Apri il menu principale

Paula Raymond

attrice statunitense

BiografiaModifica

Nata a San Francisco nel 1924, la quattordicenne Raymond debuttò sul grande schermo con il nome di Paula Rae Wright nel film commedia Keep Smiling (1938), in cui interpretò il ruolo di Bettina Bowman. La sua carriera cinematografica riprese però solo una decina di anni più tardi, con alcuni ruoli non accreditati in film quali Rivista di stelle (1947), La notte ha mille occhi (1948), La costola di Adamo (1949) e I marciapiedi di New York (1949).

Sotto contratto dal 1950 con la MGM, nel film La rivolta la Raymond ebbe il ruolo di Helen Ferguson, moglie di un chirurgo statunitense (interpretato da Cary Grant) in vacanza in un paese latinoamericano dove sta per scoppiare una rivoluzione. La Ferguson viene fatta rapire dal dittatore Farrago (José Ferrer), il quale – dovendo sottoporsi a un delicato intervento al cervello - intende così assicurarsi la piena disponibilità del medico per la riuscita dell'operazione. Nello stesso anno l'attrice apparve anche nel western Il passo del diavolo (1950), accanto a Robert Taylor, e nel musical La Duchessa dell'Idaho (1950), interpretato da Esther Williams.

Quasi sempre seconda protagonista femminile, nella prima metà degli anni cinquanta la Raymond partecipò a diverse celebri pellicole, come Il grande bersaglio (1951) con Dick Powell, commedie come La sirena del circo (1951), ancora con la Williams e con Red Skelton, ma anche pellicole noir come Difendete la città (1952), in cui recitò al fianco di Walter Pidgeon e John Hodiak, e La città che non dorme (1953), che interpretò accanto a Gig Young e Marie Windsor.

Sempre nel 1953, la Raymond ebbe un ruolo di rilievo, quello di Lee Hunter, assistente dello scienziato Thurgood Elson (Cecil Kellaway), nel fantascientifico Il risveglio del dinosauro di Eugène Lourié, uno dei molti film che nel decennio furono incentrati sulla minaccia all'umanità rappresentata da un temibile mostro, in questo caso un dinosauro risvegliato da un'esplosione atomica che scioglie i ghiacci in cui era imprigionato da millenni. L'anno successivo, l'attrice interpretò la parte della regina Berengaria nel kolossal storico Riccardo Cuor di Leone (1954), cui seguirono il poliziesco Giungla umana (1954), con Gary Merrill e Jan Sterling, e il western L'arma che conquistò il West (1955), con Dennis Morgan.

Dopo la metà degli anni cinquanta, la Raymond svolse quasi esclusivamente attività televisiva, comparendo in alcune popolari serie del piccolo schermo, come Le leggendarie imprese di Wyatt Earp (1959) e Maverick (1961), entrambe di ambientazione western, di genere poliziesco come Perry Mason, di cui interpretò cinque episodi tra il 1959 e il 1964, Hawaiian Eye (cinque episodi dal 1959 al 1962), Gli intoccabili (1960) e Organizzazione U.N.C.L.E. (1964).

A conclusione della carriera, la Raymond apparve ancora negli horror Il castello di Dracula (1969), in cui recitò con John Carradine e Alexander D'Arcy, e Five Blood Graves (1970). Dopo un'assenza di oltre vent'anni dalle scene, tornò un'unica volta a recitare in occasione del film Ipnosi morbosa (1994).

Dal primo matrimonio (1944-1946) con il capitano di Marina Floyd Leroy Patterson, la Raymond ebbe una figlia, Raeme Dorene, nata nel 1946. Il secondo matrimonio con H. Leslie Williams durò appena un anno, dal 1965 al 1966.

Dopo la prematura scomparsa della figlia, avvenuta nel 1993, la Raymond le sopravvisse di dieci anni. Morì a West Hollywood il 31 dicembre 2003, all'età di 79 anni, per complicazioni respiratorie.

FilmografiaModifica

CinemaModifica

TelevisioneModifica

Doppiatrici italianeModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN74992693 · ISNI (EN0000 0000 1996 090X · LCCN (ENno2010120447 · GND (DE131717308 · BNF (FRcb14219289k (data) · WorldCat Identities (ENno2010-120447