I peace studies (in italiano scienze per la pace, o anche irenologia) sono un'area di studi interdisciplinare che si occupa della costruzione della pace positiva, cioè non la semplice assenza di guerra, ma il prodotto di azioni pacifiche.

I Peace Studies sono una specificazione della polemologia che più in generale si occupa dell'analisi dei conflitti.

Il fondatore accademico di questa disciplina è considerato Johan Galtung,[1]. Altri importanti studiosi sono stati Kenneth Boulding, e Gene Sharp.

Peace studies in ItaliaModifica

I peace studies si sono sviluppati recentemente anche in Italia con la nascita di diversi corsi di laurea e master universitari.

Attualmente in Italia l'unica sede accademica in cui sono espressamente attivi i Peace Studies è l'Università di Pisa, che li cura attraverso il Centro Interdisciplinare Scienze per la Pace[1], e che dal 2001 offre corsi di laurea triennale e magistrale in "Scienze per la Pace, analisi gestione e trasformazione dei conflitti". Un corso simile era attivato anche presso l'Università degli Studi di Firenze (Operazioni di pace, gestione e mediazione dei conflitti).[2] Sulla base della legge della Regione Marche n. 9 del 18 giugno 2002, è stata istituita un'associazione denominata Università della Pace, con sede ad Ascoli Piceno.[3]

Peace studies nel mondoModifica

L'Università per la Pace di Colón, in Costa Rica, fondata nel 1980 dall'ONU, è interamente dedicata all'insegnamento dei peace studies.

NoteModifica

  1. ^ John David Brewer, Peace processes: a sociological approach, p. 7, Polity Press, 2010
  2. ^ Vedi sito ufficiale Archiviato il 7 febbraio 2011 in Internet Archive..
  3. ^ consiglio.marche.it, http://www.consiglio.marche.it/pace/index.php.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàGND (DE4155435-8