Apri il menu principale

Peganum harmala

specie di pianta della famiglia Nitrariaceae
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Peganum harmala
Peganum-harmala-nps.jpg
Fiore di Peganum harmala
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Eudicotiledoni
Ordine Sapindales
Famiglia Nitrariaceae
Genere Peganum
Specie P. harmala
Nomenclatura binomiale
Peganum harmala
L., 1753
Nomi comuni

Pegano, Harmala, Ruta siriana

La ruta siriana (Peganum harmala L., 1753) è una pianta della famiglia Nitrariaceae, originaria della regione orientale dell'India.

DescrizioneModifica

 
Fiore di Peganum harmala

È una pianta succulenta perenne. Diventa legnosa con il tempo e cresce fino a 30-60cm. Presenta foglie lunghe circa 5 cm e leggermente divise. I fiori sono bianchi, a 5 petali,e danno vita a 2-4 capsule cavitate di circa 1 cm di diametro.

Distribuzione e habitatModifica

La specie è originaria della regione orientale dell'India. Cresce anche negli Stati Uniti come pianta invasiva in Arizona, California, Montana, Nuovo Messico, Nevada, Oregon, Texas e Washington. È raramente trovabile in Italia nella Puglia e in Sardegna. Si può trovare anche nelle regioni aride dell'Africa settentrionale e dell'Asia.

ProprietàModifica

I semi e le radici contengono alcaloidi quali l'armina (0.44-1,84%), l'armalina (0,25% -0,79%) e la tetraidroarmina. Questi alcaloidi agiscono da MAO-inibitori, ovvero impediscono la degradazione di alcune molecole nello stomaco quali la psilocibina o la DMT, potenziando gli effetti sul corpo umano della prima e permettendo quelli della seconda, che altrimenti sarebbero pressoché nulli.[1]

UsiModifica

 
Semi riscaldati su fiamma come incenso

I semi secchi miscelati con altri ingredienti sono posti su del carbone, dove esplodono con piccoli rumori, sprigionando un fumo profumato.
Gli steli, le radici e i semi possono essere utilizzati per realizzare inchiostri, coloranti per tappeti e lana, e tatuaggi.
Il preparato ottenuto dalla combinazione di un MAO-inibitore con una pianta contenente DMT è chiamato Anahuasca (dall'inglese Analogue of Ayahuasca, ossia un analogo dell'Ayahuasca), Peganum harmala è stata spesso utilizzata per la preparazione di questo infuso.[2]

NoteModifica

  1. ^ OTT J. Pharmahuasca: human pharmacology of oral DMT plus harmine. J Psychoactive Drugs. 1999; 31: 171-177
  2. ^ (EN) Giorgio Samorini, Peganum Harmala, the “Ayahuasca” of North Africa and Eurasia, su Kahpi, 1º marzo 2019. URL consultato il 27 aprile 2019.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica