Patto per l'Autonomia

Partito autonomista attivo in Friuli-Venezia Giulia
Patto per l'Autonomia
(FUR) Pat pe Autonomie
(DE) Pakt für die Autonomie
(SL) Pakt za Avtonomijo
PresidenteMarkus Maurmair[1]
SegretarioMassimo Moretuzzo[1]
VicesegretarioRossella Malisan[1]
StatoItalia Italia
SedeVia A. Manzoni, 21
33032 Pozzecco di Bertiolo[2]
AbbreviazionePpA
Fondazione9 ottobre 2015
IdeologiaAutonomismo[3]
Regionalismo
Europeismo
Ambientalismo
CollocazioneCentro/centrosinistra
Partito europeoAlleanza Libera Europea[4]
Seggi Camera
0 / 630
 (2018)
Seggi Senato
0 / 315
 (2018)
Seggi Consiglio Regionale FVG
2 / 49
 (2018)
ColoriBlu, giallo

Il Patto per l'Autonomia, (Pat pe Autonomie in friulano, Pakt für die Autonomie in tedesco, Pakt za Avtonomijo in sloveno) è un partito autonomista attivo in Friuli-Venezia Giulia, il quale si pone come obiettivo la difesa della specialità regionale e la tutela di tutte le minoranze linguistiche (ossia friulana, tedesca e slovena).
Il movimento si definisce europeista e numerosi parti del programma sono apertamente ambientaliste[5], ragione per la quale riceve l'appoggio della Federazione dei Verdi FVG alle elezioni regionali del 2018[6].

StoriaModifica

 
Il presidente del Patto per l'Autonomia, Markus Maurmair

Il Patto per l'Autonomia è stato fondato come associazione nel 2015 ed è diventato movimento politico nel 2017. Il movimento è nato ad opera di numerosi amministratori locali, quali il sindaco di Mereto di Tomba Massimo Moretuzzo, attuale segretario, e di cittadini, nonché dalla fusione con altri gruppi autonomisti quali Patrie Furlane e Manovali per l'Autonomia.[7]
Nel 2018 partecipa alle elezioni politiche del 4 marzo raccogliendo 9.689 voti per la Camera dei deputati[8] e 5.015 voti per il Senato della Repubblica[9], risultando quindi escluso dall'accesso in Parlamento.
Le elezioni politiche sono state, come spiegato dal movimento, un banco di prova per le elezioni regionali del 29 aprile 2018, alle quali viene candidato Sergio Cecotti alla presidenza della Regione.
Il partito raccoglie in questa occasione il 4,09% delle preferenze, eleggendo due consiglieri: Massimo Moretuzzo e Giampaolo Bidoli, già sindaco di Tramonti di Sotto[10].
In occasione delle elezioni comunali svoltesi sempre il 29 aprile concorre con Andrea Valcic a candidato sindaco per la città di Udine, il quale raccoglie 1.299 voti.[11]

Il 2 dicembre 2018 a Campoformido si tiene la prima Assemblea generale del Patto, che vede la rielezione di quasi tutto la segreteria uscente, a cominciare dal Presidente e dal Segretario.[12]

A gennaio 2019 si avvia un percorso di radicamento del Patto per l'Autonomia nei territori di tutta la Regione Friuli-Venezia Giulia attraverso la fondazione delle Comunità locali[13]

Dialogo per l'autogoverno di tutti i territori in Italia e in EuropaModifica

A partire da luglio 2018[14] il partito avvia un dialogo informale con alcuni altri movimenti territoriali con i quali condivide contenuti autonomisti e ambientalisti, fra i quali Comitato Libertà Toscana e Siciliani Liberi. Insieme a questi movimenti il Patto firma alcuni documenti pubblici, destinati al mondo delle forze già collegate in ALE-EFA[15], oppure all'opinione pubblica autonomista italiana, come il messaggio congiunto del 19 dicembre 2018, in occasione del 75º anniversario della Carta di Chivasso[16].

