Apri il menu principale

Paulo Roberto de Freitas

allenatore di pallavolo e dirigente sportivo brasiliano
Paulo Roberto de Freitas
Bebeto de Freitas.jpg
Paulo Roberto de Freitas.
Nazionalità Brasile Brasile
Pallavolo Volleyball (indoor) pictogram.svg
Ruolo Allenatore
Carriera
Carriera da allenatore
1984-1988Brasile Brasile
1990-1995Parma
1996-1998Italia Italia
 

Paulo Roberto de Freitas, conosciuto meglio come Bebeto de Freitas o semplicemente Bebeto (Rio de Janeiro, 16 gennaio 1950Belo Horizonte, 13 marzo 2018[1]), è stato un allenatore di pallavolo e dirigente sportivo brasiliano.

È scomparso nel 2018 all'età di 68 anni a seguito di un infarto.[2]

Allenatore di pallavoloModifica

Nel corso della sua carriera ha ricoperto diversi ruoli. Dal 1984 al 1988 ha allenato la nazionale brasiliana di pallavolo maschile alle olimpiadi di Los Angeles '84 e Seul '88 e dal 1990 al 1995 ha guidato la Pallavolo Parma in Italia. Gli appassionati italiani di pallavolo lo ricordano perché ha guidato la nazionale italiana di pallavolo maschile nel biennio 1996-1998. Bebeto de Freitas venne chiamato sulla panchina azzurra per sostituire il grande Julio Velasco, sotto la sua guida l'Italia conquistò la medaglia d'oro alla World League del 1997, il bronzo agli europei del 1997 e soprattutto l'oro ai mondiali del 1998, arrivò quarta invece alla World League del 1998, mancando il podio per la prima volta nella storia della competizione.

Presidente di calcioModifica

Ha ricoperto la carica di presidente dell'Atletico Mineiro dal 1999 al 2001 e del Botafogo dal 2003 al 2009.

StatisticheModifica

con la nazionale di pallavolo italiana Bebeto de Freitas vanta il seguente score:

Partite 3 - 0 3 - 1 3 - 2 TOT Vinte 2 - 3 1 - 3 0 - 3 TOT Perse
71 32 14 6 52 7 5 7 19

OnorificenzeModifica

  Palma d'oro al Merito Tecnico
«titolo mondiale 1998 - Alla memoria»
— Roma, 19 dicembre 2018.[3]

NoteModifica

  1. ^ Volley, è morto Bebeto: ci regalò il Mondiale del '98, su gazzetta.it. URL consultato il 13 marzo 2018.
  2. ^ Addio a Bebeto, ex ct azzurro dell’Italvolley mondiale nel ’98, in lastampa.it, 13 marzo 2018. URL consultato il 14 marzo 2018.
  3. ^ Collari d'oro 2018, su coni.it. URL consultato il 21 dicembre 2018.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica