Pepé Le Pew

personaggio dei cartoni animati Looney Tunes
Pepé Le Pew
Pepé.png
Pepé fa la corte ad una pantera travestita
Lingua orig.Inglese
AutoreChuck Jones
StudioWarner Bros.
1ª app.1945
1ª app. inIl gatto puzzola
Voci orig.
Voci italiane
Speciepuzzola
SessoMaschio

Pepé Le Pew è un personaggio immaginario ideato da Chuck Jones, Tedd Pierce e Michael Maltese[1][2] nel 1945 e apparso in decine di cortometraggi animati, uno dei quali, For Scent-imental Reasons, vinse un premio Oscar nel 1949.[3][4][5][6]

Caratteristiche del personaggioModifica

Il personaggio è una moffetta maschio dal forte accento francese, di indole romantica, ma soprattutto molto invadente.[3][5] La tipica trama lo vede inseguire appassionatamente una gattina bianconera da lui scambiata per una della sua razza[3] perché vari incidenti finiscono, ogni volta, per tracciare sulla micia una striscia bianca all'inizio dell'episodio. Mentre è chiarissima la ripugnanza che la felina mostra per Pepé, questo continua a corteggiarla nei modi più assurdi e, appunto, invadenti. La gatta è stata denominata in seguito Penelope Kitty, ma inizialmente era anonima.

FilmografiaModifica

La prima apparizione si ebbe nel corto animato Odor-able Kitty (1945) della serie Looney Tunes e diretto da Chuck Jones.[2][7] La sceneggiatura fu scritta da Tedd Pierce.[1]

In questa prima apparizione è statunitense, padre di famiglia, e si chiama Henry. La vittima dei suoi corteggiamenti appassionati è un gatto maschio, che si è travestito deliberatamente da moffetta per liberarsi da un cagnaccio.

Il personaggio è il protagonista di una serie di cortometraggi prodotti dal 1945 al 1962. Fa una breve apparizione in Dog Pounded (1954), un episodio della serie di Gatto Silvestro, dove scambia il felino per una puzzola, dopo che questi si è dipinto una striscia sulla schiena per spaventare i cani del canile in cui vive Titti. Appare anche nei due film Looney Tunes: Back in Action e Space Jam.

Altri mediaModifica

Compare in videogiochi della serie Looney Tunes, come Back in Action, Looney Tunes Racing, Bugs Bunny Rabbit Rampage, Space Jam, Looney Tunes Allert e Bugs Bunny Crazy Castle.

NoteModifica

  1. ^ a b Thompson (1998), p. 240-241
  2. ^ a b Pepe Le Pew, A Looney Webpage. URL consultato il 2 novembre 2013.
  3. ^ a b c (EN) ContributorWatchers of good TV Hulu, 9 Incredibly Reckless Classic Cartoons We'd Never Let Our Kids Watch Now, su HuffPost, 8 agosto 2013. URL consultato il 5 novembre 2019.
  4. ^ (EN) Dominic Patten, Dominic Patten, Max Landis Writing ‘Pepe Le Pew’ Pic, He Tells Comic-Con, su Deadline, 24 luglio 2016. URL consultato il 5 novembre 2019.
  5. ^ a b Pepé Le Pew, Max Landis per il film sulla puzzola Looney Tunes, su Cineblog.it, 25 luglio 2016. URL consultato il 5 novembre 2019.
  6. ^ Pepé Le Pew: Max Landis sta scrivendo un film sulla puzzola dei Looney Tunes [VIDEO], su Velvet Cinema, 6 agosto 2016. URL consultato il 5 novembre 2019.
  7. ^ Pepe Le Pew: Stinky, Chuck Jones.com. URL consultato il 2 novembre 2013.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Animazione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di animazione