima partita l'11 novembre 2016 contro la Svezia.[57][58]

In 81 gare in nazionale non ha mai segnato un goal.

StatisticheModifica

Al 7 febbraio 2018 Evra ha disputato, tra club, nazionale maggiore e nazionali giovanili, 819 partite.

Presenze e reti nei clubModifica

Statistiche aggiornate al 7 febbraio 2018.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
1998-1999   Marsala C1 24 3 CI-C 3 3 - - - - - - 27 6
1999-2000   Monza B 3 0 CI 0 0 - - - - - - 3 0
2000-2001   Nizza 2 CFA 18 1 - - - - - - - - - 18 1
2000-2001   Nizza D2 5 0 CF+CdL 0 0 - - - - - - 5 0
2001-2002 D2 35 1 CF+CdL 1+1 0 - - - - - - 37 1
Totale Nizza 40 1 2 0 - - - - 42 1
2002-2003   Monaco L1 36 1 CF+CdL 1+4 0 - - - - - - 41 1
2003-2004 L1 33 0 CF+CdL 1+0 0 UCL 13 0 - - - 47 0
2004-2005 L1 36 0 CF+CdL 5+2 1+0 UCL 9[59] 0 - - - 52 1
2005-gen. 2006 L1 15 0 CF+CdL 0+1 0 UCL+CU 2[60]+5 0 - - - 23 0
Totale Monaco 120 1 14 1 29 0 - - 163 2
gen.-giu. 2006   Manchester United PL 11 0 FACup+CdL 1+2 0 UCL - - - - - 14 0
2006-2007 PL 24 1 FACup+CdL 4+1 0 UCL 7 1 - - - 36 2
2007-2008 PL 33 0 FACup+CdL 4+0 0 UCL 10 0 SI 1 0 48 0
2008-2009 PL 28 0 FACup+CdL 3+2 0 UCL 11 0 SI+SU+Cmc 1+1+2 0 48 0
2009-2010 PL 38 0 FACup+CdL 0+3 0 UCL 9 0 SI 1 0 51 0
2010-2011 PL 35 1 FACup+CdL 3+0 0 UCL 10 0 SI 0 0 48 1
2011-2012 PL 37 0 FACup+CdL 2+0 0 UCL+UEL 5+2 0 SI 1 0 47 0
2012-2013 PL 34 4 FACup+CdL 3+0 0 UCL 5 0 - - - 42 4
2013-2014 PL 33 1 FACup+CdL 0+3 0+1 UCL 8 1 SI 1 0 45 3
Totale Manchester United 273 7 31 1 67 2 8 0 379 10
2014-2015   Juventus A 21 1 CI 2 0 UCL 10 0 SI 1 0 34 1
2015-2016 A 26 2 CI 2 0 UCL 6 0 SI 1 0 35 2
2016-gen. 2017 A 6 0 CI 0 0 UCL 6 0 SI 1 0 13 0
Totale Juventus 53 3 4 0 22 0 3 0 82 3
gen.-giu. 2017   O. Marsiglia L1 11 1 CF+CdL 1+0 0 - - - - - - 12 1
lug.-nov. 2017 L1 4 0 CF+CdL - - UEL 5[61] 0 - - - 9 0
Totale O. Marsiglia 15 1 1 0 5 0 - - 21 1
feb.-giu. 2018   West Ham PL 5 0 FACup+CdL - - - - - - - - 5 0
Totale carriera 548 17 55 5 118 2 11 0 732 24

