Apri il menu principale

BiografiaModifica

Nato in Baviera nel 1872, emigrò negli Stati Uniti divenendo poi cittadino statunitense.

Attore teatrale, gran parte dei suoi primi film furono diretti da James Stuart Blackton: molti erano trasposizioni di tragedie shakespeariane ridotte per lo schermo in versione cortometraggio. Aveva debuttato con Stolen by Gypsies, un cortometraggio firmato da Wallace McCutcheon che aveva come direttore della fotografia Edwin Porter.

Nel 1912, Panzer firmò la sua unica regia, The Life of Buffalo Bill, film biografico in tre rulli sul famoso William F. Cody che partecipò egli stesso al film (Buffalo Bill sarebbe morto cinque anni più tardi, nel 1917, a 71 anni). Al film, prese parte anche Pearl White, celebre eroina di serial cinematografici con la quale Panzer avrebbe girato nel 1914 The Perils of Pauline.

Era sposato con l'attrice Josephine Atkinson con la quale girò un solo film, Romeo and Juliet del 1908. Dal matrimonio nacquero due figli. La moglie morì il 6 gennaio 1954. Lui si spense cinque anni dopo, nel novembre del 1958.

FilmografiaModifica

Secondo IMDb, la filmografia è completa. Quando non appare il nome del regista, è perché questo non appare neanche nei credit del film[1]

AttoreModifica

1905Modifica

1906Modifica

1907Modifica

1908Modifica

1909Modifica

1910Modifica

1911Modifica

1912Modifica

1913Modifica

1914Modifica

1915Modifica

1916Modifica

1917Modifica

1918Modifica

1919Modifica

1920Modifica

1922Modifica

1923Modifica

1924Modifica

1925Modifica

1926Modifica

1927Modifica

1928Modifica

1929Modifica

1930Modifica

1931Modifica

1932Modifica

1933Modifica

1934Modifica

1935Modifica

1936Modifica

1937Modifica

1938Modifica

1939Modifica

1940Modifica

1941Modifica

1942Modifica

1943Modifica

1944Modifica

1945Modifica

1946Modifica

1947Modifica

1948Modifica

1949Modifica

1950Modifica

1951Modifica

1952Modifica

RegistaModifica

Galleria d'immaginiModifica

NoteModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN22480891 · ISNI (EN0000 0000 4312 0679 · LCCN (ENno97051169 · GND (DE1062259505 · WorldCat Identities (ENno97-051169