Paul Orndorff

wrestler statunitense
Paul Orndorff
Paul Orndorff.jpg
NomePaul Orndorff
Ring namePaul Orndorff
Mr. Wonderful
Mr. #1 derful
The Brandon Bull
NazionalitàStati Uniti Stati Uniti
NascitaBrandon, Florida
29 ottobre 1949
Residenza dichiarataFayetteville, Georgia
Altezza dichiarata183 cm
Peso dichiarato115 kg
AllenatoreBob Backlund
Jack Brisco
Eddie Graham
Hiro Matsuda
Debutto1976
Ritiro1995
Progetto Wrestling

Paul Orndorff (Brandon, 29 ottobre 1949) è un ex wrestler statunitense, famoso per le sue apparizioni nella World Wrestling Federation negli anni ottanta col nome di "Mr. Wonderful" Paul Orndorff.

CarrieraModifica

Prima di cominciare con il wrestling, Orndorff divenne alquanto noto nella zona della Florida per la sua militanza nella squadra di football della University of Tampa, nella quale segnò 21 touchdown e corse 2000 yards; provò a prendere il treno della NFL con un provino per i "Kansas City Chiefs" prima e i "New Orleans Saints" poi, senza alcun risultato. Giocò tuttavia per una stagione nella World Football League, una lega di football americana ormai defunta: era il 1975 e Orndorff era nel roster dei "Jacksonville Sharks". Dopo un solo anno Orndorff iniziò gli allenamenti da wrestler.

Inizia la sua carriera da lottatore nelle federazioni del Mid-South, dove si scontra con wrestler del calibro di Jerry Lawler ed Ernie Ladd. All'inizio degli anni '80 si fece un'ottima pubblicità con la conquista, in tre distinte occasioni, dell'NWA National Heavyweight Championship, alloro della National Wrestling Alliance.

Il suo debutto nella WWF avvenne nel gennaio 1984, come wrestler heel con Rowdy Roddy Piper come manager; i due, con Bob Orton Jr. al loro angolo, sfidarono il duo Hulk Hogan & Mr. T (Jimmy Snuka nel loro angolo) nel corso del main event di WrestleMania I, il 31 marzo 1985. Questo match è l'inizio di una serie di feud che vedranno dapprima Orndorff alleato con Hogan contro Piper ed Orton ed in seguito nuovamente contro Hogan, quando scelse come nuovo manager Bobby "The Brain" Heenan. Il feud contro l'Eroe Americano durò poco più di sei mesi ed è ricordato come uno dei migliori della storia del wrestling. In quel periodo tuttavia Orndorff si infortunò ad un braccio nel corso di un allenamento e rifiutò la soluzione chirurgica per non mandare all'aria il feud costruito fino a quel momento. La decisione si rivelò errata: nel corso di un match contro Hogan cadde in malo modo sul braccio infortunato; ciò lo costrinse ad un periodo di allontanamento forzato fino al 1987.

Al suo ritorno iniziò un feud contro il nuovo cliente di Bobby Heenan, il lanciatissimo "Ravishing" Rick Rude; arrivaro a sfidarsi nel main event dell'appena istituito Survivor Series ma poco dopo lasciò la federazione. Abbandonò il mondo del wrestling per qualche anno, ma nel 1993 (dopo qualche apparizione nel 1990) tornò in pianta stabile nella WCW. La sua permanenza nella fed di Atlanta è tuttavia più nota per l'incidente che costò il posto di lavoro a Vader: i due ebbero un lite nel backstage scatenata dall'arrivo in ritardo sul posto di lavoro di Big Van, ma dovuta principalmente ad un odio che si trascinava da anni. Entrambi i wrestler hanno dato una versione differente dei fatti: ovviamente, ognuno sostiene di aver messo a tappeto l'altro. Vader fu perciò licenziato.

Orndorff lasciò il mondo del wrestling attivo e passò ad allenare talenti alla WCW Power Plant, portando al debutto televisivo i Natural Born Thrillers.

Il 2 aprile 2005 fu introdotto nella WWE Hall of Fame.

Il 6 aprile 2014, Orndorff fece un'apparizione a WrestleMania XXX insieme a Rowdy Roddy Piper, Hulk Hogan, Mr. T e Pat Patterson, venendo intervistato da Gene Okerlund.

L'11 agosto 2014, partecipa alla festa di compleanno di Hulk Hogan celebratasi a WWE Raw, festeggiando sul ring insieme a molte altre leggende WWE, inclusi Hogan stesso, Ric Flair, Kevin Nash, Scott Hall, Gene Okerlund, Jimmy Hart e Roddy Piper.

Il 3 maggio 2017, Orndorff lottò nel suo primo match fin dall'anno 2000. L'evento ebbe luogo in Canada per la compagnia CWE (Canadian Wrestling's Elite) a Brandon, Manitoba. Paul vinse un 6-man tag team match all'età di 67 anni.[1]

Vita privataModifica

Oggi Paul Orndorff vive a Fayetteville in Georgia, insieme a sua moglie Ronda Maxwell, con la quale ha dato alla luce Paul Orndorff III e Travis Orndorff, i quali, a loro volta, hanno dato a Paul otto nipoti.[2]

Nel wrestlingModifica

  • Soprannome
    • "Mr. Wonderful"

Titoli e riconoscimentiModifica

 
Orndorff nel 2015

American Wrestling Federation

  • AWF Heavyweight Championship (1)

Cauliflower Alley Club

  • Men's Achievement Award (2016)[5]

George Tragos/Lou Thesz Professional Wrestling Hall of Fame

  • Classe del 2017[6]

Georgia Championship Wrestling

National Wrestling Alliance

National Wrestling League

NWA Mid-America

NWA Tri-State / Mid-South Wrestling Association

Peach State Wrestling

  • PSW Cordele City Heavyweight Championship (1)

World Championship Wrestling

World Wrestling Entertainment

Pro Wrestling Illustrated

Professional Wrestling Hall of Fame and Museum

NoteModifica

  1. ^ 10 Old WWE Stars You Won't Believe Are Still Wrestling, su whatculture.com.
  2. ^ http://www.tuttowrestling.com/showbio_new.asp?codice=157
  3. ^ Paul Orndorff's WWE Hall of Fame Profile, WWE. URL consultato il 30 marzo 2011.
  4. ^ Matt Mackinder, Sir Oliver Humperdink recalls career of yesteryear, SLAM! Wrestling, 17 gennaio 2008. URL consultato il 4 aprile 2008.
  5. ^ ARN ANDERSON, PAUL ORNDORFF, TRISH STRATUS AND MORE TO BE HONORED BY CAULIFLOWER ALLEY CLUB | PWInsider.com, su www.pwinsider.com.
  6. ^ Recent CAC Honoree Being Recognized Again, su caulifloweralleyclub.org.[collegamento interrotto]
  7. ^ NWA National Heavyweight Title, su Wrestling-Titles.com.
  8. ^ Larry Csonka, NWA Class of 2009, su 411mania.com, 9 giugno 2009. URL consultato il 22 febbraio 2009.
  9. ^ Tsakiries, Phil, NWL Tag Team Title History, in Solie's Title Histories, Solie.org, 2004. URL consultato il 4 maggio 2010.
  10. ^ National Wrestling Alliance World 6-Man Tag Team Title History (Mid-America), Wrestling-Titles.com. URL consultato il 19 aprile 2015.
  11. ^ Memphis Wrestling Southern Heavyweight Championship, in CageMatch. URL consultato il 24 marzo 2017.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN223801872 · LCCN (ENno2012001251 · WorldCat Identities (ENlccn-no2012001251