Sempre nella seconda metà del 2018, il partito inizia a dialogare con le forze storiche delle autonomie speciali riconosciute nella Repubblica Italiana, fra cui l'Union Valdôtaine, la Südtiroler Volkspartei, la Slovenska Skupnost in un'ottica di difesa e valorizzazione delle minoranze linguistiche e delle autonomie territoriali.[17]

IdeologiaModifica

Il punto principale del programma si pone l'obiettivo della piena attuazione del Titolo V della Costituzione per attivare tutte le potenzialità di autogoverno della regione.
In quest'ottica, viene anche auspicata la revisione dello statuto di autonomia.
Viene inoltre ritenuto fondamentale il confronto delle istituzioni con il territorio, anche in un'ottica di tutela di tutte le minoranze linguistiche e di difesa dei beni pubblici, come ad esempio le risorse idroelettriche.
Il Patto per l'Autonomia ha più volte auspicato una gestione diretta da parte della Regione di queste risorse.[18]
Il programma auspica inoltre il superamento dell'Unione europea quale luogo di confronto fra stati e la nascita di una Repubblica Europea che risponda ai bisogni dei cittadini.[5]

StrutturaModifica

A livello locale, a partire dal 2019, il Patto inizia a costituire in regione sezioni di partito, denominate "Comunità". A gennaio vengono fondate quelle di Valvasone Arzene, Moruzzo, Monfalcone e di Trieste. Il 28 febbraio il partito fonda la comunità di Mereto di Tomba ed in seguito quella di Rive D'Arcano.

Risultati elettoraliModifica

Elezioni regionaliModifica

Voti % Seggi
Regionali Friuli Venezia Giulia 2018 23.696 4,40 2

Elezioni politiche ed europeeModifica

Voti % Seggi
Politiche 2018 Camera 7.079 0,02 0
Senato 5.015 0,01 0

NoteModifica

  1. ^ a b c https://www.pattoperlautonomia.eu/il-patto/organi-statutari
  2. ^ Copia archiviata, su pattoperlautonomia.eu. URL consultato il 1º maggio 2018 (archiviato dall'url originale il 2 maggio 2018).
  3. ^ La forza delle autonomie per l’ambiente e il lavoro, su ilfriuli.it.
  4. ^ Appoggio della European Free Alliance al Patto Autonomia, su friulionline.com.
  5. ^ a b Copia archiviata (PDF), su dait.interno.gov.it. URL consultato il 2 maggio 2018 (archiviato dall'url originale l'8 maggio 2018).
  6. ^ Verdi con il Patto per l’Autonomia - Il Friuli, su www.ilfriuli.it. URL consultato il 3 febbraio 2019.
  7. ^ Il Patto si trasforma in partito «Correremo a ogni elezione» - Messaggero Veneto, su Archivio - Messaggero Veneto. URL consultato il 2 settembre 2020.
  8. ^ http://elezioni.interno.gov.it/camera/scrutini/20180304/scrutiniCI
  9. ^ http://elezioni.interno.gov.it/senato/scrutini/20180304/scrutiniSI
  10. ^ Copia archiviata, su elezioni.regione.fvg.it. URL consultato il 1º maggio 2018 (archiviato dall'url originale il 1º maggio 2018).
  11. ^ Copia archiviata, su elezioni.regione.fvg.it. URL consultato il 3 maggio 2018 (archiviato dall'url originale il 3 maggio 2018).
  12. ^ http://www.udinetoday.it/politica/massimo-moretuzzo-confermato-patto-autonomia.html
  13. ^ https://www.pattoperlautonomia.eu/notizie/8-news/301-e-nata-la-comunita-del-patto-per-l-autonomia-a-valvasone-arzene.
  14. ^ Contributo a un dialogo italiano ed europeo per l’autogoverno di tutti, dappertutto – Comitato Libertà Toscana, su comitatolibertatoscana.eu. URL consultato il 16 dicembre 2019.
  15. ^ Benvenuti a Venezia, giovani d’Europa – Comitato Libertà Toscana, su comitatolibertatoscana.eu. URL consultato il 16 dicembre 2019.
  16. ^ 75° anniversario della Carta di Chivasso – Comitato Libertà Toscana, su comitatolibertatoscana.eu. URL consultato il 16 dicembre 2019.
  17. ^ https://m.ilgazzettino.it/pay/articolo-4152410.html
  18. ^ Copia archiviata, su pattoperlautonomia.eu. URL consultato il 3 maggio 2018 (archiviato dall'url originale il 3 maggio 2018).

Collegamenti esterniModifica