Patrick Hillery

politico irlandese
Patrick John Hillery
Pádraig Seán Ó hIrighile
Patrick Hillery (cropped).jpg

Presidente della Repubblica d'Irlanda
Durata mandato 3 dicembre 1976 –
2 dicembre 1990
Predecessore Cearbhall Ó Dálaigh
Successore Mary Robinson

Commissario europeo per gli Affari Sociali
Durata mandato 6 gennaio 1973 –
2 dicembre 1976
Presidente François-Xavier Ortoli
Predecessore Albert Coppé
Successore Henk Vredeling

Dati generali
Partito politico Fianna Fáil
Titolo di studio dottorato di ricerca
Università University College Dublin

Patrick John Hillery (in gaelico Pádraig Seán Ó hIrighile; Miltown Malbay, 2 maggio 1923Dublino, 12 aprile 2008) è stato un politico irlandese, esponente del Fianna Fáil. Fu ministro, commissario europeo e Presidente dell'Irlanda dal 1976 al 1990.

FormazioneModifica

Hillery si laureò in medicina[1].

Carriera politicaModifica

Nel 1951 Hillery venne eletto membro del Dáil Éireann in rappresentanza del collegio di Clare[1].

Nel 1959 fu nominato ministro dell'istruzione[1]. Negli anni successivi ricoprì una serie di incarichi di governo, tra cui ministro dell'industria e del commercio, del lavoro e degli affari esteri[1].

Commissario europeoModifica

Nel gennaio 1973 Hillery entrò in carica come commissario europeo per gli affari sociali nell'ambito della Commissione Ortoli, di cui era anche uno dei vicepresidenti[1]. Si dimise dall'incarico nel dicembre 1976, dopo essere stato eletto presidente dell'Irlanda[1].

Presidente della repubblicaModifica

Il 3 dicembre 1976 Hillery entrò in carica come Presidente della repubblica d'Irlanda[1].

OnorificenzeModifica

  Cavaliere di gran croce decorato di gran cordone dell'Ordine al merito della Repubblica italiana
— 25 luglio 1986[2]

Vita personaleModifica

Hillery era sposato[1].

NoteModifica

  1. ^ a b c d e f g h (EN) Patrick J. Hillery, Áras an Uachtaráin. URL consultato il 17 novembre 2011.
  2. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN32088914 · ISNI (EN0000 0000 8111 2629 · LCCN (ENn77003110 · GND (DE112651488 · BNF (FRcb12433151n (data) · BNE (ESXX1002175 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n77003110