Apri il menu principale

Per sempre (film 1987)

film del 1987 diretto da Lamberto Bava
Per Sempre - Fino alla morte
Per Sempre (1987).JPG
I titoli di testa del film
Titolo originalePer Sempre - Fino alla morte
PaeseItalia
Anno1989
Formatofilm TV
Generehorror, thriller
Durata93 min
Lingua originaleinglese / italiano
Rapporto1.66:1
Crediti
RegiaLamberto Bava
SoggettoDardano Sacchetti, Elisa Briganti
SceneggiaturaDardano Sacchetti, Lamberto Bava
Interpreti e personaggi
Doppiatori e personaggi
FotografiaGianlorenzo Battaglia
MontaggioMauro Bonanni
MusicheSimon Boswell, Mara Catalano
ScenografiaAntonello Geleng
CostumiValentina Di Palma
TruccoFabrizio Sforza
Effetti specialiAngelo Mattei, Ditta Ricci, Fabrizio Sforza
Produttore esecutivoMassimo Manasse, Marco Grillo Spina
Casa di produzioneReteitalia, Dania Film, Devon Film
Prima visione
Data15 agosto 1989
Rete televisivaItalia 1

Per Sempre (conosciuto anche come Fino alla morte) è un film per la televisione del 1989 diretto da Lamberto Bava. Faceva parte di una serie per la tv commissionata da Reteitalia, che si chiamava Brivido Giallo e composta anche da Una notte al cimitero, La casa dell'orco, A cena col vampiro. Viene ritenuto da alcuni un remake de Il postino suona sempre due volte in chiave fantastico - thriller.[1]

In alcuni mercati è stato distribuito con il nome The Changeling 2 e presentato come sequel non ufficiale del film Changeling di Peter Medak.[1]

TramaModifica

Linda, una donna incinta, con l'aiuto dell'amante Carlo, si sbarazza del marito e seppellisce il suo corpo in un campo. Otto anni dopo la donna gestisce la locanda del defunto marito, in compagnia di Carlo e di Alex, suo figlio. Ma in una notte tempestosa, un misterioso viaggiatore si presenta alla sua porta, chiedendo un riparo. Non avendo i soldi per pagare, lo sconosciuto si offre allora di lavorare nella locanda. Il suo atteggiamento si rivela però piuttosto ambiguo, ricorda molto quello del marito ucciso, tanto che Carlo pensa che sia un infiltrato della polizia.

NoteModifica

  1. ^ a b Roberto Curti, Italian Gothic Horror Films, 1980-1989, McFarland, 2019, ISBN 1476672431.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione