Apri il menu principale

Pedro Horrillo

ciclista su strada spagnolo
Pedro Horrillo Muñoz
Pedro Horrillo en el Giro de Italia 2007.jpg
Horrillo al Giro d'Italia 2007
Nazionalità Spagna Spagna
Altezza 184 cm
Peso 76 kg
Ciclismo Cycling (road) pictogram.svg
Specialità Strada
Ritirato 2009
Carriera
Squadre di club
1998-2000Vitalicio Seguros
2001-2002Mapei
2003-2004Quick Step
2005-2009Rabobank
 

Pedro Horrillo Muñoz (Eibar, 27 settembre 1974) è un ex ciclista su strada spagnolo, professionista dal 1998 al 2009.

Nato nei Paesi Baschi, è stato uno dei più importanti e fidati gregari di Óscar Freire, tanto da seguirlo nei suoi passaggi di squadra in squadra.

Prima di passare professionista studiava filosofia all'università. Tutt'oggi collabora attivamente con il noto quotidiano spagnolo El País.

CarrieraModifica

Passò professionista nel 1998 con la Vitalicio Seguros, nella quale correvano tra gli altri Óscar Freire e Juan Miguel Mercado. Nel 2001 seguì Freire alla Mapei-Quick Step, diventata in seguito Quick Step-Davitamon quando l'azienda italiana decise di non rinnovare la sponsorizzazione. Con la nuova squadra vinse una tappa alla Parigi-Nizza. Nel 2005 si trasferì alla Rabobank, dove ritrovò Freire. In quella stagione una tappa della Volta Ciclista a Catalunya e sfiorò un successo di tappa alla Vuelta a España, venendo raggiunto a 200 metri dal traguardo dopo una lunga fuga.

Horrillo rischiò di morire durante l'ottava tappa del Giro d'Italia 2009, quando cadde in un burrone. I soccorritori lo ritrovarono 60 metri più in basso rispetto alla sua bici, privo di sensi, con fratture alla coscia, al ginocchio, al collo e con un polmone perforato. Riprese conoscenza sull'ambulanza che lo portava all'ospedale, ma i medici decisero di mandarlo in coma farmacologico[1]. Il giorno successivo il gruppo, in reazione all'incidente di Horrillo, protestò per la scarsa sicurezza dei tracciati delle tappe, ottenendo la neutralizzazione della nona tappa[2]. Dopo qualche giorno Horrillo fu risvegliato dal coma e sottoposto ad alcuni controlli, che non rivelarono alcun danno cerebrale. Venne poi trasferito in un ospedale spagnolo, dal quale venne dimesso il 22 giugno, cinque settimane dopo l'incidente.

Pur essendosi ripreso perfettamente, decise di ritirarsi dall'attività senza partecipare a nessun'altra corsa[3].

PalmarèsModifica

PiazzamentiModifica

Grandi GiriModifica

1998: ritirato
2007: 121º
2009: ritirato
1999: 135º
2002: 107º
2001: 76º
2002: ritirato
2003: 124º
2004: 88º
2005: 105º
2006: 106º
2007: 140º
2008: 117º

Competizioni mondialiModifica

Zolder 2002 - In linea Elite: 61º
Verona 2004 - In linea Elite: ritirato

NoteModifica

  1. ^ Horrillo out of coma after crash, in BBC News, 17 maggio 2009. URL consultato il 31 luglio 2010.
  2. ^ La Via Horrillo, su wcyclingpathways, 18 maggio 2009. URL consultato il 31 luglio 2010.
  3. ^ Horrillo decides to retire, in cyclingnews.com, 8 gennaio 2010. URL consultato il 31 luglio 2010.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN279847134 · ISNI (EN0000 0003 8704 6097 · LCCN (ENnb2018006445 · WorldCat Identities (ENnb2018-006445