Pearl GTL

Pearl GTL è un importante sito di produzione, trasformazione e sintesi di gas naturale situato a Ras Laffan, Qatar. Converte gas naturale in GTL e si tratta del più grande stabilimento di gas naturale liquefatto al mondo[1][2]

La prima fase di effettiva utilizzazione di Pearl GTL è iniziata il 13 giugno 2011.[3]

Caratteristiche tecnicheModifica

Al momento della piena entrata in servizio nel 2012, il polo industriale Pearl GTL permetterà di convertire 1.6 milioni di gas naturale (45×106 m3/d) in 140.000 barili di petrolio e di convertire 120.000 barili di petrolio al giorno (22×103 m3/d) in GTL ed etano. L'automatizzazione del processo integrato e del sistema di controllo dell'impianto principale e dell'impianto di stoccaggio verrà concepito e messo in opera da Honeywell, mentre l'impianto di stoccaggio ed i posti di controllo sono progettati e messa in opera da Invensys. Page Europa è stata sollecitata come integratore globale di Telecom Système per i sistemi di telecomunicazione onshore ed offshore. Il Gruppo ABB è stato impegnato a fornire tutti i sistemi elettrici e di controllo. La prima parte verrà messa in servizio nel 2010, seguita poi dalla seconda parte nel 2011.[4][5]

Le maggiori aziende coinvolte nella realizzazione del progetto sono KBR (entreprise) e JGC Corporation (Japan Gasoline Company). Altre aziende subappaltatrici sono McDermott International, Chicago Bridge & Iron Company, Consolidated Contractors Company e Descon Engineering Limited[1] Le pompe idrauliche per il processo sont fornite da Flowserve Corporation, le pompe ad iniezione di prodotti chimici sono di LEWA ed otto diversi impianti di turbine generatrici per i sistemi di trattamento dell'aria sono fornite da Linde AG. Sei reattori necessari per il processo Fischer-Tropsch sono forniti dalla MAN AG.[5][6]

Il progetto Pearl GTL si basa sui fondamenti del progetto GTL simile ma di scala minore a Bintulu, Malaysia, che è operativo dal 1993.[7] L'impianto dovrebbe raggiungere la piena produzione alla metà del 2012.[8]

CostoModifica

Nel 2003, il costo di progetto venne stimato sui $ 5.000.000 di dollari. Ciononostante, essendosi dovuto affrontare un enorme aumento delle spese, nel 2007 si sono raggiunti i 18 miliardi di dollari nel 2007.[1] e, secondo fonti di Qatar Petroleum, il costo finale del progetto dovrebbe raggiungere i 24 miliardi[9]. Poiché Shell, secondo il contratto, fornisce gratuitamente l'approvvigionamento e l'immissione del gas nell'impianto, è stato calcolato che il progetto sarebbe stato avviato una volta che il prezzo del petrolio superi i 40 dollari il barile.[10]

Società di progettoModifica

Il progetto è frutto di un accordo di condivisione della produzione Production sharing agreements (PSA) fra le due parti Qatar Petroleum e Shell.

Carburante GTLModifica

I principali prodotti dell'impianto Pearl GTL sono la nafta ed i carburanti di trasporto, con paraffina ed olio lubrificante come minori sottoprodotti del processo. Il carburante GTL per i trasporti può essere utilizzato dai motori diesel pesanti ed è stato dimostrato come presenti un certo numero di vantaggi, quali la riduzione delle emissioni ed il miglioramento delle prestazioni del motore. .[11]

NoteModifica

  1. ^ a b c Damon Evans, Pearl GTL set for big payback, in Upstream Online, NHST Media Group, 11 marzo 2008, Template:Subscription required. URL consultato il 20 aprile 2008.
  2. ^ Pearl plant on schedule, says Shell, in Upstream Online, NHST Media Group, 30 ottobre 2007, Template:Subscription required. URL consultato il 20 aprile 2008.
  3. ^ Steve Marshall, First cargo for Pearl GTL, in Upstream Online, NHST Media Group, 13 giugno 2011, Template:Subscription required. URL consultato il 5 dicembre 2011.
  4. ^ Pearl GTL on track for 2010 start-up, in Upstream Online, NHST Media Group, 4 marzo 2008, Template:Subscription required. URL consultato il 20 aprile 2008.
  5. ^ a b Flowserve bags Pearl GTL orders, in Upstream Online, NHST Media Group, 6 dicembre 2007, Template:Subscription required. URL consultato il 20 aprile 2008.
  6. ^ MAN adds to Pearl's lustre, in Upstream Online, NHST Media Group, 14 agosto 2006, Template:Subscription required. URL consultato il 20 aprile 2008.
  7. ^ Shell shrugs off Sasol GTL warning, in Upstream Online, NHST Media Group, 27 maggio 2007, Template:Subscription required. URL consultato il 20 aprile 2008.
  8. ^ Shell's Qatar Pearl GTL plant to reach full production mid-2012, in Arabian Business, ITP Publishing Group, 22 marzo 2011. URL consultato il 23 marzo 2011.
  9. ^ GTL Approaching End Of Its Road (requires a subscription), World Gas Intelligence, 18 febbraio 2009. URL consultato il 7 marzo 2009.
  10. ^ Shell waits on Pearl's first flows, in Upstream Online, NHST Media Group, 26 gennaio 2010, Template:Subscription required. URL consultato il 17 marzo 2010.
  11. ^ Qatar Petroleum & Shell Sign DPSA for Pearl GTL Project, Rigzone, 24 luglio 2004. URL consultato il 22 aprile 2008.