Cronologia presenze e reti in nazionaleModifica

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Francia
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
18-8-2004 Rennes Francia   1 – 1   Bosnia ed Erzegovina Amichevole -   46’
4-9-2004 Saint-Denis Francia   0 – 0   Israele Qual. Mondiali 2006 -
8-9-2004 Tórshavn Fær Øer   0 – 2   Francia Qual. Mondiali 2006 -
13-10-2004 Nicosia Cipro   0 – 2   Francia Qual. Mondiali 2006 -   66’
17-11-2004 Saint-Denis Francia   0 – 0   Polonia Amichevole -   46’
15-11-2006 Saint-Denis Francia   1 – 0   Grecia Amichevole -   46’
22-8-2007 Trnava Slovacchia   0 – 1   Francia Amichevole -
13-10-2007 Tórshavn Fær Øer   0 – 6   Francia Qual. Euro 2008 -
16-11-2007 Saint-Denis Francia   2 – 2   Marocco Amichevole -
21-5-2008 Grenoble Francia   2 – 0   Ecuador Amichevole -   46’
31-5-2008 Tolosa Francia   0 – 0   Paraguay Amichevole -
13-6-2008 Berna Paesi Bassi   4 – 1   Francia Euro 2008 - 1º turno -
17-6-2008 Zurigo Francia   0 – 2   Italia Euro 2008 - 1º turno -   18’
20-8-2008 Göteborg Svezia   2 – 3   Francia Amichevole -
6-9-2008 Vienna Austria   3 – 1   Francia Qual. Mondiali 2010 -
11-10-2008 Costanza Romania   2 – 2   Francia Qual. Mondiali 2010 -
19-11-2008 Saint-Denis Francia   0 – 0   Uruguay Amichevole -
28-3-2009 Kaunas Lituania   0 – 1   Francia Qual. Mondiali 2010 -
1-4-2009 Saint-Denis Francia   1 – 0   Lituania Qual. Mondiali 2010 -
2-6-2009 Saint-Étienne Francia   0 – 1   Nigeria Amichevole -
12-8-2009 Tórshavn Fær Øer   0 – 1   Francia Qual. Mondiali 2010 -
5-9-2009 Saint-Denis Francia   1 – 1   Romania Qual. Mondiali 2010 -
9-9-2009 Belgrado Serbia   1 – 1   Francia Qual. Mondiali 2010 -   53’
10-10-2009 Guingamp Francia   5 – 0   Fær Øer Qual. Mondiali 2010 -
14-11-2009 Dublino Irlanda   0 – 1   Francia Qual. Mondiali 2010 -
18-11-2009 Saint-Denis Francia   1 – 1   Irlanda Qual. Mondiali 2010 -
3-3-2010 Saint-Denis Francia   0 – 2   Spagna Amichevole -
26-5-2010 Lens Francia   2 – 1   Costa Rica Amichevole - Cap.
30-5-2010 Radès Tunisia   1 – 1   Francia Amichevole - Cap.   64’
4-6-2010 Saint-Pierre Francia   0 – 1   Cina Amichevole - Cap.
11-6-2010 Città del Capo Uruguay   0 – 0   Francia Mondiali 2010 - 1º turno - Cap.   12’
17-6-2010 Polokwane Francia   0 – 2   Messico Mondiali 2010 - 1º turno - Cap.
25-3-2011 Lussemburgo Lussemburgo   0 – 2   Francia Qual. Euro 2012 -
6-6-2011 Donec'k Ucraina   1 – 4   Francia Amichevole -
9-6-2011 Varsavia Polonia   0 – 1   Francia Amichevole -
2-9-2011 Tirana Albania   1 – 2   Francia Qual. Euro 2012 -
6-9-2011 Bucarest Romania   0 – 0   Francia Qual. Euro 2012 -
7-10-2011 Saint-Denis Francia   3 – 0   Albania Qual. Euro 2012 -   46’
11-10-2011 Saint-Denis Francia   1 – 1   Bosnia ed Erzegovina Qual. Euro 2012 -   67’
27-5-2012 Valenciennes Francia   3 – 2   Islanda Amichevole -
5-6-2012 Le Mans Francia   4 – 0   Estonia Amichevole -
11-6-2012 Donec'k Francia   1 – 1   Inghilterra Euro 2012 - 1º turno -
15-8-2012 Le Havre Francia   0 – 0   Uruguay Amichevole -
7-9-2012 Helsinki Finlandia   0 – 1   Francia Qual. Mondiali 2014 -
11-9-2012 Saint-Denis Francia   3 – 1   Bielorussia Qual. Mondiali 2014 -
16-10-2012 Madrid Spagna   1 – 1   Francia Qual. Mondiali 2014 -
14-11-2012 Parma Italia   1 – 2   Francia Amichevole -
6-2-2013 Saint-Denis Francia   1 – 2   Germania Amichevole -
26-3-2013 Saint-Denis Francia   0 – 1   Spagna Qual. Mondiali 2014 -
6-9-2013 Tbilisi Georgia   0 – 0   Francia Qual. Mondiali 2014 -
11-10-2013 Parigi Francia   6 – 0   Australia Amichevole -   64’
15-10-2013 Saint-Denis Francia   3 – 0   Finlandia Qual. Mondiali 2014 -   60’
15-11-2013 Kiev Ucraina   2 – 0   Francia Qual. Mondiali 2014 -
19-11-2013 Saint-Denis Francia   3 – 0   Ucraina Qual. Mondiali 2014 -   67’
5-3-2014 Saint-Denis Francia   2 – 0   Paesi Bassi Amichevole -   46’
27-5-2014 Saint-Denis Francia   4 – 0   Norvegia Amichevole -   46’
1-6-2014 Nizza Francia   1 – 1   Paraguay Amichevole -
8-6-2014 Lilla Francia   8 – 0   Giamaica Amichevole -
15-6-2014 Porto Alegre Francia   3 – 0   Honduras Mondiali 2014 - 1º turno -   7’
20-6-2014 Salvador Svizzera   2 – 5   Francia Mondiali 2014 - 1º turno -
30-6-2014 Brasilia Francia   2 – 0   Nigeria Mondiali 2014 - Ottavi di finale -
4-7-2014 Rio de Janeiro Francia   0 – 1   Germania Mondiali 2014 - Quarti di finale -
4-9-2014 Saint-Denis Francia   1 – 0   Spagna Amichevole -   68’
11-10-2014 Saint-Denis Francia   2 – 1   Portogallo Amichevole -
26-3-2015 Saint-Denis Francia   1 – 3   Brasile Amichevole -
13-6-2015 Elbasan Albania   1 – 0   Francia Amichevole -
4-9-2015 Lisbona Portogallo   0 – 1   Francia Amichevole -   21’
8-10-2015 Nizza Francia   4 – 0   Armenia Amichevole -
13-11-2015 Saint-Denis Francia   2 – 0   Germania Amichevole -   71’
25-3-2016 Amsterdam Paesi Bassi   2 – 3   Francia Amichevole -   46’
29-3-2016 Saint-Denis Francia   4 – 2   Russia Amichevole -   46’
30-5-2016 Nantes Francia   3 – 2   Camerun Amichevole -   79’
4-6-2016 Longeville-lès-Metz Francia   3 – 0   Scozia Amichevole -   83’
10-6-2016 Saint-Denis Francia   2 – 1   Romania Euro 2016 - 1º turno -
15-6-2016 Marsiglia Francia   2 – 0   Albania Euro 2016 - 1º turno -
19-6-2016 Lilla Svizzera   0 – 0   Francia Euro 2016 - 1º turno -
26-6-2016 Lione Francia   2 – 1   Irlanda Euro 2016 - Ottavi di finale -
3-7-2016 Saint-Denis Francia   5 – 2   Islanda Euro 2016 - Quarti di finale -
7-7-2016 Marsiglia Germania   0 – 2   Francia Euro 2016 - Semifinale -   43’
10-7-2016 Saint-Denis Portogallo   1 – 0 dts   Francia Euro 2016 - Finale -
11-11-2016 Saint-Denis Francia   2 – 1   Svezia Qual. Mondiali 2018 -
Totale Presenze 81 Reti 0

PalmarèsModifica

ClubModifica

Competizioni nazionaliModifica

Monaco: 2002-2003
Manchester United: 2005-2006, 2008-2009, 2009-2010
Manchester United: 2006-2007, 2007-2008, 2008-2009, 2010-2011, 2012-2013
Manchester United: 2007, 2008, 2010, 2011, 2013
Juventus: 2014-2015, 2015-2016
Juventus: 2014-2015, 2015-2016
Juventus: 2015

Competizioni internazionaliModifica

Manchester United: 2007-2008
Manchester United: 2008

IndividualeModifica

Miglior giovane della Ligue 1: 2004
Squadra ideale della Ligue 1: 2004
2007, 2009, 2010
2009
2009

NoteModifica

  1. ^ Un pezzo d'Africa alla conquista di Euro 2012, Sky.it. URL consultato il 20 giugno 2012.
  2. ^ a b (FR) Farid Zouaoui, Patrice Evra, le petit prince des Ulis (Leparisien.fr), 26 maggio 2004. URL consultato il 20 giugno 2012.
  3. ^ Patrice Evra: fortuna, salario, casa, auto, famiglia & amor - 2016 Muzul, in Muzul. URL consultato l'11 ottobre 2016.
  4. ^ Evra, il rinnovo è ufficiale (sport.libero.it), 21 febbraio 2011. URL consultato l'11 luglio 2014 (archiviato dall'url originale il 18 agosto 2017).
  5. ^ UniCredit and UEFA Champions League. Be part of it
  6. ^ Copia archiviata, su juwelcome.com. URL consultato il 15 maggio 2015 (archiviato dall'url originale il 29 maggio 2015).
  7. ^ (FR) Les Ulis se souviennent d'Evra et d'Henry (Leparisien.fr), 25 giugno 2009. URL consultato il 21 giugno 2012.
  8. ^ (FR) Patrice Evra - The Dark Side of the Blues - The Internet Sport, Linternaute.com. URL consultato il 21 giugno 2012.
  9. ^ (EN) Le PSG ne veut plus rater un Evra ou un Diaby (Foot01.com), 29 marzo 2011. URL consultato il 21 giugno 2012.
  10. ^ a b c d (EN) From Dakar to Old Trafford, via Paris, Milan (just), Sicily and Stamford Bridge (Guardian.co.uk), 22 gennaio 2006. URL consultato il 21 giugno 2012.
  11. ^ a b c d e (EN) Matt Lawton, Patrice Evra on Sir Alex Ferguson's hair dryer, Carlos Tevez and more... (Dailymail.co.uk), 1º maggio 2010. URL consultato il 20 giugno 2012.
  12. ^ Evra: «Juve, la scelta giusta», in juventus.com, 31 luglio 2014. URL consultato il 17 agosto 2014 (archiviato dall'url originale il 10 agosto 2014).
  13. ^ Calciobidoni - Tutti i bidoni del calcio italiano, Calciobidoni.it. URL consultato il 21 giugno 2012.
  14. ^ NICE RESERVE PRO 2000/2001, Stat2foot.com. URL consultato il 23 luglio 2012 (archiviato dall'url originale il 2 aprile 2012).
  15. ^ FEUILLE DE MATCH CHÂTEAUROUX - OGC NICE, Lfp.fr. URL consultato il 23 luglio 2012 (archiviato dall'url originale il 2 giugno 2012).
  16. ^ (FR) Patrice Evra, le latéral gauche de référence (Footballfr.net), 3 ottobre 2009. URL consultato il 23 luglio 2012 (archiviato dall'url originale il 26 marzo 2012).
  17. ^ La Fiche de Patrice EVRA (Manchester United), Football, Lequipe.fr. URL consultato il 23 luglio 2012.
  18. ^ FEUILLE DE MATCH OGC NICE - STADE LAVALLOIS, Lfp.fr. URL consultato il 23 luglio 2012.
  19. ^ FEUILLE DE MATCH STADE LAVALLOIS - OGC NICE, Lfp.fr. URL consultato il 23 luglio 2012.
  20. ^ (EN) Patrick Haond, Evra: Don't believe the hype (SkySports.com). URL consultato il 23 luglio 2012.
  21. ^ FEUILLE DE MATCH ESTAC - AS MONACO FC, Lfp.fr. URL consultato il 23 luglio 2012.
  22. ^ FEUILLE DE MATCH AS MONACO FC - STADE RENNAIS FC, Lfp.fr. URL consultato il 23 luglio 2012.
  23. ^ (EN) Monaco muscle past PSV (UEFA.com), 17 settembre 2003. URL consultato il 23 luglio 2012 (archiviato dall'url originale il 21 luglio 2012).
  24. ^ (EN) UEFA Champions League 2003/04 - History - Final(s) – UEFA.com, UEFA.com. URL consultato il 23 luglio 2012.
  25. ^ (EN) Graeme Bailey, Drogba named France's best (skysports.com). URL consultato il 23 luglio 2012.
  26. ^ (FR) Marc Lepannetier, L'Equipe type de L1 - 2003/2004 (maxifoot.fr), 30 maggio 2004. URL consultato il 23 luglio 2012.
  27. ^ Suarez stangato: disse 7 volte «negro» a Evra (corriere.it), 2 gennaio 2012. URL consultato l'11 luglio 2014.
  28. ^ Rooney show, Liverpool ko. Suarez-Evra, altre scintille (corrieredellosport.it), 11 febbraio 2012. URL consultato l'11 luglio 2014 (archiviato dall'url originale il 14 luglio 2014).
  29. ^ Evra è bianconero (juventus.com), 21 luglio 2014. URL consultato il 22 luglio 2014.
  30. ^ Chievo-Juventus 0-1, autogol di Biraghi. Allegri comincia con una vittoria, gazzetta.it, 30 agosto 2014. URL consultato il 23 maggio 2015.
  31. ^ Torres, Evra, Cole e Vidic: il flop dei nuovi "vecchi" in A, gazzetta.it, 2 dicembre 2014. URL consultato il 23 maggio 2015.
  32. ^ Stefano Cantalupi, Sampdoria-Juventus 0-1: Vidal, è festa scudetto. La Signora cala il poker (La Gazzetta dello Sport), 2 maggio 2015. URL consultato il 23 maggio 2015.
  33. ^ Jacopo Gerna, Juve infinita, vince la 10ª Coppa Italia: Matri piega la Lazio ai supplementari, in gazzetta.it, 23 maggio 2015.
  34. ^ Statistiche e curiosità sulla finale dell’Olympiastadion (blog.guerinsportivo.it), 7 giugno 2015. URL consultato l'8 giugno 2015 (archiviato dall'url originale il 13 giugno 2015).
  35. ^ Raimondo De Magistris, Juventus, 100 presenze in Champions per Patrice Evra (Tuttomercatoweb), 25 novembre 2015. URL consultato il 30 novembre 2015.
  36. ^ Evra tentato dal Manchester United. La Juve va su Grimaldo e Masina, su gazzetta.it, 6 gennaio 2017. URL consultato il 27 gennaio 2017.
  37. ^ Evra sull'addio alla Juventus: "Dopo la sosta non ero più felice", su it.eurosport.com, 3 febbraio 2017.
  38. ^ (FR) L'Olympique de Marseille annonce l’arrivée de Patrice Evra, in Om.net, 25 gennaio 2017.
  39. ^ Sky Sport, Follia Evra, calcio in faccia a un proprio tifoso. URL consultato il 3 novembre 2017.
  40. ^ Evra, niente coppe fino a giugno e addio Marsiglia gazzetta.it
  41. ^ L’Olympique de Marseille et Patrice Evra cessent leur collaboration om.net
  42. ^ West Ham sign Premier League great Patrice Evra whufc.com
  43. ^ (FR) France v. Bosnia and Herzegovina Match Report, in French Football Federation (fff.fr), 18 agosto 2004. URL consultato il 27 giugno 2015.
  44. ^ (FR) Premier entraînement pour les Bleus, in French Football Federation (fff.fr), 19 maggio 2004. URL consultato il 27 giugno 2015.
  45. ^ (EN) France v. Israel Match Report, in Fédération Internationale de Football Association (FIFA.com), 4 settembre 2004. URL consultato il 27 giugno 2015.
  46. ^ Italia, la notte perfetta Nei quarti c'è la Spagna (gazzetta.it), 17 giugno 2008. URL consultato il 27 giugno 2015.
  47. ^ Uruguay e Francia Pari nella noia, la Repubblica, 11 giugno 2010.
  48. ^ Messico, che colpo Francia quasi fuori, la Repubblica, 17 giugno 2010.
  49. ^ Domenech all'attacco. Una pagliacciata (la Repubblica), 21 giugno 2010.
  50. ^ a b Francia, Ribery ed Evra tornano in nazionale, su calciatori.com (archiviato dall'url originale l'11 settembre 2017).
  51. ^ Orgoglio Sudafrica La Francia chiude ultima, la Repubblica, 22 giugno 2010.
  52. ^ Jacopo Gerna, Francia-Inghilterra, tutto qui? Nasri risponde a Lescott: 1-1, in La Gazzetta dello Sport, 11 giugno 2012.
  53. ^ Stefano Cantalupi, Spagna, ci pensa Xabi Alonso Francia spenta ed eliminata, in La Gazzetta dello Sport, 23 giugno 2012.
  54. ^ Mondiali, Francia-Germania 0-1: gol di Hummels, tedeschi in semifinale, in La Gazzetta dello Sport, 4 luglio 2014.
  55. ^ La liste pour l'Euro 2016 dévoilée !, fff.fr, 12 maggio 2016. URL consultato il 12 maggio 2016.
  56. ^ Euro 2016, Portogallo campione: 1-0 alla Francia, Eder gol ai supplementari, gazzetta.it, 10 luglio 2016. URL consultato l'11 luglio 2016.
  57. ^ (FR) Par Propos recueillis par HM Le 7 novembre 2016 à 16h25, Equipe de France. Deschamps: «Je n'ai jamais dit qu'Evra n'était plus là», su leparisien.fr, 7 novembre 2016. URL consultato il 14 agosto 2019.
  58. ^ (EN) France v Sweden football match, 11 November 2016, su eu-football.info. URL consultato il 14 agosto 2019.
  59. ^ 1 presenza nei turni preliminari. Link.
  60. ^ 2 presenze nei turni preliminari.
  61. ^ 3 presenze nei turni preliminari

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica