Apri il menu principale

Pedro Casaldáliga Plá

vescovo cattolico e teologo spagnolo
(Reindirizzamento da Pedro Casaldáliga)
Pedro Casaldáliga Plá, C.M.F.
vescovo della Chiesa cattolica
Dom.Pedro.Casaldaliga.02.jpg
Dom Pedro, con l'anello di tucum alla mano destra.
Template-Bishop.svg
Nada possuir, nada carregar, nada pedir, nada calar e, sobretudo, nada matar
 
TitoloSão Félix
Incarichi attualiPrelato emerito di São Félix (dal 2005)
Incarichi ricoperti
 
Nato16 febbraio 1928 (91 anni) a Balsareny
Ordinato presbitero31 maggio 1952
Nominato vescovo27 agosto 1971 da papa Paolo VI
Consacrato vescovo23 ottobre 1971 dall'arcivescovo Fernando Gomes dos Santos
 

Pedro Casaldáliga Plá (Balsareny, 16 febbraio 1928) è un vescovo cattolico e teologo spagnolo naturalizzato brasiliano, religioso dei Missionari figli del Cuore Immacolato di Maria.

Indice

BiografiaModifica

Entrato nella Congregazione dei Missionari figli del Cuore Immacolato di Maria o Congregazione Claretiana nel 1943, è stato consacrato sacerdote a Montjuïc, Barcellona, il 31 maggio 1952. Nel 1968 si trasferì in Amazzonia, Brasile.

È stato nominato amministratore apostolico della prelatura territoriale di São Félix il 27 aprile 1970 da papa Paolo VI. Nominato, successivamente, primo prelato di São Félix il 27 agosto 1971, è stato consacrato vescovo il 23 ottobre successivo.

Ha presentato, al compimento dei 75 anni di età, la rinuncia al governo della prelatura, per raggiunti limiti d'età. Il 2 febbraio 2005 Giovanni Paolo II ha accettato la rinuncia.

Impegno politico e socialeModifica

Seguace della Teologia della Liberazione, ha assunto come motto per il suo stemma Nada possuir, nada carregar, nada pedir, nada calar e, sobretudo, nada matar. (Nulla possedere, nulla prendere a carico, nulla chiedere, nulla tacere e soprattutto non uccidere nessuno). È poeta e autore di vari libri.

Durante la dittatura militare in Brasile, fu minacciato di morte diverse volte (clamorosa la sera dell'11 ottobre 1976, in cui fu ucciso padre João Bosco Burnier) e minacciato di espulsione dal Brasile; in sua difesa si schierò l'allora arcivescovo di San Paolo, Paulo Evaristo Arns.

SuccessioneModifica

A Pedro Casaldáliga è succeduto Leonardo Ulrich Steiner, O.F.M., brasiliano.

Genealogia episcopaleModifica

BibliografiaModifica

  • Pedro Casaldáliga, Nella fedeltà ribelle, Cittadella, 1985.
  • Pedro Casaldáliga, Fuoco e cenere al vento. Antologia spirituale, Cittadella, 1985.
  • Pedro Casaldáliga, José M. Vigil, Spiritualità della liberazione, Cittadella, 1995.
  • Pedro Casaldáliga, Sonetos neo-bíblicos, precisamente, Musa Editora, 1996.
  • Pedro Casaldáliga, Cerezo Barredo, Murais da libertação, São Paulo, Loyola, 2005.
  • Pedro Casaldáliga, Pedro Tierra, Ameríndia, morte e vida, Petrópolis, Vozes, 2000.
  • Pedro Casaldáliga, Pedro Tierra, Orações da caminhada, Verus Editora, 2005.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN17220283 · ISNI (EN0000 0001 0874 3835 · LCCN (ENn78076344 · GND (DE118519395 · BNF (FRcb11895396f (data)